Virginia Raffaele

Sanremo 2019: standing ovation per Andrea Bocelli come 25 anni fa. Raffaele-Favino show, grande Giorgia e monologo di Bisio

Pubblicato il 06 Feb 2019 alle 10:54am

Il Sanremo bis di Claudio Baglioni parte con un incipit altamente spettacolare per la prima serata del Festival numero 69. Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele appaiono sul trampolino, cuore e sorpresa della scenografia, e cantano insieme Via, hit del direttore artistico, mentre sul palco dell’Ariston si scatenano i ballerini che hanno accompagnato Baglioni nel tour Al Centro con la coreografia di Giuliano Peparini.

Dopo aver presentato i ‘copiloti’ di questa nuova avventura sanremese, Virginia Raffaele, elegante in abito lungo in velluto nero con inserti bianchi, e Claudio Bisio, giacca lurex fantasia, Claudio Baglioni spiega la filosofia del suo secondo Festival della Canzone Italiana: “Siamo qui per vivere una nuova avventura con energia, euforia, poesia, per un cammino lungo da qui fino a sabato che ci porti verso la meta dell’armonia, che è il senso di questo avvenimento. L’armonia, principio fondamentale della musica, è un percorso verso la bellezza, non è una condizione di partenza, ma di arrivo, a volte difficile, è un traguardo, un percorso che consiste nel collegare elementi e significati diversi lontani, opposti, come nel simbolo yin e yang che ispira il numero 69”. “Andremo là dove ancora non sappiamo – conclude Baglioni – ecco perché mi sono definito dirottatore artistico. Auguro buon viaggio a tutti, tutti insieme”. Poi passa la parola a Virginia Raffaele, veterana dell’Ariston ma al debutto da conduttrice, che esorcizza il fantasma degli errori con la prima papera, salutata con simpatia da Baglioni e Bisio, spiegando quello che sarà poi il regolamento di voto.

Da grande impatto visivo le scenografie e il palcoscenico che porta la firma quest’anno di Francesca Montinaro, che ha avuto un grande supporto tecnico da parte del padrone di casa e architetto Claudio Baglioni.

Il palco è molto più grande di quello visto sino adesso. Le prime file dell’Ariston sono delle pedane che si muovono, e che aprendosi creano nuovo spazio per la scena che viene sfruttata sia dagli artisti, che scendono a cantare davanti al pubblico, come nel caso degli Zen Circus che hanno sul palco quattro uomini in casco e abito militare, due con le bandiere nere su sui spiccano degli emoticon, e due con i tamburi, che dai presentatori del festival.

La standing ovation è tutta per Andrea Bocelli come 25 anni fa, quando il tenore vinse Sanremo Giovani con “Il mare calmo della sera”. Ed è grande emozione all’Ariston quando riprende quel pezzo – che esalta anche l’orchestra – in duetto con Claudio Baglioni. Al piano, il chiodo nero che indossava allora e che poi cede al figlio Matteo: “Non è un passaggio di testimone – dice Bocelli al figlio – ma è un augurio. Sono sicuro che ti porterà fortuna sempre che la aiuti con la serietà, la volontà, lo spirito di sacrificio che spero di averti insegnato”. Poi il duetto con Matteo i due cantano magnificamnete “Fall on Me”, brano che fa parte della colonna sonora del film “Lo schiaccianoci e i quattro regni” che è in cima alle classifiche anche internazionali.

Poi Virginia Raffaele si cambia di abito e dopo meno di due ore dall’inizio della puntata passa a un abito al ginocchio, con sottogonna in tulle e tempestato di brillanti color argento e rosso. Ospite della prima puntata è Pierfrancesco Favino che gioca a fare Michelle Hunziker.

Mary Poppins o Bohemian Rhapsody? Sul musical dell’anno si gioca il numero di Virginia Raffaele e Pierfrancesco Favino, che torna a Sanremo dopo un anno dalla co-conduzione con Claudio Baglioni e la Hunziker. Complice il maestro Filardo, che propone piuttosto Sister Act, e una schiera di suore ballerine, i due attori giocano nei panni della tata più famosa del mondo e di Freddie Mercury (“ma co ‘sto giubbotto giallo mi sembri Gabbani, lo apostrofa lei), si scambiano i ruoli e confermano doti canore e padronanza del palco. E alla fine sono le suore a cantare “We are the champions”.

