uscita

Bob Dylan, esce il 19 giugno “Rough And Rowdy Ways, il 19 giugno esce il primo album di inediti dopo 8 anni, già in pre-order

Pubblicato il 09 Mag 2020 alle 6:29am

Venerdì 19 giugno uscirà “ROUGH AND ROWDY WAYS” (Columbia Records), il nuovo disco di inediti di BOB DYLAN, già in pre-order (https://bobdylan.lnk.to/RoughandRowdyWays_) che arriva a distanza di 8 anni dal precedente. È disponibile in digitale “False Prophet”, nuovo brano estratto dall’album composto da 10 tracce, che verrà pubblicato in formato doppio CD, doppio vinile e digitale.

L’annuncio di oggi arriva dopo la recente uscita di altri due brani che saranno contenuti in “Rough And Rowdy Ways”: “I Contain Multitudes”, canzone di apertura dell’album, e “Murder Most Foul”, brano epico della durata di quasi 17 minuti, che, nel formato doppio CD, sarà presente come unica traccia di uno dei 2 CD.

Rob Stringer, CEO di Sony Music, afferma che “Queste canzoni non hanno precedenti. Né nel repertorio di Bob né in quello di nessun altro”.

Omer Zalmonowitz, autore e musicista, ha affermato in merito a “Murder Most Foul” che “Il successo del primo e unico brano di Dylan ad aver raggiunto la prima posizione della classifica dei brani di Billboard non è dovuto a una sorta di mappatura culturale ad ampio spettro. È invece fortemente radicato nello sfacciato legame di Dylan con gli aspetti musicali e culturali che ha aiutato a fondare, e che può adesso proiettare con autorità verso lo sfondo del presente”. L’autore italiano Michele Ulisse Lipparini, invece, ha scritto: “Siamo lontani da tutto ciò che Bob ha scritto prima, e la lunghezza di una canzone o l’utilizzo del nome di Kennedy non sono abbastanza per poter paragonare questa ‘esperienza’ a qualsiasi altra del passato”.

In merito a “I Contain Multitudes” il giornalista londinese Will Hodgkinson ha scritto sul Times “Dylan ci ha ricordato cosa riesce a fare meglio di chiunque altro: scrivere canzoni di una profondità e sensibilità incommensurabili”.

“Rough And Rowdy Ways” è il primo album di inediti di Bob Dylan da quando è diventato l’unico cantautore a ricevere il Nobel per la Letteratura nel 2016, un premio a lui conferito dalla Swedish Academy per “aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione della canzone americana”. Negli ultimi 23 anni ha realizzato 7 album in studio, un lasso di tempo che include anche la registrazione, nel 2001, di “Things Have Changed”, realizzata per il film Wonder Boys e vincitrice di un Oscar e di un Golden Globe; l’autobiografia divenuta best seller internazionale, “Chronicles Vol. 1”, che ha trascorso 19 settimane nella lista dei migliori best seller del New York Times e che recentemente è stata definita da Rolling Stone come la più grande autobiografia rock di sempre.

Francesca Michielin// Feat, il nuovo album in uscita il 13 Marzo con 3 Set live a Milano che lo anticipano

Pubblicato il 14 Feb 2020 alle 6:34am

Francesca Michielin con FEAT, torna il 13 marzo prossimo con un nuovo progetto discografico, unico nel suo genere, con etichetta Sony Music. Questo album è composto da 11 tracce, 11 featuring, frutto delle collaborazioni della giovane cantautrice con i nomi più importanti e interessanti del panorama musicale attuale, tanti sono, infatti, gli artisti che Francesca ha deciso di coinvolgere, in questo nuovo disco. (altro…)

Emma: “Non mi tingerò più i capelli! I medici me lo hanno sconsigliato”. Sarà ospite il 4 febbraio al Festival di Sanremo

Pubblicato il 03 Feb 2020 alle 6:13am

“I miei capelli non saranno più biondi”. Ad annunciarlo è Emma Marrone a pochi giorni dal suo ritorno (come ospite) sul palco del “Festival di Sanremo“. “Dopo l’operazione subita, i medici mi hanno sconsigliato di tingermi. Mi sono presa la libertà di metterli a riposo, potrei anche non tornare più bionda. L’importante è sapere che sono bionda dentro”, ha svelato la cantante a “Sette” del Corriere della Sera. A fine settembre Emma aveva dovuto interrompere a malincuore la sua tourneé per sottoporsi a una delicata operazione chirurgica.

