Van Gogh

Attraverso una cartolina, svelato il segreto dell’ultimo quadro di Van Gogh

Pubblicato il 31 Lug 2020 alle 5:33am

A Auvers-sur-Oise, uno dei massimi specialisti mondiali di Van Gogh, Wouter Van der Veen, è riuscito ad individuare il luogo che potrebbe aver ispirato l’ultima opera di Van Gogh, “Radici d’albero”. La scoperta, che svela anche alcuni particolari sulle ultime ore di vita dell’artista dal tragico destino, scomparso il 29 luglio 1890, sarà presentata proprio ad Auvers, per l’anniversario della morte, dall’Institut Van Gogh, in presenza della direttrice del museo Van Gogh di Amsterdam e un lontano nipote del pittore.

Oggi protette da una griglia, le “radice d’albero” immortalate dal genio olandese verranno presto svelate al pubblico e inserite negli itinerari turistici della cittadina. La scoperta avvenuta “per caso” durante il lockdown. Van Der Veen – direttore dell’Institut Van Gogh – è rimasto bloccato in casa. “Ho cominciato a mettere un po’ d’ordine. Qualche mese prima avevo scannerizzato vecchie cartoline postali degli anni 1900-1910 di un’anziana signora di Auvers. Sullo schermo una con un ciclista fermo sul lato di un sentiero, oggi la rue Daubigny. Il mio sguardo è rimasto colpito da un albero con le sue radici. Avevo l’impressione di aver già visto quell’immagine”. Per due giorni, l’esperto ha ingrandito quello scatto in tutti i modi, paragonandolo al quadro di Van Gogh, poi è andato a vedere sul posto. “Io stesso ero un po’ incredulo (…) Ma più andavo avanti, più mi sembrava che tutto concordasse”. E infatti quelle radici dipinte da Van Gogh erano ancora lì, in quel luogo magico di Auvers. Il quadro descrive un paesaggio silvestre dove radici e tronchi d’albero, illuminati dalla luce del sole, si abbarbicano intrecciandosi lungo il fianco di una collina. Una caratteristica tipica della vegetazione di quei luoghi a cui Van Gogh era, seppur costretto, assai legato e a cui donava luminosità, colore e vivida personalità. Un altro indizio che dà forza alla convinzione di van der Veen risiede nelle parole di Andries Bonger, il fratello della moglie di Theo Van Gogh (ndr fratello di Vincent) che in una lettera racconta come “la mattina prima della sua morte” l’artista avesse “dipinto un sous-bois (scena boschiva), pieno di sole e di vita”. Secondo van Der Veen, “ogni elemento di questo misterioso dipinto può essere ritrovato e compreso attraverso l’osservazione attenta della cartolina: la forma del fianco della collina, le radici degli alberi e la loro relazione reciproca, la presenza di una ripida parete calcarea”. Il luogo in questione “è anche coerente con l’abitudine di Van Gogh di raffigurare gli immediati dintorni” di casa.

‘Dagli impressionisti a Picasso’, 52 capolavori dal Detroit a Genova, in mostra dal 25 settembre

Pubblicato il 27 Ago 2015 alle 7:45am

A partire dal prossimo 25 settembre e fino al 10 aprile 2016 il Palazzo Ducale di Genova ospiterà 52 capolavori provenienti dal Detroit Institute of Arts.

Opere dei grandi impressionisti come Monet, Van Gogh, Renoir,Gauguin, Renoir, Degas fino a Picasso, Modigliani, Matisse, Kandisky e molti altri che si susseguiranno in un bellissimo percorso espositivo, durante il quale i visitatori potranno scoprire ed ammirare gli influssi innovatori e rivoluzionari di quelle correnti artistiche che sono nate in Europa tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900.

La mostra si concluderà con una sala che propone un gruppo di autoritratti di grandissimo spessore: uno straordinario riepilogo dell’intero percorso attraverso i volti dei protagonisti.

Curata da Salvador Salort-Pons e Stefano Zuffi, l’esposizione è prodotta da MondoMostre Skira insieme a Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, ed è promossa dal Comune di Genova e dal ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo.

Milano: un’interessante mostra su Van Gogh e il legame con Natura e Terra

Pubblicato il 19 Ott 2014 alle 11:58am

Ieri, a Milano presso Palazzo Reale, è stata inaugurata la mostra “Van Gogh. L’uomo e la terra” che sarà aperta al pubblico sino all’8 marzo 2015 . (altro…)

Dal 12 novembre 2011 al 15 aprile 2012 al Doge “Van Gogh e il viaggio di Gauguin”

Pubblicato il 12 Nov 2011 alle 8:33am

Dal 12 novembre 2011 al 15 aprile 2012, l’Appartamento al Doge è con “Van Gogh e il viaggio di Gauguin”, un’importante mostra sul viaggio in tutte le sue sfumature, durante la quale il pubblico potrà ammirare 80 opere prestigiose. (altro…)

Pittura impressionista: dal 23 ottobre, Castello Sismondo di Rimini e Palazzo Sums di San Marino

Pubblicato il 21 Ott 2010 alle 9:44am

Dal 23 ottobre 2010, il Castello Sismondo di Rimini e il Palazzo Sums di San Marino saranno le sedi di due meravigliose mostre, dove sarà possibile ammirare in tutto il loro splendore, più di novanta eccezionali opere dei pittori Impressionisti da Monet, Degas e Cezanne a Gauguin e Van Gogh passando per Pissarro, Sisley e Renoir. (altro…)