Baglioni? “Da sempre un sobillatore, un anarchico, un rivoluzionario!”. Claudio Bisio ironizza invece con un monologo sulle polemiche che hanno preceduto il festival di Sanremo, legate alle dichiarazioni del direttore artistico sul tema dei migranti, e prende a prestito i versi delle sue canzoni per dimostrarne la ‘pericolosità’. “Nel 1974 cantava ‘passerotto non andare via’, ma era una posizione chiarissima, era un’esortazione agli immigrati: restate qui. E quello che è più grave è che lo ha scritto trent’anni prima che arrivassero, li ha sobillati”. Baglioni, continua Bisio, “è ossessionato dai migranti: ha scritto ‘migravamo come due gabbiani’ e ‘100 ponti da passare’ e ‘sirene di navi che urlavano al vento’, ‘se avessi un’auto da caricarne 100 mi piacerebbe un giorno portarli al mare’. Allora te le sei cercate?”. Poi, più serio, l’appello ai giornalisti ‘seri’, “smettiamola!”, e al “mondo Rai”: “Quest’uomo ha un grande cuore, una grande testa oltre che una grande voce, se vi fidate di lui, di noi, lavoreremo benissimo”.

Dopo il monologo Bisio viene raggiunto da Baglioni e insieme i due cantano “IO sono qui” uno dei brani più famosi del direttore artistico.

Ma il monologo ‘in difesa’ di Baglioni finisce poi nel mirino dei social per un passaggio che alcuni trovano niente affatto che ironico. “Passerotto non andare via – dice Bisio – è una chiarissima esortazione agli immigrati: restate qui. E l’ha detto trent’anni prima che arrivassero. E’ stato lui a far venire loro l’idea, li ha sobillati. Loro non ci pensavano nemmeno, stavano lì, con il pentolone, a cantare hakuna matata”. Una frase che non è piaciuta, tra gli altri, al social media manager di Matteo Salvini, Luca Morisi, che ha scritto su Twitter: “Il monologo ‘anti-razzista’ di Bisio a #Sanremo2019: ecco come immagina lui gli africani, “col pentolone a cantare Hakuna Matata”. Per fortuna che era anti-razzista..”.

Problemi tecnici per Patty Pravo e Briga. Al momento della loro esibizione, la musica non parte. “Sono venuta a fare un passeggiata o a cantare?”, chiede la cantante, che sfoggia un’acconciatura rasta. Dopo qualche attimo di incertezza i due riescono ad esibirsi.

Tutto il pubblico dell’Ariston in piedi per ricordare il grande Fabrizio Frizzi, che avrebbe compiuto ieri 61 anni. “E’ il 5 febbraio – dice commosso Claudio Baglioni – e per la prima volta lui non c’è. Per me era un grande, curioso, bizzarro, ingenuo sorriso, per questo abbiamo voluto ricordarlo così”. E sullo sfondo l’immagine del conduttore scomparso, con il sorriso largo e accogliente e le braccia aperte si tocca un momento molto alto del festival di Sanremo 2019.

Il web aveva ironizzato nell’accostarli alla Famiglia Addams. Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio stanno allora al gioco e si divertono anche loro sul palcoscenico dell’Ariston nel calarsi nei panni di Lerch, Morticia e Zio Fester, intonando la versione rivisitata della canzone simbolo della famiglia più horror della tv.

Poi è la volta di Giorgia, grande fuoriclasse, che in un medley dei suoi più grandi successi celebra la sua grande voce che culmina nel duetto con Baglioni sulle note del brano “Come saprei”. Cheapeau per Giorgia!

Dopo Giorgia i tre conduttori Baglioni- Bisio- Raffaele vengono raggiunti da Claudio Santamaria (terzo Claudio), quarto componente del Quartetto Cetra e da qui parte una gag molto esilarante tra i tre Claudio ( i tre uomini) e la (non Claudio) Virginia Raffaele.

