zuccheri

Come riconoscere una dipendenza da zucchero e combatterla

Pubblicato il 02 Mar 2020 alle 6:28am

Gli zuccheri come una vera e propria droga, inducono all’assuefazione. Una nutrizionista rivela come si può porre fine a questa dipendenza. Ecco alcuni consigli dell’esperta, Leisa Cockayne, nutrizionista e healthy coach di origine irlandese, in un’intervista al Daily Mail:

«Non appena il cervello rileva un basso livello di zucchero nel sangue, passa rapidamente alla modalità “panico” e richiede più glucosio, provocando il desiderio di qualcos’altro che lo fornisca rapidamente».

Una dipendenza vera e propria, provocata anche dalla mente: «Oltre alle voglie e alla crisi energetica, un altro segnale di dipendenza da zucchero è la personale reazione emotiva a ciò che si ha appena mangiato – spiega Cockayne – Un’abbuffata di zuccheri può far sentire in colpa, inducendo sentimenti di vergogna e autocritica, che portano a rimpianti.

Questa montagna russa di picchi alti e bassi di zucchero ha un impatto negativo anche sugli ormoni, portando a letargia in alcuni soggetti, ad attacchi d’ansia in altri. Se la dipendenza è grave, anche la sindrome premestruale può esserne disturbata».

Per fermare il ciclo da dipendenza da zuccheri occorre fare una pausa, adottare un approccio più consapevole a ciò che si sta mangiando e osservando come gli alimenti zuccherati ci fanno sentire. «Più si consumano zuccheri, più li si brama – aggiunge Cockayne – Tuttavia, una volta che si imparano a gestire le voglie di zucchero, queste iniziano a diventare sempre più deboli fino a quando non scompaiono del tutto.

Anzi, quando si smette di mangiare zucchero per un periodo di tempo prolungato, il senso del gusto si intensifica. Infatti, lo zucchero maschera altri sapori, perciò limitandolo, ne “scoprirete” di nuovi o dimenticati, che allontaneranno l’ossessione da zuccheri».

1. Rimandare le voglie 2. Cambiate le abitudini 3. Bevete tisane 4. Concedetevi uno sgarro 5. Seguite una dieta bilanciata

Cioccolato gianduia preserva le arterie e migliora la salute del cuore

Pubblicato il 16 Set 2018 alle 1:51pm

Il cioccolato gianduia, se assunto in quantità di 6 grammi al giorno consente di ottenere dei benefici in termine di salute vascolare, come ad esempio per l’elasticità delle arterie. (altro…)

Vacanze: attenzione a mangiare la frutta in spiaggia

Pubblicato il 21 Lug 2017 alle 9:36am

In questo periodo si va al mare e si passano intere giornate in spiaggia a prendere il sole. Ebbene, per molti, vige la consuetudine di portarsi da casa frutta fresca di stagione, da mangiare sotto l’ombrellone al posto di panini o pizzette.

La frutta, si sà, è ricca di acqua, vitamine e sali minerali, ma attenzione, dicono gli esperti, contiene anche molti zuccheri, quindi meglio non abusarne.

L’endocrinologa e nutrizionista Serena Missori, autrice del libro La dieta dei biotipi, sostiene che sia bene mangiare la frutta, ma è opportuno accompagnarla con la giusta dose di acqua per evitare che i zuccheri si accumulino.

Infatti, spiega l’esperta: “La frutta contiene molti zuccheri e in modo concentrato se non si assume la giusta porzione di acqua insieme alla frutta si favorisce la disidratazione che talvolta può sfociare in disturbi intestinali indesiderati. L’ideale sarebbe bere un bicchiere d’acqua ogni 150 grammi di frutta».

Dolcificanti: aumentano rischio di diabete e fanno ingrassare i bebé

Pubblicato il 30 Mag 2016 alle 6:26am

I prodotti usati in sostituzione dello zucchero per non ingrassare, in realtà potrebbero causare complicazioni. A lanciare l’allarme i ricercatori della York University, in Canada, che spiegano come i dolcificanti siano in grado di limitare, l’assunzione di calorie, ma facciano anche aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno infatti analizzato i dati relativi a 2.856 adulti che hanno preso parte alla “Third National Health and Nutrition Survey”, sottoponendo, i volontari ad un test per rilevare l’intolleranza al glucosio predisponte al diabete.

Ebbene, dai dati raccolti, è emerso infatti che l’aspartame contenuto nei dolcificanti aumenterebbe anche il rischio di sviluppare un’intolleranza al glucosio e successivamente al glucosio. Lo studio, pubblicato sulla rivista Applied Physiology, Nutrition and Metabolism ha svelato anche che seguendo le abitudini alimentari delle gestanti ed in particolare il loro consumo di bevande zuccherate con dolcificanti artificiali, ritenuti più “dietetici” e quindi spesso utilizzati al posto dello zucchero, il Body Mass Index dei bambini misurato a un anno di età ha emergere appunto uno stato di sovrappeso.

L’obesità infantile è risultata correlata positivamente al consumo giornaliero di bevande dolcificate artificialmente.

Diabete: i pistacchi possono allontanarlo, perché ricchi di principi nutritivi

Pubblicato il 05 Giu 2014 alle 10:09am

Le persone che sono a rischio di ammalarsi di diabete introducendo nella loro dieta i pistacchi, secondo un recente studio, ritarderebbero l’insorgenza della malattia. (altro…)

Cancro all’utero: mangiare biscotti e torte aumenta il rischio

Pubblicato il 27 Ago 2011 alle 8:00am

Un consumo eccessivo di zuccheri, soprattutto di torte e biscotti, può far aumentare il rischio di sviluppare il cancro all’utero, che colpisce nel nostro Paese ogni anno circa 7.700 donne. (altro…)