scienza

Grazie a scienziati italiani dito bionico ridona tatto uomo amputato, primo intervento al mondo

Pubblicato il 12 Mar 2016 alle 7:29am

Per la prima volta al mondo una persona amputata, il danese Dennis Aabo Sørensen, ha potuto riconoscere nei dettagli la texture di alcuni oggetti utilizzando un dito bionico connesso a elettrodi che gli sono stati impiantati sul suo braccio, sopra il moncone, grazie ad un innovativo intervento chirurgico.

Sørensen è riuscito a riconoscere tutte le superfici ruvide e lisce nel 96% dei casi.

Un nuovo eccezionale risultato raggiunto da un gruppo di scienziati italiani dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne in Svizzera, descritto nell’articolo pubblicato alcuni giorni fa sulla rivista scientifica ‘eLife’, diretta dal premio Nobel Randy Schekman.

Alla ricerca hanno collaborato anche Università di Pisa, Ircss San Raffaele Pisana, Università Cattolica del Sacro Cuore e Università Campus Bio-Medico di Roma.

La tecnologia è stata sviluppata da Silvestro Micera e dal suo gruppo di ricerca presso École Polytechnique Fédérale de Lausanne, e presso l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, con il ricercatore Calogero Oddo e il suo team.

Lo studio ha dimostrato come, per la prima volta al mondo, un amputato possa riuscire, garzie a questo intervento, a percepire nuovamente superfici lisce o rugose in tempo reale, con un dito artificiale connesso a elettrodi inseriti in maniera chirurgica nei nervi del braccio.

Tumore alla prostata, al San Raffaele di Milano il primo intervento in Italia con una sola incisione

Pubblicato il 30 Dic 2015 alle 6:14am

Per la prima volta in Italia, è stato realizzato con successo al San San Raffaele di Milano, un intervento di prostatectomia radicale robotica single port, su un paziente di 56 anni affetto da tumore alla prostata.

A eseguire l’innovativa procedura il dottor Franco Gaboardi, esperto di chirurgia urologica mini invasiva, microchirurgia urologica e oncologia urologica, primario dell’Unità di Urologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato, insieme ai medici della sua équipe.

L’intervento standard per via laparoscopica prevede in genere l’impiego del sistema robotico DaVinci® attraverso 6 piccole incisioni, una a livello ombelicale e 5 a livello addominale. Ora invece, grazie a questo ultimo ritrovato è possibile un’ulteriore riduzione dell’invasività dell’operazione, realizzata tramite una sola incisione.

Durante l’intervento, infatti, la prostata e i linfonodi del paziente sono stati asportati con l’ausilio del robot DaVinci®, ma per mezzo di un’unica incisione periombelicale e, attraverso lo stesso accesso, anche la vescica ricollegata all’uretra per ripristinare la continuità anatomica.

Comportando così una riduzione del dolore post -operatorio e un minor danno estetico.

Arriva la superluna rosa, sabato e domenica occhi puntati al cielo

Pubblicato il 19 Giu 2013 alle 1:21pm

La notte tra sabato 22 e domenica 23 riserverà uno spettacolo unico, quello della SuperLuna Rosa. Il fenomeno del Perigeo, ossia della minima distanza del nostro satellite dalla Terra, permetterà a tutti gli appassionati di astrologia, e non di osservare ad occhio nudo una luna più grande del solito, con una maggiore luminosità e di un bellissimo colore che varierà nelle tonalità del rosa.

Combinazione questa, che si ripete circa una volta l’anno, e che per l’ultima volta è avvenuta tra il 5 ed 6 Maggio 2012. Ebbene, la distanza minima dalla Terra sarà raggiunta alle ore 7 del mattino, e corrisponderà a 356.991 chilometri. (altro…)

“World Wide Rome – Open Science – Io sono la mente” in diretta streaming unificata per la Montalcini

Pubblicato il 22 Apr 2013 alle 11:15am

Il 22 aprile 1909 nasceva Rita Levi Montalcini, e 104 anni dopo, la rete ha deciso di celebrare la scienziata, premio Nobel nel 1986, scomparsa nel 2012, ed il mondo della ricerca con un importante evento a reti unificate “Open science – Io sono la mente“.

“World Wide Rome – Open Science – Io sono la mente” in diretta streaming va in onda dalle ore 11.00 alle ore 19.00 dal Tempio di Adriano di Roma. dalle ore 11. Il suo obiettivo, è quello di indagare sul rapporto tra web e ricerca scientifica, oltre che sul futuro delle neuroscienze e sul ruolo fondamentale che ha la crescita delle cellule nervose, NGF scoperto proprio dalla Montalcini.

Io sono la mente” è una delle frasi simbolo pronunciate dal Premio Nobel. L’evento è sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, oltre che con il Patrocinio del Ministero della Sanità. Interverrano tanti ospiti illustri.

La più importante scoperta scientifica del 2012 è il bosone di Higgs

Pubblicato il 22 Dic 2012 alle 7:39am

La scoperta del bosone di Higgs è stata considerata la più importante dal punto di vista scientifico del 2012 nella classifica proposta dalla rivista Science. (altro…)