vincenzo de luca

Campania, abolita la quota ticket della ricetta regionale

Pubblicato il 17 Gen 2018 alle 5:07am

E’ stata abolita in Campania la quota fissa del ticket regionale di 10 euro a ricetta per le prestazioni sanitarie ambulatoriali (visite specialistiche, analisi di laboratorio, indagini diagnostiche come radiografie, ecografie, doppler, ecc.). Lo sconto si applicherà per le prestazioni il cui costo complessivo sia di valore inferiore a 56,15 euro. Il provvedimento è stato assunto con un decreto ad hoc firmato alla fine dello scorso anno dal commissario per la Sanità regionale Vincenzo De Luca (decreto n. 78 del 28 dicembre scorso).

Il Governatore aveva annunciato la sua intenzione nel discorso di fine anno in Consiglio regionale. Alla vigilia della campagna elettorale per le elezioni politiche De Luca conduce in porto una manovra, dal costo tutto sommato sostenibile (circa 10 milioni di euro) che non è invece riuscita al Governo centrale nonostante i ripetuti tentativi condotti sul filo di lana della fine della legislatura. Tentativi naufragati sempre per la mancanza di copertura finanziaria.

L’obiettivo di De Luca è quello di dirottare a carico del Servizio sanitario regionale tutta una serie di prestazioni finora pagate direttamente, di tasca dei cittadini che trovavano più conveniente ricorrere al regime privatistico in quanto l’esborso risultava inferiore o uguale a quello che sarebbero stati costi sanitari da affrontare per il ticket.

Capodanno a Salerno con il concerto di Antonello Venditti, i fuochi pirotecnici e le Luci d’Artista

Pubblicato il 23 Dic 2016 alle 9:24am

Per la Notte di San Silvestro a Salerno è atteso il cantautore romano ANTONELLO VENDITTI. Il 31 dicembre prossimo dalle ore 21.45 nella suggestiva cornice di Piazza Amendola, Venditti terrà compagnia i salernitani e non solo, con la sua grande musica, con un concerto speciale aperto a tutti, gratuito, che vedrà come ospite, la partecipazione straordinaria di CLAUDIA GERINI. Una delle attrici più amate del panorama italiano, che allo scoccare della mezzanotte sarà anche madrina del tradizionale brindisi di buon anno. (altro…)

Napoli, inaugurato ieri a Ponticelli l’Ospedale del Mare

Pubblicato il 15 Dic 2016 alle 6:20am

Ha aperto ieri a Napoli, 14 dicembre, a Ponticelli, l’Ospedale del Mare. Il presidente della Regione Campania, intervenuto al taglio del nastro ha così commentato «Apre l’Ospedale del Mare con le prime Unità operative: una giornata storica per la sanità campana».

Subito in funzione, i primi servizi per l’utenza dotati di alte tecnologie: diagnostica per immagini, dialisi e radioterapia.

Per l’attivazione e il trasferimento dei reparti con degenza bisognerà attendere invece la prossima primavera. I primi ad essere trasferiti saranno la Neurochirurgia, la Neurologia e la Cardiologia del Loreto Mare. Gli spazi lasciati liberi saranno subito occupati dalla Ginecologia (che già c’è), dalla Pediatria proveniente dall’Annunziata e dalla Terapia intensiva neonatale da realizzare ex novo configurando, a via Vespucci, il polo materno-infantile della Asl affiancato da Villa Betania.

Al taglio del nastro presente anche Elia Abbondante, manager della Asl Napoli 1.

Campania, De Luca un piano straordinario per occupare 200mila giovani nella pubblica amministrazione, ecco come

Pubblicato il 13 Nov 2016 alle 10:30am

Il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca propone un piano straordinario per occupare duecentomila giovani nella Pubblica amministrazione. (altro…)

Regione Campania, il presidente De Luca presenta “Piano Evacuazione Vesuvio”

Pubblicato il 13 Ott 2016 alle 8:43am

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri con il Capo della Protezione civile Nazionale Fabrizio Curcio, per illustrare il “Piano Evacuazione Vesuvio” ha annunciato “In 72 ore, in caso di emergenza, evacueremo le 700 mila persone della zona rossa”. (altro…)

Matteo Renzi : “Entro 3 anni nessuna ecoballa in Campania”

Pubblicato il 12 Giu 2016 alle 8:33am

Il premier Renzi si è recato ieri in Campania a Marcianise (Ce) con il governatore De Luca per accertarsi personalmente sul prosieguo dei lavori di rimozione delle ecoballe. (altro…)

De Luca: “Ecoballe via dalla Campania dal 30 maggio. Sanità, saranno creati 1600 posti letto”

Pubblicato il 23 Mag 2016 alle 7:00am

A partire da lunedì 30 maggio, partirà il primo carico di ecoballe di rifiuti al di fuori dalla Campania. Sarà una “giornata storica, l’inizio della bonifica di tutto il territorio campano. L’inizio della soluzione del problema della Terra dei Fuochi. E l’inizio di un’altra storia nella regione, fatta di risanamento ambientale, di bonifica dei siti inquinati, di avvio di un programma di gestione dei rifiuti centrato principalemnte sulla raccolta differenziata ed impianti di compostaggio”, ha sottolineato il presidente della regione Campania, Vincenzo DE Luca.

