sesso

Menopausa e sessualità: il cerotto che salva il desiderio

Pubblicato il 17 Ott 2017 alle 10:59am

E’ in arrivo un cerotto contro la menopausa, che potrebbe cambiare la vita di molte donne dal punto di vista sessuale. Sul Jama Internal Medicine è stato infatti pubblicato uno studio che potrebbe che spiega gli effetti benefici di questo ritrovato. (altro…)

Il villaggio dove i bimbi nascono femmine e diventano maschi a 12 anni

Pubblicato il 10 Ago 2017 alle 9:23am

Secondo il Sun e la BBC, nel villaggio di Salinas nella Repubblica Dominicana i avrebbero i testicoli solo dopo il 12esimo anno di età. Si tratterebbe di un raro disturbo genetico, in grado di impedire la produzione nel grembo materno di un ormone maschile, chiamato dido-testosterone. (altro…)

Donna incinta al 6^ mese di gravidanza rimane paralizzata dopo aver fatto sesso col marito

Pubblicato il 29 Giu 2017 alle 10:38am

Una donna di 43 anni, inglese, Lucinda Allen, incinta di sei mesi aveva avuto un rapporto con il marito e durante l’orgasmo si è generata una emorragia cerebrale. (altro…)

India, arriva il manuale che vieta a donne incinte di fare sesso e mangiare carne

Pubblicato il 21 Giu 2017 alle 10:25am

Un manuale governativo di “buoni consigli” di vita sana è stato pubblicato in India per le donne che aspettano un figlio, a cui si chiede loro di astenersi dal consumo di carne, di non praticare sesso e di avere cattivi pensieri.

Un’iniziativa che ha suscitato non poche polemiche e reazioni ironiche, da parte di specialisti e movimenti femminili.

Il vademecum, intitolato “Cura della madre e del bambino”, è stato diffuso alla vigilia della Giornata internazionale dello Yoga dal ministero dell’Ayush, che promuove l’uso di terapie alternative (Ayurveda, yoga, unami, siddha, omeopatia e naturopatia). I media indiani hanno usato per lo più toni ironici nel presentare giorni fa il libricino che propone una serie di comportamenti fra cui, oltre a «non mangiare carne e non avere relazioni sessuali», «evitare cattive compagnie, formulare pensieri spirituali, leggere biografie di grandi personaggi, ed appendere belle immagini in camera da letto».

Morta dopo una notte di sesso e droga. Nel video urla al fidanzato: “Fermati”, ma lui non lo fa

Pubblicato il 28 Mag 2016 alle 11:19am

Silvia Bergamo, si scopre a distanza di anni, essere morta a trent’anni dopo una notte di sesso sfrenato. Una notte di sesso estremo a base di alcol e droga nella casa dove viveva con lui, Manuel Boccadifuoco, di tre anni più grande di lei.

Una morte sopraggiunta nel salotto di quell’abitazione di Albignasego, via Volta 35, dove è stata trovata sdraiata sul pavimento, mentre Manuel aveva cercato di prendere sonno nella camera da letto e di lei, senza più curarsi della giovane.

L’allarme sarebbe scattato il pomeriggio successivo, del 3 giugno 2012, quando le colleghe di Silvia, commessa nella profumeria Yves Rocher del centro commerciale Ipercity di Albignasego, alle porte di Padova, avevano bussato alla porta di casa preoccupate della sua assenza a lavoro. Doveva aprire lei quel pomeriggio, ma al loro arrivo le saracinesche del negozio erano ancora abbassate, pensando di trovarla addormentata, o che stava male è poi scattato l’allarme, epr la tragica scoperta.

Manuel e Silvia la notte tra il 2 e il 3 giugno di quattro anni fa, avevano ripreso con delle videocamere i loro rapporti sessuali al limite del sadomaso per poi postarli su internet, in siti dedicati. L’avevano già fatto altre volte, l’avrebbero fatto ancora quella notte in cui la telecamera del magazziniere aveva registrato tutto ciò che acacdeva tra loro. Immagini molto forti divenute ora la prova dell’accusa contro il trentasettenne, omissione di soccorso. Sei video, uno dietro l’altro fino alle 3.30 del 3 giugno, con Silvia legata mani e piedi in diverse posizioni e Manuel che ha ripetuti rapporti feticisti con lei, utilizzando oggetti di vario tipo. All’inizio la ventinovenne partecipa con gusto, poi cambia qualcosa.

Negli ultimi due filmati Silvia, stremata invoca pietà: «Togli. Ti prego no, togli per favore», ma lui non lo fa. Si vede che sta male, vomita, non respira bene. Ma niente, lui continua fino a portarla alla morte per un’ischemia cerebrale e uno choc dovuto alla droga. La giovane, sostengono gli inquirenti, si sarebbe potuta salvare.

