Scavi di Pompei

Mibac: Colosseo, Scavi di Pompei e Uffizi guidano la classifica italiana dei siti più visitati del 2018

Pubblicato il 16 Feb 2019 alle 1:20pm

I musei e i siti archeologici statali sono stati visitati nel 2018 da oltre 55 milioni di persone (55.504.372), con un aumento superiore ai 5 milioni di visitatori rispetto all’anno solare 2017 (50.169.316). Ad annunciarlo è il Mibac, che spiega anche che gli incassi lordi sono cresciuti dai 193.915.765 euro del 2017 ai 229.360.234 euro del 2018 (+35,4 milioni).

Guida la classifica l’area Colosseo – Foro Romano – Palatino, che fa segnare un +8,73% passando da 7.036.104 visitatori del 2017 a 7.650.519 del 2018. Al secondo posto l’area archeologica di Pompei che aumenta il numero di visitatori del 7,78% passando da 3.383.415 Ingressi a 3.646.585 Del 2018. A seguire la Galleria degli Uffizi con il corridoio vasariano che fa registrare un leggerissimo decremento, dello 0,19%, calando da 2.235.328 A 2.231.071 Visitatori.

Tra i 30 siti più visitati nel 2018 il maggior incremento è stato registrato dai Musei reali di Torino (+27,82), Palazzo Pitti a Firenze (+24,23%), le Grotte di Catullo e il Museo archeologico di Sirmione (+18,83%) e il Giardino di Boboli a Firenze che risale la classifica fino ad essere il quinto sito più visitato in italia con il suo +17,92.

Pompei, eruzione Vesuvio avvenuta il 17 ottobre del 79 d.c e non il 24 agosto. Ecco perché

Pubblicato il 17 Ott 2018 alle 6:50am

Un’iscrizione a carboncino supporta fa supporre che la data dell’eruzione del Vesuvio fosse ad ottobre e non ad agosto. È una delle ultime scoperte venute alla luce dagli scavi nella Regio V di Pompei. La scritta è, infatti, datata al sedicesimo giorno prima delle calende di novembre corrispondente dunque al 17 ottobre.

“Una scoperta straordinaria”. È così che il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, definisce il ritrovamento dell’iscrizione che cita la data del 17 ottobre del 79 d.c a supporto di quelle teorie che sostengono che l’eruzione possa essere avvenuta successivamente al 24 agosto.

Il ministro, che a breve sarà a Pompei, in una nota sottolinea “ciò che i nuovi scavi rappresentano, ossia l’eccezionale competenza del nostro Paese”.

Stanotte a Pompei: Alberto Angela porta i tesori di Pompei in prima serata questa sera su Rai1

Pubblicato il 22 Set 2018 alle 10:56am

Potrebbe essere l’olio d’oliva solidificato più antico mai ritrovato prima: è in una bottiglia di vetro conservata nei depositi del Museo archeologico nazionale di Napoli e proviene da una delle città vesuviane sepolte dall’eruzione del 79 d.C. Alberto Angela, mostra il reperto insieme a Paolo Giulierini, direttore del MANN nel corso della presentazione stampa di “Stanotte a Pompei”, in onda questa sera, 22 settembre, in prima serata su Rai1. Il reperto è attualmente studiato dagli esperti del dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli. (altro…)

Campania, seconda regione di Italia più visitata per siti archeologici e musei. In testa Pompei

Pubblicato il 17 Lug 2017 alle 9:29am

La Campania con i suoi musei e i suoi siti archeologici si conferma la seconda regione, dopo il Lazio, per numero di visitatori. (altro…)

Elton John in concerto negli Scavi di Pompei il 12 luglio prossimo

Pubblicato il 06 Mar 2016 alle 7:45am

Elton John suonerà negli Scavi di Pompei, il 12 luglio prossimo, per la terza data italiana del suo nuovo tour mondiale.

Non ancora deciso se l’artista si esibirà all’interno del Teatro Grande o nell’Anfiteatro Romano, che 45 anni fa fece da scenario alla leggendaria performance dei Pink Floyd per il documentario “Live at Pompei”.

Per Elton John, il concerto di Pompei si va ad aggiungere a quelli già programmati per il 15 luglio a Barolo (Cn) e Piazzola sul brenta (Pd) il 16.

