salmone

Salmone, antiossidante naturale ricco di vitamina B

Pubblicato il 17 Dic 2019 alle 6:13am

Il salmone, ricco di proprietà salutari, tra cui primeggiano gli acidi grassi come gli omega-3. Annoverati tra gli acidi essenziali – indi non sintetizzati dal nostro organismo – noti per la loro efficacia antiossidante e antinfiammatoria.

Un etto di pesce contiene circa 2 grammi di questi importantissimi acidi grassi, considerati tra i principali motivi per cui vale la pena introdurre il salmone nella propria alimentazione.

Secondo diversi studi, tra cui quella ricerca del 2012 effettuata da un team di scienziati della Chinese Academy of Medical Sciences – che ha esaminato gli effetti della supplementazione di omega-3 sulla funzione endoteliale (ossia del tessuto che riveste le cavità cardiache), revisionando 16 studi (riguardanti nello specifico la situazione di 901 persone), l’assunzione di omega-3 compresa tra gli 0,45 e i 4,5 grammi quotidiani consente di apprezzare un miglioramento notevole della funzione endoteliale, con ovvi vantaggi per la salute del cuore. Per soddisfare il fabbisogno di grassi omega-3, i nutrizionisti hanno consigliato di consumare, se non sussistono controindicazioni, due porzioni di salmone a settimana.

Tra i motivi per cui è opportuno introdurre questo pesce nella dieta è possibile citare la presenza di proteine nobili, fondamentali quanto gli omega-3 ai fini di una dieta equilibrata. Da non trascurare la presenza di vitamine del gruppo B (il salmone le contiene tutte, fatta eccezione per la vitamina B8).

Queste sostanze sono responsabili di diverse funzioni importanti per la salute umana. Nell’elenco è possibile citare l’efficienza del sistema nervoso e la trasformazione del cibo assunto in energia. Fondamentale è anche la loro carica antinfiammatoria, che le rende delle ottime alleate della salute del cuore.

Il salmone, ottima fonte, anche di potassio e di selenio, minerali utili per la regolarità pressoria e funzionalità tiroidea, dovrebbe essere consumato previa cottura. Come evidenziato dagli esperti di Humanitas, cuocere il salmone consente di annientare diversi parassiti, come per esempio il pericoloso Anisakis.

Nei casi in cui ci si trova nella situazione di consumarlo crudo, è opportuno informarsi in merito al congelamento preventivo che, secondo la normativa comunitaria vigente, deve essere effettuato considerando una temperatura di -20°C e un lasso di tempo di 24 ore prima del consumo.

Per quanto riguarda le alternative per introdurlo nellanostra alimentazione, ricordiamo il salmone in padella, il salmone in padella e la tartare di salmone, semplice da preparare e guarnibile con altri cibi salutari e gustosi, come per esempio l’avocado, finocchi, spinaci, insalate, cavolfiori, ecc ecc.

Poke-mania, la cucina hawaiana che spopola anche in Italia

Pubblicato il 02 Apr 2018 alle 6:01am

Arriva anche in Italia la Poke-mania, ossia l’insalata di pesce crudo made in Hawaii, servita in una grossa ciotola. (altro…)

Italiani attenti all’alimentazione, 1 su 3 considera i superfood sostituti dei farmaci

Pubblicato il 16 Apr 2017 alle 9:26am

Un italiano su tre (33%) considera i superfood, ossia tutti quegli alimenti, ricchi di proprietà salutari per corpo e mente, rimedi naturali in alternativa dei farmici e come forma di prevenzione per scongiurare determinate patologie, mantenersi più giovani, ed energici. (altro…)

Ricetta light e antiossidante: Salmone al forno con patate lesse e crema di Certosa all’arancia

Pubblicato il 07 Nov 2016 alle 7:21am

Una ricetta semplice e veloce da preparare, ricca di Omega 3 e vitamina C: Salmone al forno con patate lesse e crema di Certosa all’arancia . Un alleato prezioso per la salute della pelle, del sistema immunitario e dell’organismo. (altro…)

Ecco quali sono i cibi che ci fanno vivere più a lungo o meno

Pubblicato il 07 Lug 2016 alle 6:17am

Secondo una recente ricerca condotta da Harvard Chan School e Brigham and Women,s’ pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Interna Medicine, esistono dei cibi che ci allungano la vita e altri che ce la accorciano.

Il segreto starebbe nei grassi insaturi (polinsaturi e monoinsaturi) contenuti in alcuni alimenti, i quali andrebbero preferiti ai grassi saturi e soprattutto, ai grassi trans.

I quattro cibi salutari sono: olio extravergine d’oliva, frutta secca, semi (quelli di lino o di girasole), salmone.

La dieta raccomandano gli esperti dopo aver monitorato 126mila persone per 32 anni, sempre variegata e bilanciata.

I cibi da evitare sono invece quelli che contengono grassi saturi della carne rossa, del lardo, del burro e simili: che è meglio sostituirli con l’olio di semi, di soia o d’oliva.

Sostituendo i grassi saturi con i grassi insaturi, i soggetti della ricerca hanno ottenuto una significativa riduzione del rischio di morte per cancro, malattie neurodegenerative, malattie respiratorie e cardiovascolari.

Alghe e salmone contrastano acne e macchie cutanee

Pubblicato il 04 Dic 2013 alle 9:26am

Un gruppo di ricercatori scozzese dell’Università di Stirling, ha scoperto che le alghe marine possono aiutare a combattere l’acne e altri inestetismi della pelle tra cui le macchie cutanee. (altro…)