redditometro

Fisco, sotto la lente del nuovo redditometro dalle terme alla tv a pagamento

Pubblicato il 28 Set 2015 alle 6:28am

Terme, centri benessere e trattamenti estetici, abbonamenti a tv a pagamento, assegni al coniuge, rette ad asili nido, risparmi destinati a fondi di investimento, e molto altro ancora, sotto la lente del Fisco e del nuovo redditometro, il cui decreto è stato pubblicato un paio di giorni fa in Gazzetta Ufficiale.

Al fine di combattere con questo nuovo strumento di controllo, l’evasione fiscale, andando ad incrociare, molti più dati tra reddito dichiarato e spese sostenute, per individuare possibili discrepanze ai fini dell’effettivo tenore di vita.

Accertamenti che scatterebbero in presenza di scostamenti del 20% fra reddito dichiarato e spese sostenute, con la possibilità per il contribuente di potersi difendere, anche in contradditorio.

Una nuova versione che elimina le «spese medie dell’Istat». Che riguarda principalmente «la determinazione sintetica del reddito complessivo delle persone fisiche», per la quale «l’ammontare risultante dalle informazioni presenti in anagrafe tributaria si considera prevalente a quello calcolato induttivamente».

Sotto esame, i redditi a partire dal 2011 (in precedenza si parlava di redditi dal 2009) e oltre 100 voci di spesa che vanno a ricalcare quelle della precedente versione del redditometro, divise in due grandi macro-aree: consumi ed investimenti.

La prima comprendente acquisti alimentari, abitazione (mutuo, affitto, condominio, i compensi all’agente immobiliare), combustibili, arredo, sanità e trasporti, con un dettaglio che scende fino al costo al metro per le riparazioni dei veicoli a motore o a vela.

Una secondo macro – area comprendente invece istruzione, tempo libero, cura degli animali d’affezione.

Fisco, in arrivo oltre 20mila lettere per discordanza tra reddito e spese sostenute

Pubblicato il 12 Mag 2014 alle 1:30pm

Cominciano ad arrivare ad oltre 20 mila contribuenti le lettere dell’Agenzia delle Entrate ai fini del Redditometro. (altro…)

Redditometro al via, tutto ciò che il Fisco vuole sapere dai contribuenti

Pubblicato il 04 Feb 2014 alle 6:30am

Dal 31 gennaio è partita l’operazione trasparenza su tutti i conti correnti bancari. Il Fisco potrà analizzare i movimenti dei contribuenti, per ricostruire le entrate e le uscite. Dal 1° febbraio, partono anche gli accertamenti, relativamente a tutti i movimenti a partire dall’anno 2011. (altro…)

Redditometro e casa: ecco le principali novità

Pubblicato il 01 Ago 2013 alle 8:25am

Nel decreto del governo, varato per l’economia, arriva il nuovo redditometro che ha come obiettivo quello di scovare gli evasori. Esso tiene conto di nuovi dati che possano portare alla ricostruzione del reddito. Inoltre, sarebbe prevista una ‘tolleranza’ del 20% rispetto a quanto dichiarato, un ”doppio contraddittorio” con il contribuente e l’uso solo di spese e dati certi senza tener conto di quelle che sono le medie Istat.

Bisognerà, pertanto, dichiarare dai beni di prima necessità, come cibo, bevande fino ai detersivi, dai consumi sino al cavallo, dalla scommessa online alla retta dell’asilo nido, dal mutuo ai risparmi.

Ma non è tutto. L’Agenzia delle entrate annuncia che ai fini delle case, in caso di cessioni, risoluzioni e proroghe, anche tacite, dei contratti di locazione o di affitto di beni i dati potranno essere presentati con il modello 69, presso gli uffici dell’Agenzia, in forma cartacea o per via telematica insieme al pagamento delle imposte nei casi di cessioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione e di affitto.

Che cos’è il Redditometro? Ecco in cosa consiste

Pubblicato il 08 Gen 2013 alle 10:21am

Il redditometro come spiega in una lettera al “Corriere della Sera” Attilio Befara, direttore dell’Agenzia delle Entrate, non significa Stato di polizia. (altro…)

Spesometro: dal 1° luglio shopping sotto esame. Scontrini con cf per acquisti dei privati

Pubblicato il 31 Mag 2011 alle 9:10am

Dal 1° luglio arriva lo «spesometro», chiamato a raccontare all’amministrazione finanziaria tutto lo shopping di un certo spessore fatto da ogni contribuente. (altro…)