I trasferimenti successivi avverranno il 31 maggio, l’1, 6 e 7 giugno. Intervistato da Lira Tv, De Luca ha parlato prima dell’avvio di «una nuova storia per le politiche ambientali e di una conquista di immagine di dignità e rispetto della Campania”. “Tra una decina di giorni ci sarà un altro passo importante, firmeremo contratti con le aziende che hanno vinto le gare per i cinque depuratori dell’area Nord della Campania – ha anticipato DE Luca. Nell’arco di un anno e mezzo saranno pienamente funzionati per avere un mare splendido in tutte le aree campane”.

Infine, parlando del nuovo piano ospedaliero, De Luca ha detto: “recepisce le posizioni della Regione al 90%. Nessun ospedale sarà chiuso, a differenza di quanto prevede l’unico atto amministrativo in vigore, il decreto 49 approvato dal presidente della precedente giunta regionale e dal subcommissario alla Sanità che portava alla chiusura di una decina di ospedali ed alla chiusura in particolare di tutti quelli della città di Napoli in vista della apertura dell’Ospedale del mare”.

“Avevamo posto dei vincoli ai commissari alla Sanità, il primo dei quali era la non chiusura degli ospedali. Ora aumentiamo il numero di posti letto di 1600 unità, incrementiamo di molto i posti letto per la provincia di Caserta, che era la più penalizzata, ma anche per Napoli e Salerno. Si sono evitate duplicazioni e rispettati i parametri previsti dallo Stato. A me pare un ottimo lavoro di base. Poi ci sono alcuni piccoli aggiustamenti da fare per errori materiali ma è di straordinaria importanza aver messo a punto un piano ospedaliero estremamente dignitoso e ragionevole. Vogliamo eliminare le liste d’attesa lunghissime, la mobilità passiva con 300 milioni di euro che regaliamo a Regioni del Nord per il trasferimento dei nostri malati, sviluppare reti emergenza e urgenza, e sviluppare seriamente per la prima volta la medicina territoriale. Cominceremo da subito incontri con medici di base, per non congestionare pronti soccorso, nell’ottica della tutela della salute e del risparmio”.

Renzi su De Luca: “La magistratura faccia il suo corso. Il governatore ha diritto e dovere di governare la Campania, se è capace”

Pubblicato il 14 Nov 2015 alle 12:00pm

Dopo giorni di silenzio sulla vicenda De Luca, che vede il governatore campano indagato a Roma, interviene anche il presidente del consiglio Matteo Renzi. (altro…)

Caso De Luca, la telefonata del giudice al marito: “E’ fatta”

Pubblicato il 12 Nov 2015 alle 11:31am

Sono riassunte in un centinaio di pagine, le telefonate registrate dagli agenti della Squadra mobile di Napoli nel corso dell’indagine per «concussione per induzione» che coinvolge la giudice relatrice della sentenza sulla legge Severino nei confronti di Vincenza De Luca, tirando in ballo il governatore oltre a cinque persone che avrebbero messo in contatto da un lato il marito della Scognamiglio, e l’avvocato Guglielmo Manna, e dall’altro l’entourage di De Luca.

E’ lo stesso Manna a mandare un sms agli uomini del governatore appena la moglie firma la sentenza che lo assolve in secondo grado: «E’ andata come previsto».

Vincenzo De Luca, però, nelle registrazioni non compare mai.

E’ la giudice Scognamiglio al telefono col marito, secondo le ricostruzioni avrebbe detto: “E’ fatta”. E lui avrebbe avvisato personalmente lo staff del governatore.

La Scognamiglio avrebbe premuto sul capo gabinetto di De Luca, Mastursi, facendosi promettere una promozione in cambio di una decisione favorevole.

Ma in una memoria difensiva il magistrato avrebbe scritto che sono separati da tre anni e vivono da separati in casa.

Foto La Presse

Campania, nuova bufera sul governatore De Luca: «Pilotata la sentenza di reintegro». Lui e un giudice indagati per corruzione

Pubblicato il 11 Nov 2015 alle 9:34am

La Procura di Roma ha avviato indagini sul Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che afferma che «senza alcun margine di equivoco» la sua «totale estraneità a qualunque condotta meno che corretta», chiedendo di essere ascoltato dai magistrati annunciando per domani una conferenza stampa per chiarire «ogni aspetto» della vicenda.

La bufera che si abbattuta sul governatore De Luca è quella di ipotesi di corruzione in atti giudiziari nei confronti di uno dei giudici del Tribunale civile di Napoli, Anna Scognamiglio, che, lo scorso 22 luglio, ha confermato una precedente decisione del giudice monocratico, accogliendo il ricorso di De Luca, contro la sospensione dall’incarico di Governatore.

Nella stessa inchiesta indagato per l’ipotesi di reato di induzione alla corruzione, anche il capo della segretaria di De Luca, Nello Mastursi, che proprio ieri sera si è dimesso da tale incarico.

Il presidente della Regione Campania intervenuto in tarda serata ha dichiarato la sua completa estraneità ai fatti e di «fare in modo che si accendano su questa vicenda i riflettori nazionali, trovandomi nella posizione di chi non sa di cosa si stia parlando».

«Ho già dato incarico al mio avvocato – ha aggiunto De Luca – per chiedere di essere sentito dalla competente autorità giudiziaria. Per me, come per ogni persona perbene, ogni controllo di legalità è una garanzia, non un problema. E su questo, come sempre lancio io la sfida della correttezza e della trasparenza».