Messina

Messina, rimosso con successo tumore di 11 chili

Pubblicato il 29 Lug 2018 alle 7:10am

Un intervento straordinario è stato eseguito con successo al Policlinico universitario di Messina. Si tratta della rimozione di un tumore addominale il cui peso è pari ad 11 chili. La donna, una sessantanovenne, è stata già dimessa dall’ospedale.

L’operazione è stata effettuata da un’équipe guidata dal prof. Antonio Macrì, responsabile del programma interdipartimentale per la cura dei tumori peritoneali e dei sarcomi dei tessuti molli dell’ospedale universitario.

“Si tratta – spiega Macrì – di un caso estremamente raro, anche se non il primo da noi operato, sia per la sua natura istologica (sarcoma retroperitoneale gigante), ma, soprattutto, per le dimensioni che la neoplasia aveva raggiunto e per la diffusione in alcune regioni anatomiche difficilmente raggiungibili, con coinvolgimento di grossi vasi, rene, intestino, peritoneo, muscoli, ossa e strutture nervose. Il tumore occupava infatti tutto l’addome, dislocando l’intero intestino in una piccolissima porzione della cavità peritoneale”.

Il peso, le dimensioni (40 x 30 x 15 centimetri circa), l’importante e anomala vascolarizzazione, nonché i strettissimi rapporti che il tumore contraeva con alcuni organi vitali, hanno reso il trattamento chirurgico particolarmente delicato. L’intervento, durato circa sei ore, ha richiesto l’esecuzione di resezioni multiviscerali e ha consentito la rimozione completa del tumore. Il decorso post-operatorio non ha avuto complicanze e la donna è stata dimessa dopo due settimane. “Sembra incredibile che nell’era della prevenzione – sottolinea Macrì – ci si trovi ancora a trattare tumori di queste dimensioni, ma la sede di origine e le modalità di diffusione fanno sì che tali tumori diano segno di sé solo in fasi avanzate. Dobbiamo trovare strategie più efficaci – continua il chirurgo – per promuovere l’educazione sanitaria e coinvolgere sempre più persone nei programmi di screening, in modo da ridurre il numero di tumori in stadio avanzato e, comunque, in questi casi, è fondamentale affidarsi a Centri dedicati al trattamento di tali patologie”.

Nasce a Messina Il Registro siciliano per i malati di Sclerosi Multipla

Pubblicato il 16 Mag 2017 alle 7:37am

E’ nato a Messina, nei giorni scorsi, il Registro siciliano per la Sclerosi multipla. Presente all’inaugurazione il ministro della salute, Beatrice Lorenzin. (altro…)

Messina, 22enne lascia il fidanzato, lui le da’ fuoco con la benzina

Pubblicato il 09 Gen 2017 alle 10:32am

E’ accaduto a Messina. Un uomo ha dato alle fiamme con la benzina infuocata la sua ex, che è ora ricoverata in gravissime condizioni al Policlinico di Messina.

Si tratta di una ragazza di 22 anni aggredita ieri mattina all’alba, intorno alle quattro e mezza, nella sua abitazione da un giovane di 24 anni poi fuggito e bloccato questa mattina dalla polizia: il ventiquattrenne è accusato di tentato omicidio. L’aggressione è avvenuta nel quartiere Bordonaro, alla periferia della citta.

La giovane, A.M , ha sentito suonare alla porta l’ex fidanzato e ha aperto, probabilmente per un chiarimento. Ma si è subito ritrovata davanti tutta la sua ira. I due si erano lasciati da circa due mesi.

A chiamare i soccorsi una parente della ragazza che ha cercato di spegnere le fiamme, che l’avevano avvolta per tutto il corpo. Adesso la giovane è ricoverata in una stanza sterile del Policlinico con ustioni gravissime che le ricoprono il 60 per cento del corpo, soprattutto su addome, cosce, gambe e caviglie. E’ stata lei stessa a raccontare ai medici e alla polizia cosa era accaduto.

Fiorello appello su Twitter: “#MessinaSenzaAcqua, intervenga subito il governo!”

Pubblicato il 29 Ott 2015 alle 9:46am

Rosario Fiorello, sul proprio profilo Twitter, si unisce al coro di indignazione della rete sull’emergenza idrica che sta interessando Messina.

“Ogni tanto i social servono, e delle volte riescono a smuovere cose. Diamogli dentro!!! #MessinaSenzaAcqua Intervenga subito il governo!”.

Fiorello lancia un appello allo Stato per aiutare la sua città di origine a superare questo momento di emergenza.

Sono infatti cinque giorni, che la città si trova senz’acqua, dopo la rottura, a causa di una frana, di una condotta dell’acquedotto di Fiumefreddo.

Uno stato di emergenza che potrebbe prolungarsi ulteriormente. Ieri l’Amam (Azienda meridionale acque Messina) aveva comunicato con una nota che i tecnici hanno individuato “una significativa attività del fronte franoso” che non consentirebbe di poter ripristinare l’erogazione dell’acqua.

Foto LaPresse

Messina, ragazza viene trovata morta in spiaggia, mistero sulla sua identità

Pubblicato il 10 Ago 2015 alle 12:52pm

Il corpo senza vita di una ragazza di circa 25 anni è stato ritrovato sulla spiaggia del lungomare Ringo a Messina. Non aveva documenti di riconoscimento e nessuna denuncia di scomparsa era stata presentata. (altro…)

Francia, migrante muore mentre cerca passare l’Eurotunnel. In Italia ne arrivano altri 1000

Pubblicato il 29 Lug 2015 alle 11:18am

E’ morto nella notte, un immigrato che ha cercato invano di entrare nel Tunnel della Manica, a Calais. (altro…)