seno

Come Google scova il tumore al seno meglio degli esperti

Pubblicato il 04 Gen 2020 alle 11:59am

Google ha messo a punto un sistema di intelligenza artificiale, in grado di individuare il tumore al seno meglio dei radiologi. È questo il risultato di uno studio condotto dall’Imperial College di Londra, che ha collaborato anche con scienziati americani. Gli esiti finali sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature.

Google AI e radiologi hanno lo stesso grado di accuratezza, ma il computer scopre meglio i falsi positivi

I ricercatori hanno analizzato i dati del computer, creato dagli esperti di intelligenza artificiale del colosso americano, con le informazioni raccolte dai medici. In pratica si è voluto capire se l’intelligenza artificiale fosse migliore dell’uomo nel comprendere le mammografie.

Il problema dei falsi positivi I radiologi sbaglierebbero all’incirca 2 diagnosi ogni dieci, secondo quanto rivelato da l’American Cancer Society. L’associazione degli oncologi americani che sostiene che la metà delle donne che si sottopone agli screening in un periodo di dieci anni ha un risultato di falso positivo.

Il team di ricerca ha scoperto che l’intelligenza artificiale non solo ha le stesse capacità dei medici di individuare il tumore al seno, può anche evitare i falsi positivi, cioè la persona a cui è stato erroneamente diagnosticato un cancro alla mammella. Gli esperti a questo punto sono fiduciosi sulla possibilità di sviluppare tecnologie simili per migliorare il tasso di individuazione del tumore al seno, che colpisce una donna ogni otto. Molto meno diffuso, tra gli uomini, anche se bisogna sempre restare in allerta.

Decine di migliaia di mammografie confrontate I risultati dello studio, sviluppato con l’unità Alphabet Inc’s DeepMind AI, che si è fusa con Google Health nel mese di settembre, è un deciso passo in avanti nel trovare il tumore al seno ai primi stadi.

Per verificare l’affidabilità di questo sistema, i ricercatori hanno predisposto il sistema in modo tale che identificasse il tumore al seno su decine di migliaia di mammografie. Successivamente il gruppo di lavoro ha confrontato le prestazioni del sistema con i risultati del personale medico. Le mammografie di donne inglesi erano 25.856, mentre quelle americane 3.097, per un totale di 28.953 mammografie analizzate.

I risultati della ricerca?

La ricerca in questione, ha dimostrato che l’intelligenza artificiale è stata in grado di identificare tumori con un grado di accuratezza del tutto simile a quella dei radiologi. A cambiare è il numero di falsi positivi, che sono scesi del 5,7% tra le mammografie americane e dell’1,2% tra l’esame diagnostico svolto su cittadine britanniche. Queste differenze riflettono i modi in cui le mammografie sono lette. Negli Usa solo un radiologo legge i risultati e il test è svolto ogni anno o due. In Gran Bretagna l’esame è svolto ogni tre anni ed è letto da due radiologi. Se non sono d’accordo, se ne consulta un terzo.

Mastoplastica con metodo Zenith: la nuova metodica utilizzata dal chirurgo plastico Egidio Riggio

Pubblicato il 03 Dic 2017 alle 8:34am

Il dottor Egidio Riggio che opera nell’ambito della chirurgia plastica ed estetica da circa trent’anni da Palermo a Milano, è stato spinto per il suo lavoro ad allontanarsi dalla sua terra d’origine per approfondire quei temi che attiravano la sua attenzione professionale e che negli anni ’80 a Palermo non erano ancora ampiamente approfonditi.

Il medico palermitano infatti, ha messo a punto una tecnica sperimentale fondata sulla maggiore attenzione alla paziente e alle sue esigenze, su una resa naturale del seno e sulla riduzione di complicanze post-operatorie, il sistema Zenith.

“Il sistema Zenith è un approccio diverso alla chirurgia plastica ed estetica. Si basa – ha spiegato lo specialista – su un primo colloquio con la paziente in cui si mette a fuoco l’esigenza dell’interessata rispetto alla protesi più adatta e alle sue caratteristiche anatomiche. Ciò avviene attraverso delle specifiche misurazioni di base a cui si aggiunge un preciso rapporto numerico fra il punto di massima proiezione della protesi e il capezzolo”. Da qui la scelta di denominare questa metodica con un nome che rimandasse al rapporto numerico che indica il punto preciso, lo Zenith appunto, di intersezione tra la sfera celeste e la superficie terrestre, il frutto, cioè, di un calcolo elaborato in tutti i suoi dettagli.