La cantante non ha mai avuto il timore di esporsi e condividere con i suoi fans anche i momenti meno felici o più brutti della sua vita.

Emma sarà al Festival di Sanremo durante la prima serata della kermesse, martedì 4 febbraio. Sarà la quarta volta a Sanremo (due volte in gara, una da conduttrice), ma la prima come ospite. Non solo presenterà il film “Gli anni più belli” di Gabriele Muccino, nel quale interpreta Anna, ma la cantante proporrà anche un brano estratto dal suo ultimo album e un medley dei suoi più grandi successi.

Giordana Angi: venerdì 7 febbraio esce “Voglio essere tua” (Sanremo Edition) contenente il brano “Come mia madre”, in gara al 70° Festival di Sanremo, e 3 nuovi canzoni!

Pubblicato il 29 Gen 2020 alle 6:16am

La cantautrice italo-francese GIORDANA ANGI – vincitrice del premio della Critica ad Amici 2019, con tre dischi d’Oro all’attivo, prima donna arrivata in vetta alla classifica degli album più venduti nel 2019, coautrice di 4 brani dell’ultimo disco di Tiziano Ferro – sarà in gara al 70° Festival della Canzone italiana con il brano “Come mia Madre” (testo e musica di Giordana Angi e Manuel Finotti). (altro…)

Lontano lontano, il nuovo film di Gianni Di Gregorio con Ennio Fantastichini, al cinema dal 6 Febbraio

Pubblicato il 21 Gen 2020 alle 7:43am

LONTANO LONTANO è il nuovo film di Gianni Di Gregorio in uscita al cinema il prossimo 6 febbraio, con Gianni Di Gregorio, Ennio Fantastichini e Giorgio Colangeli distribuito da Parthenos srl.

Sinossi

Per cambiare vita non si è mai troppo vecchi. Questo almeno sperano Attilio, Giorgetto e il Professore, tre romani sulla settantina, variamente disastrati, che un giorno decidono di mollare la vecchia vita di quartiere e andare a vivere all’estero. Ma all’estero dove? È solo la prima di una lunga serie di questioni da risolvere, ma il Professore, in pensione dopo una vita a insegnare il latino, si annoia moltissimo, Giorgetto, ultima scheggia del popolo di Roma, non riesce ad arrivare a fine mese, e Attilio, robivecchi e fricchettone, vorrebbe rivivere le emozioni dei tanti viaggi fatti in gioventù. Sono tutti decisi a cambiare vita e ci riusciranno, anche se forse non nel modo che si aspettavano.

Jovanotti, esce oggi il nuovo concept album “Lorenzo sulla luna”

Pubblicato il 29 Nov 2019 alle 11:40am

Dopo il trionfo del Jova Beach e dopo il successo di una nuova frontiera di formato musicale con l’EP Jova Beach Party con sei produttori al suo fianco, Lorenzo Jovanotti torna con un nuovissimo progetto, ancora una volta sorprendente: “Lorenzo sulla luna“.

Un disco importante per comprendere un artista in continuo movimento che passa dall’essenzialità di un disco come Oh,vita!, alla forma live più innovativa delle feste in spiaggia con 600 mila spettatori e con il 93% del sentiment positivo, al concept album Lorenzo sulla Luna.

“Due sono le cose non farei mai: un album di cover e un “album concept”. E infatti eccomi qua, con un disco appena fatto tra le mani, ed è un concept album di cover! – ha dichiarato Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti – Quando abbiamo registrato “Lorenzo Sulla Luna” non era detto che sarebbe uscito, era un mio trip personale, volevo concentrare la mia attenzione sul satellite terrestre, a 50 anni dall’Apollo 11, come un modo per esplorare uno spazio, che poi ogni spazio è sempre “lo spazio”. Passata l’estate con tutto il suo incredibile delirio lo abbiamo riascoltato e quel vuoto è entrato in risonanza con il silenzio improvviso che si era fatto in me dopo tutto il casino di Jova Beach, quindi mi è sembrato perfetto da pubblicare alla fine di un anno così pazzesco.”

Un viaggio unico quello di Lorenzo che testimonia una costante tensione verso ciò che di nuovo lo attrae e lo pone su quel crinale di novità che lo interessa e che da sempre è il segno più distintivo del suo lavoro.