Dopo le esibizioni di tutti e 24 gli artisti in gara, come noto in questa edizione non si sarà alcuna separazione tra Big e Nuove Proposte, visto che il direttore artistico ha scelto di racchiudere in un unico raggruppamento tutti gli artisti che partecipano al Festival di Sanremo 2019, si è arrivati ad una classifica parziale. Emersa dai voti di questa prima serata, per il 30% dati dalla sala stampa, un altro 30% dalla giuria demoscopica e il 40% tramite il televoto.

La graduatoria mostrata a fine puntata, al pari di quanto accaduto lo scorso anno, è stata suddivisa in tre aree: una alta (blu), gialla (di mezzo) e rossa (bassa). In ognuna di queste aree contiene 8 dei 24 artisti in gara che si sono esibiti la prima serata. Si tratta di una classifica provvisoria.

Le tre fasce della classifica Nella sezione blu, quella dove si trovano i cantanti con più voti, troviamo i più votati: Daniele Silvestri, Irama, Ultimo, Loredana Bertè, Simone Cristicchi, Francesco Renga, Il Volo, Nek. Nella parte gialla, posizione media, ci sono Shade e Federica Carta, Paola Turci, Negrita, Patty Pravo e Briga, Arisa, Boomdabash, Enrico Nigiotti, Anna Tatangelo. Infine nella parte rossa, la più bassa, Motta, Ghemon, Mahmood, Ex-Otago, Ghemon, Achille Lauro, The Zen Circus, Einar, Nino D’Angelo e Livio Cori.

Il sistema di voto cambierà ogni sera, per restituire un esito che sia quanto più completo e ampio. Nella seconda e terza serata, rispettivamente di mercoledì 6 febbraio e giovedì 7 febbraio, si esibiranno 12 artisti per sera. Venerdì 8 febbraio andrà invece in scena la serata dedicata ai duetti.

Sanremo 2019, conferenza stampa di presentazione: Claudio Baglioni “Sarà un festival con la musica al centro con significati nuovi per il racconto”

Pubblicato il 09 Gen 2019 alle 9:27pm

Si è tenuta questa mattina di mercoledì 9 Gennaio 2019, la conferenza stampa di presentazione del 69esimo Festival della Canzone Italiana, trasmessa in diretta streaming, in presenza di Claudio Baglioni, direttore artistico e conduttore del Festival (al suo secondo mandato, per il secondo anno consecutivo), Alberto Biancheri (sindaco), Teresa de Santis (direttore di Rai1), Claudio Fasulo (autore del festival), Massimo Calvi (presidente del Casino’), Duccio Forzano (regista alla sua 7° collaborazione), Francesca Montinaro (scenografa con all’attivo diverse collaborazioni televisive con le reti Rai e La7, Sanremo 2013), Claudio Bisio e Virginia Raffaele (co-conduttori del festival, lei già co-conduttrice nel 2016 accanto a Conti e ospite di Baglioni nell’edizione 2018) che il direttore artistico ha voluto ribattezzare come “fratello Sole e sorella Luna”.

“Non abbiamo mai lavorato insieme, non vedevo l’ora – ha spiegato prima Bisio in conferenza stampa, in un continuo scambio di battute con l’attrice e imitatrice tv -. Avremmo dovuto fare Zelig insieme, ma non è accaduto. Temevo che fosse un po’ arrabbiata, non era vero. Ci siamo conosciuti un giorno a casa sua, era afona: pensate per un uomo una serata con una donna afona, è un sogno”..

“Lo stimo da sempre, ero piccola e lui già lavorava… – ha ribattuto la Raffaele punzecchiandolo – E’ un mostro. La cosa positiva è che quest’anno devo imparare un solo nome, Claudio. Ringrazio Baglioni per avermi richiamata anche quest’anno, nonostante l’anno scorso lo abbia fatto passare per anziano, e l’anno scorso non lo era… Siamo solo all’inizio, cominceremo ora a lavorare, a scrivere simpaticissime situazioni. Speriamo di colorare il festival, ma saremo rispettosi verso la gara”.

Baglioni nel presentare il suo festival, al secondo anno consecutivo, in onda dal 5 al 9 Febbraio 2019 su Rai1 e Rai Radio2, ha spiegato “Il 69 richiama alla simmetria e al sincronismo, ed io cerco sempre dei significati nuovi per il racconto”. “Punto sull’armonia per sposare elementi opposti e lontani: la bellezza è nella diversità”.