Massima attenzione viene rivolta alla fase di impianto della protesi affinché, in una fase successiva, possa poi realizzarsi il miglior risultato possibile di adattamento alla parte anatomica della paziente: “Attraverso un’incisione sotto il muscolo pettorale ho adottato degli accorgimenti – ha sottolineato Egidio Riggio – che permettono di escludere effetti collaterali dovuti alla contrazione muscolare o al rigetto della protesi”.

Protesi al seno e una rara forma di linfoma non -Hodgkin, la fda lancia l’allarme

Pubblicato il 26 Mar 2017 alle 7:40am

Si rafforzano i dati sul legame fra una rara forma di cancro e le protesi al seno. A lanciare l’allarme è la Fda (Food and Drug Administration) statunitense a 6 anni di distanza dall’avvertimento lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità. (altro…)

Patty Pravo in topless durante la pausa estiva

Pubblicato il 10 Ago 2016 alle 7:38am

Patty Pravo come qualche star del panorama musicale internazionale si è fatta fotografare a seno nudo mentre prende il sole in assoluto relax. Sessantotto anni e non sentirli, portati divinamente, con una classe invidiabile e un fisico mozzafiato da fare invidia anche alle più giovani, per il suo cinquantennale della sua carriera, ha scelto di mostrarsi in tutto il suo splendore, facendo sempre molto scalpore.

Tanti i comemnti da parte dei fans. Nella foto la si vede su una sdraio con indosso solo telo mare che le copre il ventre e la vita “Qualche momento “rubato” al Tour #eccomi tour @LiveNationIT @WARNERMUSICIT”.

Il nuovo album, “Eccomi”, è realizzato in collaborazione con Federico Zampaglione, Tiziano Ferro, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e Gianna Nannini, mentre Patty è partita in tour lo scorso 1 aprile da Montecatini Terme, e dopo una breve pausa estiva concluderà il suo viaggio musicale a Cagliari il 29 marzo 2017.

Mara Maionchi, “Ho avuto due tumori al seno. Ora sto bene”, e alle donne: “Fate i controlli”

Pubblicato il 14 Gen 2015 alle 7:29am

Una confessione in diretta su Radio 105, quella di Mara Maionchi. Poi l’appello a tutte le donne: “Fate i controlli!(altro…)

#fatevedereletette è il nuovo messaggio della rete per la prevenzione al cancro

Pubblicato il 16 Set 2014 alle 9:54am

Arriva dalla rete, un invito per tutte le donne, affinché tengano d’occhio la propria salute. Un hashtag un po’ insolente #fatevivedereletette al fine di invogliarle ad abbandonare perplessità ed incertezze, e a farsi controllare periodicamente il seno. (altro…)

Come rassodare il seno in modo naturale

Pubblicato il 23 Mar 2014 alle 7:41am

Ogni donna, anche giovane, spera di imparare qualche trucco per rassodare in modo naturale e semplice il proprio seno. (altro…)

Su Frecciarossa da ottobre visite gratuite in treno per la prevenzione al femminile

Pubblicato il 03 Ott 2013 alle 11:40am

Per tutto il mese di ottobre, dal lunedì al venerdì, a bordo di due Frecciarossa direzione Roma – Milano, è partita una campagna di prevenzione in rosa, dove le donne possono richiedere una consulenza gratuita a specialisti sottoponendosi ad una visita senologica.

Frecciarosa, iniziativa promossa dalle Fs Italiane, offre consulenze mediche gratuite e vademecum con consigli ed indicazioni per tutta la famiglia.

La prevenzione è rivolta anche all’uomo, alle buone abitudini alimentari, e ad uno stile di vita sano, con una particolare attenzione per i bambini e al rischio genetico.

Tale campagna di sensibilizzazione nella prevenzione delle malattie femminili è nata grazie alla collaborazione con l’Associazione IncontraDonna onlus, e il patrocinio del Ministero della Salute.

Kylie Minogue: “Guarita da tumore al seno” ringrazia la Jolie

Pubblicato il 28 Giu 2013 alle 11:12am

Kylie Minogue è guarita dal tumore al seno e ora ringrazia Angelina Jolie da parte di tutte le donne per il coraggio che ha avuto nel riuscire a parlarne in pubblico. (altro…)

Per sistemare un seno rilassato dopo l’allattamento non ci saranno più cicatrici

Pubblicato il 26 Mag 2012 alle 11:29am

Le donne che non vogliono avere un seno rilassato e cadente, dopo un allattamento o un eccessivo dimagrimento, possono ora ricorrere alla chirurgia estetica, senza avere più l’incubo di trovarsi poi delle antiestetiche cicatrici. (altro…)