“Era l’inizio del 2019 e io pensavo spesso in quei giorni al fatto che lo sbarco sulla luna in tv è la prima immagine che ricordo della mia vita – racconta l’artista. Intanto uscivano film sull’anniversario, libri, articoli di giornale e ho cominciato a pensare a quelle canzoni italiane che hanno la parola luna nel testo, a quelle che mi venivano in mente, ma senza googlare la parola”.

L’album è prodotto da Rick Rubin, storia della musica mondiale e produttore tra gli altri di artisti del calibro di Red Hot Chilli Peppers, Linkin park, Rage Against the Machine, Adele, Ed Sheeran, Slayer e che a fine 2017 ha prodotto con Lorenzo, Oh,vita! , certificato quattro volte disco di platino. E che più recentemente ha prodotto il singolo “Prima che diventi giorno” contenuto nell’Ep Jova Beach Party, per settimane in vetta alle classifiche dei brani più suonati in radio.

“Il disco è fatto come se queste canzoni le avessi ascoltate in un tempo remoto e le dovessi tramandare a memoria, senza basarmi sulle registrazioni, sui dischi stessi in cui state incise È un album che parla di un futuro vintage. Il risultato è qui, nudo e crudo, molto lontano da quello che io intendo per “album di cover” ma di fatto trattandosi esattamente di questo e vivendo e nutrendosi di questa contraddizione” dice ancora Lorenzo Jovanotti.

Siamo nel futuro, in un tempo sospeso, fuori da ogni logica, distante chilometri dalle hit radiofoniche a cui Lorenzo ci ha abituati con Nuova era (prodotto con Dardust) o con Prima che diventi giorno (prodotto con Rick Rubin) tanto per citare solo le più recenti. Lontani anche dai dogmi del mercato, e al centro dell’essenza del progetto artistico.

“Rick ha una visione radicale della musica, lo sapevo e l’ammiravo quando ascoltavo da fan le sue produzioni, ma sentire come questa cosa agisce sulla mia musica è tutta un’altra storia. Un conto è vedere un altro che si spoglia nudo e si getta nell’abisso, tutta un’altra faccenda se si tratta di te!”

Lorenzo sulla luna è un UFO, un’astronave arrugginita, un oggetto non identificato contro ogni logica vigente che vorrebbe un singolo forte da dare alle radio, un video, una presentazione e tutta una serie di elementi promozionali che sotto Natale, a volte, servono più della musica stessa.

Ma sappiamo tutti quanto oggi sia saltato tutto, non “vige” più un bel niente, e questa è una buona notizia: ognuno faccia “come gli pare, dove gli pare e come si sente”, e comunque l’esperienza di “starne fuori”, sarà valsa la pena.

“Per me questo album è una faccenda personale, soprattutto emotiva, che non ha nulla a che vedere con la mia carriera discografica, che è tutta da sempre concentrata (o vuole esserlo) su una mia ricerca di forme fresche per esprimere la stessa cosa, che se dovessi esprimere con una sola parola chiamerei “vitalità”. Ascoltatelo come una playlist tematica, breve e incompleta. Si tratta di un album fatto in pochi giorni anche se contiene mezzo secolo di vita, della mia nella fattispecie, di ascoltatore di musica più che di “musicista”.

“C’è ancora molta strada da fare per l’imperfezione assoluta a cui aspira il mio sentimento artistico, ma per fortuna la luna resterà in orbita ancora per un po’ e lo spazio rimane infinito, tutto da esplorare”.

“A marzo di quest’anno sono stato allo Shangri-la a registrare con Rick queste 11 canzoni italiane più o meno celebri dedicate alla luna, in sette giorni che poi sono stati sei perché nel settimo abbiamo fatto una jam che è diventata “Prima che diventi giorno” (titolo realistico nel senso che Lorenzo Sulla Luna è il disco più notturno che avessi mai fatto). Rick non conosceva i brani, ma non li abbiamo riascoltati, ci siamo affidati soltanto a quello che mi avevano lasciato”

Lorenzo sulla Luna esce oggi, venerdì 29 novembre. E’ disponibile in CD, LP e LP in edizione limitata ed è un disco underground.