Fare sesso fa bene alla salute: al cuore, al buonumore e all’influenza

Pubblicato il 23 Feb 2016 alle 7:10am

Secondo lo psicologo Gordon Gallup, che ha pubblicato un recente studio su ‘Archives Of Sexual Behaviour’, è il sesso un efficace alleato di buona salute. (altro…)

Roma, Valentino T ha contagiato oltre 30 donne con il virus Hiv

Pubblicato il 10 Gen 2016 alle 7:49am

Il giovane 31enne di Acilia affetto da Aids, Valentino T, avrebbe infettato almeno trenta donne. A un mese e mezzo dal suo arresto avrebbe contagiato («una leggerezza» dice lui) centinaia di ragazze, gli investigatori hanno almeno due certezze in più.

Le vittime sarebbero trenta, mentre altre dieci donne che si sono presentate agli investigatori in questi giorni sono risultate negative al test.

La seconda novità che emergerebbe è che il ragazzo non era stato in grado di ricostruire con il pubblico ministero Francesco Scavo.

Ora saltano fuori dall’analisi del suo pc. Una perizia richiesta dalla Procura. Dopo aver interrogato mail e whatsapp, una volta risaliti alle identità dietro i nickname, gli agenti della polizia giudiziaria sono riusciti a disporre di un elenco attendibile di possibili vittime.

Educazione sessuale, la proposta di Rocco Siffredi al Ministero dell’istruzione

Pubblicato il 24 Dic 2015 alle 5:56am

L’Italia è uno dei pochi Paesi europei in cui l’educazione sessuale nelle scuole non è ancora arrivata, non è ancora obbligatoria. E allora #cipensaRocco. Siffredi, ovviamente, che ci mette anche “la faccia e l’esperienza”, offredosi come docente.

Si avete capito bene. Con una lettera indirizzata al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il pornodivo italiano si offerto di insegnarla lui in tutte le scuole italiane, lanciando addirittura una petizione su Change.

Proposta che è piaciuta a tanti, non si sa ancora se solo a studenti o anche a genitori. Così in meno di 24 ore l’iniziativa ha raccolto solo ieri oltre 20mila adesioni.

“La pornografia dovrebbe essere intrattenimento, ma in mancanza di alternative è diventata uno strumento di apprendimento, soprattutto tra i giovani. Secondo voi è normale?” chiede Siffredi.

“In Italia contiamo decenni di proposte sull’educazione sessuale e nessuna legge. Non esiste una legge, dunque, nonostante ci sia richiesta di formazione. Sono un fiero di fare il porno attore e regista, di essere protagonista di quasi 2000 film porno girati da attore e 450 da regista e fin da giovanissimo di aver voluto dedicare la mia vita al sesso”.

Siffredi spiega anche il perché di sentirsi la persona giusta per insegnare educazione sessuale: ”Perché faccio il mio lavoro da 30 anni e ho acquisito abbastanza esperienza per assicurare che quello che faccio io non è educazione sessuale, bensì altro, pornografia appunto”. “Cosa stiamo ancora aspettando?” chiede ancora il pornodivo, che conclude la lettera al Ministro con un malizioso #Cometogether.

Allarme Chemsex, sesso e droga insieme: rischio dipendenza e malattie veneree

Pubblicato il 06 Nov 2015 alle 6:16am

Si chiama chemsex, ed è una e pericolosa pratica di fare sesso assumendo droghe, diffusa anche in Italia.

Pare sia molto diffusa soprattutto tra i giovani, che cercano di aumentare le proprie performance sessuali rischiando anche di contrarre malattie a trasmissione sessuale, prima tra tutte l’hiv.

A lanciare l’allarme, alcuni specialisti dell’Nhs Foundation Trust sul “British Medical Journal”.

In sostanza, rivelano gli esperti, assumendo amfetamine si riesce fare sesso anche per ore, ad avere prestazioni sessuali migliori, meno inibizioni e più piacere.

Ma gli effetti sulla salute sono veramente drammatici: danni alla psiche anche gravi e permanenti. Giornate intere di scuola o lavoro perso, insonnia, inappetenza di 72 ore, senza contare il rischio di infezioni e malattie veneree come l’hiv.

Problemi sessuali nella coppia: dopo Napoli e Bari, anche Milano ha la sua struttura sanitaria

Pubblicato il 13 Dic 2014 alle 7:26am

Ha aperto, di recente, a Milano, all’ospedale Niguarda, un vero e proprio “pronto soccorso di coppia” capace di risolvere i problemi sessuali, di lui e di lei. (altro…)