Liguria: ancora una volta regina di Bandiere Blu per eccellenza acque balneazione e servizi

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Mag 2018 alle ore 8:44am

La Liguria si conferma ancora una volta la regina delle Bandiere Blu, che segnano l’eccellenza delle acque per la balneazione e per i servizi in prossimità di spiagge e scogliere frequentate dai bagnanti.

La Liguria è ancora una volta al primo posto con eccellenze in tutte le province, da Bordighera a Sportorno, da Camogli a Lerici. Ventisette i Comuni che la Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) ha individuato, gli stessi dello scorso anno.

Savona, ad esempio, primeggia grazie a Ceriale, Albissola Marina, Varazze.

Ma la Liguria eccelle anche nella classifica dei porticcioli turistici con 13 Bandiere Blu.

Molto soddisfatto di tale risultato è il governatore Giovanni Toti che dichiara: “Ancora una volta la Regione Liguria si colloca, incontrastata, al primo posto in Italia per la qualità delle sue spiagge e degli approdi. La nostra regione è sempre più protagonista in Italia di un turismo di qualità. Questo risultato testimonia il riconoscimento al lavoro di squadra compiuto sia dall’amministrazione regionale che dai balneari sul territorio e sul fronte della qualità ambientale delle nostre località turistico balneari”.

I riconoscimenti della Fee riguardano, oltre alla qualità del mare, anche la gestione del territorio, gli impianti di depurazione, la gestione dei rifiuti, la vivibilità in estate, la valorizzazione delle aree naturalistiche. Quest’anno, le spiagge con acqua cristallina lungo lo Stivale hanno raggiunto quota 368 (342 nel 2017), pari al 10% di quelle premiate a livello mondiale.

Le spiagge liguri che hanno ricevuto per il secondo anno consecutivo la Bandiera Blu sono: in provincia di Imperia Bordighera (Capo Sant’Ampelio Zona Ovest e Capo Sant’Ampelio Zona Est), Taggia (Arma di Taggia), Santo Stefano al Mare (Baia Azzurra, Il Vascello), e San Lorenzo al Mare (U Nostromu – Prima Punta, Baia delle Vele); in provincia di Savona: Ceriale (Litorale), Borghetto Santo Spirito (Litorale), Loano (Spiaggia Levante Porto, Spiaggia di Ponente), Pietra Ligure (Ponente), Finale Ligure (Spiaggia di Malpasso-Baia dei Saraceni, Finalmarina, Finalpia, Spiaggia del Porto, Varigotti, Castelletto San Donato), Noli (Capo Noli-Zona Vittoria-Zona Anita-Chiariventi), Spotorno (Lido), Bergeggi (Il Faro, Villaggio del Sole), Savona (Fornaci), Albissola Marina (Lido), Albisola Superiore (Lido), Celle Ligure (Levante e Ponente) e Varazze (Arrestra, Ponente Teiro, Levante Teiro, Piani D’Invrea); in provincia di Genova: Camogli (Spiaggia Camogli Centro – Levante, San Fruttuoso), Santa Margherita Ligure (Scogliera Pagana, Punta Pedale, Paraggi, Zona Milite Ignoto), Chiavari (Zona Gli Scogli), Lavagna (Lungomare) e Moneglia (Centrale/La Secca/Levante); in Provincia della Spezia: Framura (Fornaci), Bonassola (lato est e lato ovest), Levanto (Ghiararo, Spiaggia Est La Pietra), Lerici (Venere Azzurra, Lido, San Giorgio, Eco del Mare, Fiascherino, Baia Blu, Colombo) e Ameglia (Fiumaretta). I porticcioli sono: in provincia di Imperia Portosole (Sanremo), Marina degli Aregai (Santo Stefano al Mare), Marina di San Lorenzo (San Lorenzo al Mare); in provincia di Savona Marina di Andora (Andora), Marina di Alassio, Vecchia Darsena Savona (Savona), Cala Cravieu (Celle Ligure), Marina di Varazze (Varazze); in provincia di Genova Porto Turistico Carlo Riva (Rapallo), Marina di Chiavari (Chiavari); in provincia della Spezia Porticciolo di Portovenere (Porto Venere), Porto Mirabello (La Spezia), Porto Lotti (La Spezia).

“Il prestigioso riconoscimento è frutto anche dell’avanzamento degli interventi nell’ambito della depurazione delle acque”, sottolinea l’assessore Giacomo Giampedrone.