Rocco Papaleo alla conduzione del Dopofestival, ma di altri artisti che dovrebbero partecipare non si è ancora deciso nulla.

Confermati i nomi di Andrea Bocelli e il figlio Matteo, Giorgia e Elisa come ospiti . “Già lo scorso anno – ha spiegato Bgalioni – la regola d’ingaggio al Festival era che anche l’ospite quando arriva deve portare qualcosa e non prende e basta. Io sto aspettando ancora proposte, ma al momento non ce ne sono. Il Festival è internazionale per se stesso e non ha bisogno di ‘figurine'”, riferendosi ad artisti internazionali.

La competizione di Sanremo 2019 vedrà in concorso 24 big, 22 (più o meno noti) e 2 provenienti dall’ultimo Sanremo Giovani 2018 che ha visto vincere Einar con il brano “centomila volte” e Mahamood con il brano “Gioventù bruciata”. I due nuovi big si presenteranno in concorso con nuovi inediti “Parole Nuove” e “Soldi”.

I 24 big e brani in concorso:

– Paola Turci “L’ultimo Ostacolo” – Simone Cristicchi “Abbi cura di me” – Zen Circus “L’amore è una dittatura” – Anna Tatangelo “Le nostre anime di notte” – Loredana Bertè “Cosa ti aspetti da me” – Irama “La ragazza con il cuore di latta” – Ultimo “I tuoi particolari” – Nek “Mi farò trovare pronto” – Motta “Dov’è l’Italia” – Il Volo “Musica che resta” – Ghemon “Rose Viola” – Federica Carta e Shade “Senza Farlo Apposta” – Patty Pravo e Briga “Un po’ come la vita” – Negrita “I ragazzi stanno bene” – Daniele Silvestri “Argento vivo” – Ex-Otago “Solo una canzone” – Achille Lauro “Rolls Royce” – Arisa “Mi sento bene” – Boomdabash “Un milione” – Francesco Renga “Aspetto che torni” – Enrico Nigiotti “Nonno Hollywood” – Nino D’Angelo e Livio Cori “Un’altra luce” – Einar “Parole nuove” – Mahamood “Soldi”

Regolamento ed esibizioni

– Prima Serata (martedì 5 febbraio 2019) Si alzerà il sipario sul palco del Teatro Ariston e tutti e 24 gli artisti canteranno per la prima volta il proprio brano.

– Seconda Serata (mercoledì 6 febbraio 2019) Questa sarà l’occasione per dedicarci al secondo ascolto di 12 delle 24 canzoni in gara.

– Terza Serata (giovedì 7 febbraio 2019) Durante questo appuntamento potremo ascoltare per la seconda volta le restanti 12 delle 24 canzoni in gara.

– Quarta Serata (venerdì 8 febbraio 2019) Sarà una vera serata-evento in cui ogni artista canterà in compagnia di un ospite il proprio brano, in una versione “rivisitata” per l’occasione.

– Quinta Serata – Serata Finale (sabato 9 febbraio 2019) Dopo aver riascoltato tutte e 24 le canzoni in gara, scopriremo il brano vincitore della 69ᵃ edizione del Festival della Canzone Italiana!

Le votazioni avverranno attraverso quattro metodi di votazione: Televoto (da telefonia fissa e da telefonia mobile), giuria Demoscopica, giuria della Sala Stampa e giuria degli Esperti. Si arriverà, progressivamente poi nelle cinque Serate, a definire le graduatorie che decreteranno la canzone/Artista vincitrice di Sanremo 2019 che potrà anche gareggiare in rappresentanza dell’Italia, all’Eurovision Song Contest 2019.

Virginia Raffaele torna in Rai con un programma suo, ecco quando

Pubblicato il 10 Lug 2018 alle 7:07am

Virginia Raffaele tornerà nel 2019 in prime time su Rai 2 con un varietà tutto suo. Ad annunciarlo è il direttore generale Mario Orfeo in occasione della presentazione dei palinsesti Rai.

A sorpresa, il dirigente è stato affiancato nell’annuncio dalla stessa presentatrice e show girl Virginia Raffaele, che tornerà in Rai dopo ‘Facciamo Che Io Ero’, il programma da lei condotto nella primavera del 2017 sulla seconda rete Rai.