I brani contenuti nelL’album sono:

Notte di luna calante (Domenico Modugno, 1968)

Luna (Gianni Togni, 1980)

Accendi una luna nel cielo (Ornella Vanoni, 1976)

Luna di città d’agosto (Jovanotti, 1997)

L’ultima luna (Lucio Dalla, 1979)

Chiaro di luna (Jovanotti, 2017)

La luna piena (Samuel, 2017)

Una notte in Italia (Ivano Fossati, 1986)

La faccia della luna (Tre allegri ragazzi morti, 2010)

Luna rossa (Giorgio Consolini 1950)

Guarda che luna (Fred Buscaglione, 1959)

Il libro postumo di Nadia Toffa “Non fate i bravi”, in uscita il 7 novembre

Pubblicato il 30 Ott 2019 alle 6:22am

Dopo il libro di Nadia Toffa dal titolo ‘Fiorire d’inverno’ (Mondadori), in cui la giornalista de Le Iene aveva raccontato la battaglia contro il cancro, esce ora, il prossimo 7 novembre il nuovo libro. Ad annunciarlo la madre Margherita sul profilo Facebook di Nadia.

“Cari amici, mi fa piacere informarvi – si legge nel post – che il 7 novembre uscirà nelle librerie “Non fate i bravi”, un libro che raccoglie i pensieri scritti da Nadia negli ultimi mesi e che lei mi ha chiesto di pubblicare. Per me è importante poter condividere con voi questa iniziativa a cui Nadia teneva tanto. I proventi delle vendite saranno devoluti in beneficenza”.

Toffa aveva provato a trasformare il cancro “in un dono, un’occasione, una opportunità”, aveva scritto nel suo primo libro, attirandosi attacchi dagli hater del web e critiche, ma conquistando il plauso del mondo della scienza per l’invito ai malati a seguire le uniche cure certe, la chemio e la radioterapia. E aveva instaurato un filo diretto con i suoi fan, fatto di sorrisi e immagini postate anche dal letto d’ospedale. Durato fino a poche settimane prima della scomparsa, il 13 agosto.

Una canzone per mio padre, al cinema dal 7 Novembre

Pubblicato il 26 Ott 2019 alle 6:55am

Arriva al cinema, un film di Andrew Erwin, con Jon Erwin, J. Michael Finley, Brody Rose, Dennis Quaid, Cloris Leachman, Madeline Carroll, in uscita il prossimo 7 novembre 2019, Distribuzione Dominus Production dal titolo UNA CANZONE PER MIO PADRE.

Dopo aver perso il padre, il cantante Bart Millard scrive la canzone “Can Only Imagine”. Il film racconta la sua storia. La storia vera di Bart Millard e di come sia arrivato a scrivere una canzone che ha emozionato milioni di persone. Lo vediamo dapprima bambino, abbandonato dalla madre e in balia di un padre violento e dipendente dall’alcol; poi adolescente, intento a nascondere i suoi problemi anche davanti alla fidanzata e a cercare l’ammirazione paterna, inseguendo un sogno non suo, il football americano, precedentemente praticato dal padre. La vita di Bart però ha una svolta, quando scopre – per caso – il suo talento canoro. Dopo il liceo, complice una convivenza con il padre sempre più insostenibile, Bart fugge di casa e si unisce a una band giovanile, che diviene la sua seconda famiglia, con cui gira l’America su un camper. I cinque ragazzi vivono alla giornata, mantenendosi con piccoli concerti nei locali, sino all’incontro con un produttore di successo, Brickell, che farà comprendere a Bart l’importanza di prendere in mano la propria vita, senza “fuggire” dal proprio dolore. Solo dopo un profondo lavoro interiore, Bart riuscirà a ricongiungersi al padre, scrivendo la sua canzone più bella, che cambierà la sua vita e quella di molte altre persone.

Niccolò Fabi: da oggi, venerdì 11 ottobre, il nuovo album di inediti “Tradizione e tradimento”. Da dicembre il tour nei principali teatri italiani

Pubblicato il 11 Ott 2019 alle 7:22am

Oggi, venerdì 11 ottobre, esce in tutti i negozi di dischi, in digital download e su tutte le piattaforme streaming “TRADIZIONE E TRADIMENTO”, nuovo album di inediti di NICCOLÒ FABI disponibile in versione CD, vinile e digitale. (altro…)

Downton Abbey, al cinema dal 24 ottobre

Pubblicato il 07 Ott 2019 alle 8:17am

Arriva al cinema, il 24 ottobre, DOWNTON ABBEY, un film di Michael Engler con Michelle Dockery, Maggie Smith, Elizabeth McGovern, Tuppence Middleton, Joanne Froggatt, distribuito da Universal Pictures. (altro…)