suore

Cagliari, in una scuola paritaria, bagni separati per bambini stranieri

Pubblicato il 01 Ott 2016 alle 11:56am

Bagni separati e ricreazione in totale solitudine: e’ quanto hanno dovuto subire, nelle scorse settimane, in una scuola elementare paritaria di Cagliari, gestita da suore, due bambini immigrati, sbarcati senza genitori alcuni mesi fa nel capoluogo sardo con i viaggi della speranza.

Dal primo giorno sono partite subito proteste da parte dei genitori di altri bambini, che hanno anche minacciato di togliere i loro figli dalla scuola, ma le suore Mercedarie e le insegnanti, che hanno accolto i due piccoli profughi, sono rimaste ferme nelle loro posizioni: l’accoglienza non si discute.

Ora dopo quattro riunioni i genitori hanno accettato la situazione, tornata alla normalita’.

Le suore si sono schierate con i migranti e due alunni, hanno lasciato la scuola.

“Inizialmente si sono sollevate questioni di salute per possibili trasmissioni di chissa’ quali malattie, e cosi’ si sono indicati due bagni diversi, ma abbiamo presentato a madri e padri preoccupati tutte le certificazioni mediche dell’Asl. Insomma tutto e’ in regola, i due bambini sono sani e cosi’ e’ venuta meno una delle contestazioni iniziali che ha fatto scattare la protesta”, ha spiegato l’avvocato Marina Bardanzellu, tutrice di uno dei bambini.

“Le suore e le insegnanti hanno accolto a braccia aperte i due africani che sono rispettosi delle regole e collaborano – ha sottolineato il legale – Anche i genitori adesso hanno capito la situazione difficile che hanno vissuto e che vivono tuttora i piccoli migranti. Ancora non sappiamo che cosa hanno alle spalle, sono molto sensibili e chiusi, ma hanno sofferto tanto ed hanno bisogno di noi”.

Vicenza, per errore film porno alle elementari delle suore, genitori infuriati

Pubblicato il 31 Gen 2014 alle 12:22pm

In una classe di quinta elementare, di un istituto paritario religioso nel vicentino, una maestra da una chiavetta usb, prestata, voleva, tramite la lavagna musicale, far ascoltare musica ai bambini. Ma a sua insaputa, sullo schermo, è comparso un film porno. (altro…)