sigaretta elettronica

Sigaretta elettronica, uno studio rivela che l’acetato di vitamina E causa malattie polmonari

Pubblicato il 26 Dic 2019 alle 8:07am

In nuovo studio pubblicato dal The New England Journal of Medicine conferma il legame esistente tra malattie polmonari e acetato di vitamina E. Sostanza contenuta nelle ricariche illegali di sagarette elettroniche a base di marijuana. Trovata in quasi tutti i campioni di fluidi ottenuti dai polmoni dei pazienti esaminati. (altro…)

Sigaretta elettronica pericolosa per la salute: accelera l’invecchiamento

Pubblicato il 14 Ago 2017 alle 6:02am

Secondo un recente studio condotto presso la West Virginia University e presentata in occasione del meeting Cardiovascular Aging: New Frontiers and Old Friends a Westminster, in Colorado, una sola sigaretta elettronica è in grado di lasciare pericolosi “segni” a livello dei vasi sanguigni, accelerando gli effetti dell’invecchiamento cardiovascolare, con una riduzione marcata del diametro dei vasi del 30% visibile già dopo più di un’ora dall’averla ‘fumata’. (altro…)

La sigaretta elettronica crea dipendenza come quella “normale”. Parola di esperti

Pubblicato il 16 Dic 2015 alle 10:06am

Le sigarette elettroniche creano dipendenza, proprio come quelle normali. Ne sono sicuri i ricercatori dell’In-Cnr e dell’Università Statale di Milano, i quali sostengono che aumenterebbero addirittura l’effetto ansiogeno “più di quello di una normale sigaretta”.

Conclusione a cui sono arrivati dopo aver analizzato gli effetti neurochimici e comportamentali dei vapori di nicotina assunti attraverso la sigaretta elettronica.

Lo studio è pubblicato sulla rivista European Neuropsychopharmacology, coordinati da Cecilia Gotti, Mariaelvina Sala, Università Statale di Milano, in collaborazione con Michele Zoli dell’Università di Modena e Reggio Emilia, ha confrontato gli effetti dell’inalazione del fumo di tabacco con quelli dei vapori di nicotina da sigaretta elettronica.

Dall’analisi fatta, sarebbe emerso infatti, un maggior aumento dell’ansia e dei comportamenti compulsivi nel caso di sospensione del vapore di sigaretta elettronica, osservabile anche dopo un lungo periodo di interruzione dal fumo: “Questo – secondo gli esperti – indicherebbe appunto – che nel fumo di tabacco e nel vapore di sigaretta elettronica sono presenti, oltre alla nicotina, composti finora non identificati che possono provocare queste diverse risposte”.

Infine, sottolineano ancora gli scienziati, “le sostanze aggiunte nel vapore di nicotina delle sigarette elettroniche non sono note né codificate e per questo sarebbero necessarie delle regole e dei controlli, affinché le sigarette elettroniche rappresentino una vera alternativa al fumo di sigaretta convenzionale piuttosto che un pericolo ancora sconosciuto.”

La sigaretta elettronica funziona, ma solo sotto controllo medico

Pubblicato il 16 Nov 2014 alle 7:16am

Un fumatore su due può smettere di fumare la sigaretta tradizionale, con una significativa riduzione del danno respiratorio grazie ad un uso guidato della sigaretta elettronica. (altro…)

Sigaretta elettronica può far male alla salute, trovate nei liquidi, quantità elevate di arsenico e piombo

Pubblicato il 08 Set 2013 alle 2:34pm

Le sigarette elettroniche possono far male alla salute, in quanto, nei loro liquidi sono presenti ingenti quantità di metalli pesanti. A svelarlo, la rivista dei consumatori “Il Salvagente”, la quale, ha inviato una richiesta di analisi a specialisti dell’Università Federico II di Napoli al fine di capire quali possono essere le possibili conseguenze sulla salute. Ecco dunque, che l’istituto di ricerca napoletano, dopo uno studio, ha risposto spiegando che le e-cig al loro interno contengono nei loro liquidi cospicue quantità di sostanze nocive, ed in prevalenza piombo ed arsenico.

I metalli pesanti rinvenuti nei liquidi di 30 campioni, esaminati dall’Università Federico II di Napoli erano di provenienza italiana, e secondo i ricercatori le enormi quantità di piombo ed arsenico, possono portare anche alla morte.

Per questo, la rivista, fa sapere che sia che siano contaminanti naturali o di derivazione antropica, oltre certe concentrazioni queste sostanze, esercitano un’azione tossica sulla salute accumulandosi nell’organismo e causando malattie cronico degenerative.

Sigaretta elettronica, vietata nei luoghi pubblici

Pubblicato il 05 Giu 2013 alle 11:02am

Il Consiglio Superiore della Sanità (Css) ha deciso di vietare la sigaretta elettronica nei luoghi pubblici.

Tale decisione, è stata comunicata al ministro della salute Beatrice Lorenzin.

Lo scopo, è quello di tutelare i giovani e le categorie a rischio, come le donne incinte. Il dispositivo è infatti vietato anche nelle scuole.

Il Css ritiene che la sigaretta elettronica sia simile alla sigaretta classica. Sul parere del Css hanno influito l’ Agenzia del Farmaco e le rappresentanze delle industrie, a cui gli esperti dell’organo consultivo si sono rivolti, oltre alle motivazioni che hanno portato anche la Francia a vietare le sigarette elettroniche nei luoghi pubblici.

Debiti Pubblica amministrazione, possibile tassa su sigarette elettroniche

Pubblicato il 13 Mag 2013 alle 10:23am

Tra le varie misure possibili, per la copertura, facenti parte del decreto sui debiti della Pubblica amministrazione potrebbe essere introdotta anche una tassa sulle sigarette elettroniche. (altro…)

No alle sigarette elettroniche nei locali pubblici

Pubblicato il 26 Gen 2013 alle 7:57am

Il pm Raffaele Guariniello da Torino, riferendosi alle sigarette elettroniche, chiede al Ministero della Salute “Perché permetterne l’uso nei locali pubblici?(altro…)

Fumo: studio IEO verifica efficacia della sigaretta elettronica

Pubblicato il 25 Mag 2011 alle 7:34am

E’ stato presentato oggi all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano il nuovo protocollo scientifico per valutare l’efficacia dell’uso della sigaretta elettronica nella cessazione della dipendenza dal fumo.

Nello studio saranno coinvolti 126 pazienti, per 2 mesi, con follow-up a 6 mesi.

Dalle prime osservazioni rilasciate dallo IEO, la sigaretta elettronica puo’ essere un valido strumento, almeno nella fase iniziale del percorso di disassuefazione, quella della dipendenza psicologico-gestuale.

Pertanto, si e’ deciso di avviare un protocollo scientifico in collaborazione tra Istituto Europeo di Oncologia, Istituto San Raffaele e Centro Cardiologico Monzino con l’obiettivo di testare l’utilita’ dell’impiego della sigaretta elettronica in pazienti affetti da tumore o da infarto miocardico recente, fumatori di almeno 10 sigarette al giorno da almeno 10 anni, come elemento aggiuntivo all’attivita’ di counselling normalmente esercitata da personale medico dedicato.