violenza sessuale

Turista canadese stuprata a Milano da un finto taxista

Pubblicato il 23 Set 2017 alle 9:37am

E’ accaduto a Milano. A Lei aveva detto di lavorare come autista per una società di noleggio auto, convincendola a salire a bordo della sua vettura, per farsi portare fino alla stazione degli autobus di Milano, dove avrebbe potuto prendere un autobus per la sua prossima tappa: Venezia. (altro…)

Napoli, Marechiaro: “Mi hanno circondata, erano nudi”. 15enne stuprata in spiaggia ha trovato i colpevoli su Fb

Pubblicato il 20 Lug 2017 alle 11:35am

Allo “scoglione” di Marechiaro (Napoli) una quindicenne è stata circondata da tre ragazzi e violentata. (altro…)

Violenza sessuale: la vittima non ha urlato, uomo assolto

Pubblicato il 23 Mar 2017 alle 9:58am

La vittima ha detto solo “basta”, non chiedendo aiuto, e pertanto non ha urlato. Per questo motivo il giudice Diamante Minucci ha assolto dalla accusa di violenza sessuale un operatore della Croce Rossa che era stato denunciato da una collega per presunti abusi sul luogo di lavoro. (altro…)

Turista australiana picchiata e stuprata a Roma, fermato un rumeno di 40 anni che l’ha anche derubata

Pubblicato il 06 Ott 2016 alle 11:13am

E’stato sottoposto a fermo il rumeno di 40 anni che avrebbe aggredito e violentato una turista australiana domenica scorsa a Colle Oppio. L’uomo è stato fermato nella notte dai poliziotti della squadra mobile di Roma e dalla Commissaria Viminale. (altro…)

Rimini, ragazza stuprata in bagno, le amiche filmano e mettono video su whatsapp

Pubblicato il 14 Set 2016 alle 12:37pm

Una ragazza di 17 anni è stata violentata nel bagno di una discoteca, mentre le amiche riprendevano la scena dello stupro con il cellulare e postavano il video su Whatsapp.

Il fatto è accaduto un sabato sera di po’ tempo fa. La ragazza era nel locale con le amiche: beveva molti alcolici (anche se non è chiaro se di sua iniziativa o se di altri), veniva avvicinata da un giovane albanese che la trascinava con sé in un bagno, per poi violentarla.

Le amiche della ragazza, si arrampicavano nella toilette di fianco e riprendevano tutta la scena della violenza con il cellulare.

Il giorno seguente le immagini venivano inviate in giro su whatsapp e anche alla giovane vittima, che a quel punto le mostrava alla madre che si rivolgeva subito ai Carabinieri. La ragazza ha rivelato di non ricordare nulla di quanto accaduto.

La magistratura di Rimini ha aperto un’inchiesta per violenza sessuale, bloccando subito la diffusione del video. Gli inquirenti stanno ora cercando di individuare il presunto stupratore attraverso interrogatori e accertamenti del caso.

Pennsylvania, 51enne aveva in casa segregate dodici neonate e ragazze

Pubblicato il 18 Giu 2016 alle 10:27am

Scoperta in Pennsylvania una vera e propria casa dell’orrore. Dodici neonate e ragazze, di età compresa i 6 mesi e i 18 anni, sono state trovate in casa di un uomo di 51 anni, Lee Kaplan. (altro…)

Milano, detenuto in permesso premio violenta 16enne sul pianerottolo di casa

Pubblicato il 12 Mag 2016 alle 11:17am

Ragazzina di 16 anni aggredita e costretta a subire violenza sessuale da parte di un uomo, detenuto con permesso premio. La notizia viene rilasciata oggi dal Corriere della Sera, ma lo stupro sarebbe avvenuto a fine aprile. (altro…)

Violenza sessuale a danno di minori. Arrestato posturologo di 64 anni a Roma

Pubblicato il 28 Nov 2015 alle 11:23am

Violenza sessuale aggravata e continuata ai danni di pazienti adolescenti . E’ questa l’accusa nei confronti di un medico posturologo di 64 anni arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Roma.

