regime alimentare

Dieta della bresaola, come perdere una taglia in due settimane

Pubblicato il 10 Dic 2018 alle 9:00am

La bresaola è la protagonista assoluta di una dieta che permette di perdere in poche settimane una taglia, senza fare grosse rinunce.

Merito di questo salume crudo, non affumicato, realizzato con salatura, il fatto di avere all’interno pochissimi ed essenziali grassi ma in compenso molte proteine. Ecco, perché, costa anche più degli altri salumi. Il suo gusto molto delicato, ma al tempo stesso sapido, lo rendono un alleato perfetto per chili in eccesso.

100 grammi di prodotto contengono in media 150 calorie, una caratteristica che rende questo alimento molto light.

Gustosissimo con il limone, un filo d’olio d’oliva, rucola e parmigiano reggiano.

Ottimo anche con le zucchine o gli asparagi, per una ricetta super veloce e dietetica. Provate infatti la bresaola anche con gli spinaci e i pomodori. Ideale anche per uno spuntino veloce pomeridiano con una galletta di riso e Philadelphia.

A colazione, potete iniziare la vostra giornata con una tazza di tè verde, yogurt greco e cereali integrali. A pranzo gustare pasta integrale con pomodoro e basilico, mentre a cena assaporare bresaola e rughetta, condita con una spruzzata di limone. Come snack infine frutta secca oppure un frutto di stagione.

Questo regime alimentare è perfetto anche per gli sportivi che vogliono rimanere leggeri. Ricordatevi, però, che la bresaola può risultare abbastanza salata, quindi cercate di non esagerare con le pressioni, bevendo almeno due litri di acqua al giorno. Prima di effettuare la dieta chiedete sempre consiglio al vostro medico di fiducia, poiché è sconsigliata per coloro che soffrono di pressione arteriosa alta.

Digiuno, un buon alleato contro il dolore cronico

Pubblicato il 22 Lug 2018 alle 8:28am

Un regime alimentare con poche calorie, per periodi intermittenti, potrebbe aiutare a ridurre il dolore cronico causato da nevralgie. A rivelarlo è uno studio italiano condotto su un modello animale e pubblicato sulla rivista scientifica Faseb che ha identificato il possibile coinvolgimento di un nuovo recettore nella percezione del dolore dovuto a neuropatie periferiche. (altro…)