“Tornerò in Rai l’anno prossimo. In quale forma non lo so ancora, ma ci sarò. Quando? Da gennaio in poi. Diciamo tra gennaio e dicembre“

Ha affermato la comica romana, già protagonista – in qualità di ospite straordinario – delle ultime due passate edizioni del Festival di Sanremo. “Facciamo in primavera che è il mio compleanno” l’ha incalzata Orfeo, lasciando intendere che la data della messa in onda sia ancora tutta da definire. “Stai sereno che io torno. Ma a te ti ritrovo?” ha replicato ironicamente la comica, alludendo al mandato in scadenza dello stesso DG.

Ma le sorprese non finiscono qui. La Rai inoltre, sul fronte dell’intrattenimento, starebbe già pensando di chiudere un accordo con Rosario Fiorello per un show in prima serata su Rai1.

Virginia Raffaele da questa sera su Rai2, con uno show nei panni di Melania Trump e tanti altri

Pubblicato il 18 Mag 2017 alle 6:01am

Andrà a partire da questa sera – giovedì 18 maggio, in prima serata – andrà in onda la prima puntata del one women show di Virginia Raffaele dal titolo “Facciamo che io ero”: un nome che richiama il classico gioco d’infanzia dove i bambini interpretano vari ruoli di fantasia immaginando e inventando ogni genere di storia e di racconto. (altro…)

“Stasera Casa Mika”, da stasera in prima serata su Rai2, con tanti ospiti straordinari

Pubblicato il 15 Nov 2016 alle 5:59am

Mika arriva in tv su Rai2, a partire da questa sera di martedì 15 novembre, alle ore 21.10, in prima serata, con il suo show “Stasera Casa Mika”, scritto da Mika con Ivan Cotroneo, Tiziana Martinengo e Giulio Mazzoleni, per la regia di Fabio Calvi. (altro…)

Sanremo, vince Nuove Proposte Francesco Gabbani. Stasera la finale, super ospiti: Renato Zero, Roberto Bolle e Cristina D’Avena

Pubblicato il 13 Feb 2016 alle 11:34am

Si decreterà questa sera il vincitore della 66esima edizione del Festival di Sanremo. Ospiti diella serata la star internazionale della danza Roberto Bolle, che dopo aver danzato nei più grandi teatri del mondo e con le compagnie più prestigiose, come l’American Ballet Theatre, il Balletto dell’Opera di Parigi, il Balletto del Bolshoi e del Mariinskij-Kirov, il Royal Ballet, arriverà sul palco dell’Ariston.

Molto atteso anche un altro super ospite, Renato Zero, che potrebbe proporre anche lui come i superospiti che lo hanno preceduto, un medley dei suoi più grandi successi e appoggiare la causa dei diritti civili.

Ma non è tutto. Ci sarà spazio anche per regina dei cartoni animati Cristina D’Avena che si esibirà con le sigle più amate dei cartoni animati di sempre.

E ancora, il dj e produttore franco-giamaicano Willy William con il brano Egon. Per la rubrica Tutti cantano Sanremo, Beppe Fiorello, protagonista della fiction di Rai1 sulla Terra dei Fuochi “Io non mi arrendo” che andrà in onda lunedì e martedì prossimo, e Guglielmo Scilla, che presenta l’altra fiction sempre targata Rai Baciato dal sole.

In apertura di serata sarà reso noto il big ripescato grazie al televoto.

In testa alla finalissima si esibirà anche il Giovane incoronato vincitore ieri sera nelle Nuove Proposte, Francesco Gabbani.

Ieri sera altro grande successo per Carlo Conti, che ha portato sul palco dell’Ariston, una straordinaria Elisa, un divertente e impegnato Enrico Brignano, una grande Virginia Raffaele nei panni di Belen Rodriguez.

Sanremo, debutto con i fiocchi: 49,5% di share, 11 milioni di spettatori. Prima serata tra Elton John, Campioni e nastri arcobaleno

Pubblicato il 10 Feb 2016 alle 11:49am

Il sipario di Sanremo 2016 si alza con un omaggio ai vincitori delle passate edizioni e un tributo a David Bowie, con l’Orchestra dell’Ariston che ha suona una versione di “Starman”.