Le vittime degli abusi due ragazzi di 15 anni ed una ragazza di 13.

Le indagini sono state avviate a seguito dopo una segnalazione al Servizio Emergenza Infanzia 114, che lamentava il comportamento di un medico che aveva ripetutamente toccato le parti intime di una minorenne.

Nello specifico, durante le sedute di manipolazione osteopatica, dopo aver fatto spogliare i pazienti per fini non attinenti all’attività terapeutica, li costringeva a subire atti sessuali, rassicurandoli e sostenendo di dover eseguire manipolazioni molto invasive per ragioni terapeutiche.

Il gip del Tribunale di Roma ha accolto la richiesta condividendo quando accertato dagli inquirenti, secondo i quali lo specialista adottava diversi stili terapeutici a seconda dell’età, del sesso e dell’avvenenza dei pazienti, costringendoli con astuzia e inganno a subire massaggi che avevano fini solo ed esclusivamente fini sessuali.

Bill Cosby: droga, sesso e soldi per pagare il silenzio delle donne

Pubblicato il 22 Lug 2015 alle 7:02am

Nuove rivelazioni emergono sul conto di Bill Cosby. In una testimonianza giurata, risalente a circa 10 anni fa, l’attore americano affermava di aver pagato delle donne con cui andava a letto per mantenere il segreto nei confronti della moglie.

A rivelarlo è il New York Times, che rivela di avere una copia di una trascrizione, di una deposizione fatta da Cosby durante una causa intentata da una ex dipendente della Temple University.

La donna sosteneva infatti di essere prima stata drogata e poi molestata dall’uomo.

Ma la moglie dell’attore, sua manager non ci sta, e lo difende a spada tratta.

Secondo quanto scrive il New York Post, Camille, sosterrebbe che le donne, andate a letto col marito, che lo accusano di violenza, in realtà sarebbero state consenzienti a consumare prima droga e poi a fare sesso.

Camille dichiara infatti di essere a conoscenza dei tradimenti del marito ma secondo lei è impossibile che Bill possa essere uno stupratore.

La donna, per proteggere l’immagine sua e del marito, avrebbe convocato anche un pool di legali e di esperti in pubbliche relazioni per mettere a tacere la cosa.

La donna ha anche rivelato che ogni tanto lei e il marito si concedono un ‘periodo di valutazione’ per stabilire se è bene no continuare a stare insieme.

Gabriele Paolini scarcerato: obbligo di firma due volte a settimana

Pubblicato il 15 Lug 2015 alle 11:40am

Torna libero, con obbligo di firma due volte a settimana, Gabriele Paolini, noto disturbatore tv agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico dal 2013, per l’accusa di prostituzione e pornografia minorile e violenza sessuale.

A ridurgli la misura cautelare i giudici della V sezione penale, che hanno accolto la richiesta dello stesso pubblico ministero.

Paolini ha sempre respinto ogni accusa parlando di rapporti affettuosi, escludendo qualsiasi forma di prostituzione o costrizione.

Oggi davanti ai giudici è comparso anche il ragazzo con il quale Paolini aveva avuto rapporti sessuali, per raccontare i fatti come sono andati e confermare la versione di Paolini, ovvero un rapporto consenziente tra innamorati.

Così, il pm Claudia Terracina, dopo l’interrogatorio, ha chiesto al tribunale di revocare gli arresti domiciliari, venendo meno le esigenze cautelari.

I giudici hanno disposto infatti la revoca dell’ordinanza di custodia cautelare, disponendo l’obbligo di firma.

Paolini, difeso dagli avvocati Lorenzo La Marca e Massimiliano Kornmuller, lascia il palazzo di giustizia con queste parole: “Le accuse nei miei confronti sono state smentite. Non c’è stata alcuna attività di prostituzione con scambio di denaro. Si è trattato di un rapporto affettuoso e duraturo”.

Fuori dal Tribunale ad attenderlo i suoi amici, Niki Giusino e Paolo Fortini.