La ‘bellezza naturale’ oggi è sempre truccata. Lo dicono i ricercatori della Georgia University che hanno condotto uno studio, pubblicato sul Journal of the Academy of Marketing Science, dove hanno messo in rassegna gli hashtag #nomakeup comparsi su Instagram e Twitter confrontandoli con l’andamento del mercato dei prodotti da trucco negli Stati Uniti, arrivando così alla conclusione che con l’aumento della notorietà del fenomeno #nomakeup e della smania di pubblicare i selfie con la pelle nuda da parte di Vip e da milioni di donne comuni, il business del maquillage ha continuato ad aumentare complessivamente e senza contraccolpi. “A chiunque chiedi nel settore della bellezza, ti rispondono che la maggioranza di quelle foto taggate #nomakeup online in realtà richiedono una seduta di trucco ancora più complessa e con più prodotti per sembrare così ‘naturali’, – spiegano gli autori dello studio. “Il movimento afferma di essere affianco all’emancipazione femminile, – precisa Rosanna Smith, che ha diretto lo studio presso il Terry College of Business dell’ateneo americano. – Ma la nostra ricerca dimostra che questo andamento in realtà ha perfino esacerbato un punto chiave e critico che le donne devono spesso gestire, ovvero che si sentono ancora più sotto pressione per seguire una serie di nuovi standard dei canoni di bellezza che le vogliono senza trucco. Per farlo si sforzano usando ancora più trucchi”.

Su 3.155 selfie da Instagram (donne realmente senza trucco e donne #nomakeup) analizzati e sottoposti ad un campione di volontari il verdetto è stato univoco: tutti gradivano le foto della ‘bellezza naturale costruita ad arte’. “Le donne sui social ora dicono che non si truccano ma in realtà non è affatto così”. Lo studio in questione rivela che chi guarda il viso di una donna la vorrebbe naturale e non carica di make up, come dimostrato nell’indagine condotta.

photo crediti portale benessere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.