“Un omaggio doveroso e anche appropriato visto che io vi porterò qui venti stelle della canzone”, sottolinea il presentatore della 66esima edizione del Festival della Canzone Italiana.

Un inizio all’insegna della tradizione e grandi ospiti.

La prima ad entrare in scena è Laura Pausini che fa un ingresso in da vera diva internazionale. Propone un medley di classici, “Vivimi”, “Strani amori”, “Invece no”, e un duetto virtuale con lei stessa, la Laura ragazzina che ha vinto il festival del ’93 con il brano “La solitudine”. Indossa la giacca della finale e canta il brano che le ha cambiato la vita. Poi in chiusura “Simili”, brano tratto dal suo ultimo album di record, sottolineando che “Essere simili vuol dire essere uguali e differenti, rispettare le persone e le storie che incontriamo, anche se diverse da noi. Che le persone simili possano proteggersi tra di loro ma non dividersi”.

Forte e chiaro il messaggio contro le differenze, nel pieno del dibattito sulle unioni civili e diritti delle coppie gay.

Poi è la volta di sir Elton John che emoziona molto si accomoda al piano ed esegue Your song e Sorry seems to be the hardest word. Intervistato da Conti fa un celere accenno alla sua gioia di essere padre. Un richiamo alla solidarietà per gli altri, in particolare verso chi soffre, in nome di un «approccio cristiano» alla vita. La sua esibizione dura poco più di un quarto d’ora ma Elton vola alto sul rumore delle polemiche che hanno preceduto la sua venuta a Sanremo, nel pieno scontro politico sulle unioni civili, alla vigilia del voto – segreto – sul ddl Cirinnà in Senato.

Infine è la volta del rapper franco-congolese Maitre Gims con il suo ultimo brano.

Sul palco salgono anche Aldo Giovanni e Giacomo, che festeggiano i 25 anni di carriera e annunciano che il loro cachet sarà devoluto a tre importanti associazioni.

Marta e Gianluca di Zelig, già visti lo scorso anno nella serata finale. “L’inviato speciale” in sala stampa Rocco Tanica, che rinuncia alla vetrina della gara per i suoi siparietti. Le attrice Anna Foglietta e Kasia Smutniak che fanno un passaggio per parlare film in uscita di Paolo Genovese, Perfetti sconosciuti, del quale sono protagoniste insieme a Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Edoardo Leo, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston.

Ad aprire la rubrica, già collaudata lo scorso anno, Tutti Cantano Sanremo, il centenario Giuseppe Ottaviani, recordman dell’atletica.

I Big in gara in ordine alfabetico sono stati: Arisa, Bluvertigo, Giovanni Caccamo e Deborah Iurato, Dear Jack, Lorenzo Fragola, Irene Fornaciari, Noemi, Rocco Hunt, Enrico Ruggeri, gli Stadio.

Alcuni di loro a difesa dei diritti civili sfoggiano sul palco nastri arcobaleno, legati al microfono o tenuti nel taschino della giacca.

Le esibizioni votate dal pubblico con il televoto e dalla giuria della Stampa.

La classifica provvisoria vede nelle prime 6 posizioni gli Stadio, Enrico Ruggeri, Lorenzo Fragola, Rocco Hunt, Arisa, Caccamo e Iurato. A rischio invece (nelle ultime posizioni) Irene Fornaciari, Noemi, Bluvertigo, Dear Jack.

Questa sera super ospite molto attesa è l’attrice e premio Oscar Nicole Kidman. Poi un grande artista italiano di fama internazionale, Eros Ramazzotti, a 30 anni dalla vittoria con Adesso Tu, l’attore e comico Nino Frassica e la cantautrice britannica Ellie Goulding.

I Big in gara: Annalisa, Alessio Bernabei, Clementino, Dolcenera, Elio e Le Storie Tese, Francesca Michielin, Neffa, Patty Pravo, Valerio Scanu, Zero Assoluto e, in apertura di serata, sfida diretta tra due coppie di Giovani: su quattro, solo due approderanno alla finale di venerdì.

Altra doppia sfida tra le Nuove Proposte nella serata di giovedì 11, quella delle cover, con l’omaggio dei Campioni ai successi del passato.

