fine vita

Fine vita, i medici: “Non daremo mai la morte”

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 7:48am

“Il medico non abbandonerà mai a se stesso il paziente, assicurerà sempre le cure si palliative per contenere il dolore sino alla sedazione profonda e sarà presente fin dopo il decesso, che certificherà, ma non compirà l’atto fisico di somministrare la morte”.

E’ questo ciò che dichiara, il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli ordini dei medici), Filippo Anelli, riassumendo la linea emersa a Parma all’interno della Consulta di Bioetica della Federazione.

La posizione verrà ora portata all’attenzione del Consiglio nazionale dei 106 presidente degli ordini locali prevista a Novembre in vista dell’avvio di un iter della legge che dovrà essere approvata in Parlamento cosi’ come indicato dalla Consulta dopo il caso di Dj Fabo e dell’accusa, poi caduta, nei confronti di Marco Cappato.

Biotestamento, sì dalla Camera: primo via libera per la legge sul fine vita

Pubblicato il 24 Apr 2017 alle 7:26am

La legge sul fine vita ha ottenuto il suo primo via libera dalla Camera. 326 voti favorevoli e 37 contrari è stato approvato il disegno di legge sul biotestamento che consente, tra l’altro, a tutte le persone maggiorenni di poter esprimere le proprie preferenze sui trattamenti sanitari, compresa la nutrizione e idratazione artificiale.

Un testo criticato dall’area cattolica e che ha avuto il no anche della Lega Nord, Ap, Fdi e da Forza Italia che però ha lasciato ai suoi libertà di coscienza.

La partita ora si sposta al Senato dove il fronte cattolico si prepara ad affilare i denti sperando in risultato diverso.