Pompei, riaprono sei domus, c’è anche un’antica tintoria

Pubblicato il 25 Dic 2015 alle 6:52am

Sono sei le domus restaurate e restituite a partire da ieri ai visitatori degli scavi di Pompei. Le domus sono state riaperte alla presenza del presidente del Consiglio Matteo Renzi e del ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini.

Si tratta della Fullonica di Stephanus, la Casa del Criptoportico, la Casa di Paquius Proculus, la Casa del Sacerdos Amandus, la Casa di Fabius Amandio e la Casa dell’Efebo, il cui restauro è stato portato a termine dalla Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia grazie ai fondi del Grande Progetto Pompei, che ammontano a ben 105 milioni di euro e che stanno restituendo splendore al grande sito archeologico campano, patrimonio dell’umanità. Uno dei più visitati al mondo, dopo anni di crolli e danneggiamenti dovuti all’incuria e ad una scarsa manutenzione.

Tra i siti che verranno riaperti oggi spicca uno degli edifici storicamente più ammirati dai turisti, la fullonica di Stephanus, che era una tintoria per il trattamento delle stoffe che venivano colorate in una grande vasca posta al centro dell’edificio. L’apertura sarà anche l’occasione per fare il punto sull’avanzamento dei lavori del grande progetto Pompei. Il sito archeologico, come accade da due anni, rimarrà chiuso il giorno di Natale e il 1 gennaio, ma dal 26 dicembre al 10 gennaio Scabec (società campana beni culturali), propone due percorsi inediti che guideranno gli ospiti alla scoperta delle domus appena restaurate e di aree normalmente chiuse al pubblico. I percorsi (informazioni dettagliate su www.campaniartecard.it

Pompei, inaugurata la Palestra Grande. Franceschini “Il vento è cambiato”

Pubblicato il 04 Ago 2015 alle 6:36am

Riapre al pubblico dopo 7 anni la Palestra grande di pompei. Dopo i lavori di restauro l’edificio torna al suo antico splendore arricchendosi un’importante offerta espositiva con gli affreschi di Moregine che – dopo aver fatto il giro del mondo saranno per la prima volta – saranno esposti all’interno del portico meridionale della palestra.

All’inaugurazione della ‘Palestra Grande’ e degli affreschi di Moregine, pesenti anche il ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini e il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

“Su Pompei è cambiato il vento, lo testimoniano gli ispettori Unesco. L’Italia deve essere orgogliosa del lavoro che si sta facendo su Pompei. Non sarà qualche episodio negativo a cancellare la forza formidabile di questo lavoro”. Così il ministro dei Beni culturali, sottolinea quanto avvenuto ieri. Mentre il governatore della Campania annuncia: “Punteremo sulla mobilità e sui collegamenti ferroviari per valorizzare al massimo quello che è uno dei più grandi volani del turismo in Italia”.

“Un collegamento – osserva De Luca – culturale e allo stesso tempo funzionale al servizio della fascia costiera”. E parla di progetti in cantiere per l’area esterna del sito attraverso la definizione entro il 2015 del piano strategico con un tavolo previsto a settembre.

Spetterà alla Regione Campania il coordinamento dei 12 soggetti interessati.

Foto Ansa

Roberto Bolle and Friends in “Viaggio nella bellezza”, 25 luglio Teatro Grande degli Scavi di Pompei

Pubblicato il 24 Giu 2015 alle 7:55am

Roberto Bolle and Friends si esibiranno per la prima, questa estate 2015, il 25 luglio prossimo, al Teatro Grande degli Scavi di Pompei, per un evento davvero speciale, intitolo “Viaggio nella bellezza”. (altro…)

Scavi di Pompei, il perché restano chiusi anche a Capodanno

Pubblicato il 27 Dic 2014 alle 12:32pm

Pompei e siti archeologici vesuviani sono rimasti chiusi a Natale e resteranno chiusi anche a Capodanno . Lo ha stabilito una direttiva nazionale che riguarda tutti i musei e siti della cultura statali. (altro…)

Sito archeologico di Pompei: dal 4 agosto apertura di 10 edifici e nuove assunzioni

Pubblicato il 02 Ago 2014 alle 12:49pm

Dal prossimo 4 agosto riapriranno nel sito archeologico di Pompei otto case. (altro…)