Super ospiti: i Pooh, Guglielmo Scilla, protagonista della nuova fiction di Rai1 Baciato dal sole.

Venerdì 12 il vincitore delle Nuove Proposte. I quattro finalisti si esibiranno e saranno sottoposti a televoto, giuria degli esperti e giuria demoscopica, con un peso del 40%, 30% e 30%. Superospite della serata, Elisa.

Sul palco torneranno i 20 campioni in gara: la classifica provvisoria decreterà i 5 Big a rischio eliminazione. Solo uno sarà ripescato dal televoto.

Sabato 13 febbraio il vincitore scelto tra i big.

In apertura di serata sarà annunciato il brano ripescato per la gara. Poi all’Ariston saranno di scena Renato Zero, Beppe Fiorello, protagonista della fiction Io non mi arrendo sulla Terra dei Fuochi, e Cristina D’Avena.

Attesi anche l’etoile internazionale Roberto Bolle, il comico Enrico Brignano, il colombiano J Balvin, l’irlandese Hozier con il brano tormentone Take me to Church e il belga Lost Frequencies.

Ma torniamo alla prima serata del festival. All’esodio di Gabriel Garko, reduce del brutto incidente, che parla della mamma che non sa della sua venuta a Sanremo, Madalina Ghenea, che ricorda quando bambina vedeva il Festival in Tv, in Romania, e Virginia Raffaele, che apre la sua serie di imitazioni con la prima, dedicata a Sabrina Ferilli.

La prima serata del festival nonostante non abbia entusiasmato il pubblico presente e da casa sembra essere stata seguita nella prima parte da 12 milioni 515 mila spettatori pari al 49.2% di share, nella seconda da 5 milioni 906 mila con il 52.3%.

Sanremo Start pare abbia raccolto un pubblico di 9 milioni 798 mila persone pari al 34.7%.

Nel 2015 il debutto del festival di Carlo Conti la prima serata aveva totalizzato 13 milioni 210 mila spettatori (share 49%), nella prima parte e 6 milioni 488 mila (52.02%) nella seconda.

«Anche quest’anno Sanremo alle stelle. #Sanremo2016»: dichiara con soddisfazione Giancarlo Leone, direttore di Rai1, che twitta i risultati della prima serata del festival, seguita in media da 11,1 milioni di spettatori pari al 49,5% di share.

Un esordio dunque con il botto, anche quest’anno.

Sanremo 2016, con Carlo Conti presentano: Gabriel Garko, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea

Pubblicato il 12 Gen 2016 alle 2:26pm

In occasione della tradizionale conferenza stampa, di presentazione del Festival della canzone italiana, un omaggio è andato al leggendario David Bowie, scomparso ieri.

Il direttore di Rai1, Giancarlo Leone, rete di Stato che ospiterà, in prima serata, come di consueto, la diretta televisiva della celebre kermesse canora dal 9 al 13 febbraio, salutando i presenti Gabriel Garko, Madalina Ghenea e Virginia Raffaele, che con Carlo Conti presenteranno la 66esima edizione del Festival di Sanremo, e i giornalisti ha lanciato il video dell’edizione andata in scena nel 1997, condotta da Mike Bongiorno, a cui prese parte anche la celebre rock star.

Sanremo 2016, le possibili vallette di Carlo Conti

Pubblicato il 07 Gen 2016 alle 7:45am

Una comica, un’attrice e una conduttrice, le protagoniste, le vallette del prossimo Festival di Sanremo 2016, al fianco di Carlo Conti. (altro…)

Nuova edizione di Striscia La Notizia, oltre alla Hunziker ci saranno Virginia Raffaele e i Velini

Pubblicato il 21 Set 2013 alle 11:01am

Importanti novità nella 26esima edizione del Tg satirico di Antonio Ricci, Striscia La Notizia, che andrà in onda su Canale 5 a partire dal 23 settembre. Sì perché, forse le Veline si riposeranno un turno, e sul bancone di Striscia, troveremo due affascinanti Velini, studenti di 23 e 22 anni, Pierpaolo Pretelli (il moro), 23 anni di Maratea (Potenza) e Elia Fongaro (il biondo) 22 anni di Arzignano (Vicenza). (altro…)