Iss

Autismo: firmato accordo tra la Federazione Italiana Medici Pediatri e l’Istituto Superiore di Sanità

Pubblicato il 20 Lug 2018 alle 6:31am

E’ stato sottoscritto un accordo formale di collaborazione tra la Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp) e l’Istituto Superiore di Sanità (Iss). “Si tratta di un accordo lungimirante – sottolinea il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi – che favorirà il raggiungimento dei migliori standard assistenziali per i bambini con disturbo del neurosviluppo andando a potenziare le attività di riconoscimento precoce in modo innovativo e in linea con le linee guida internazionali.”

Grazie a questo accordo, infatti, sarà possibile osservare e approcciare questa patologia attraverso diverse prospettive. “Il protocollo d’intesa – spiega il Paolo Biasci, presidente nazionale della Fimp – prevede la collaborazione in attività progettuali relative al riconoscimento precoce dei disturbi del neurosviluppo (Dns) e allo studio dell’impatto di fattori ambientali sulla salute di bambini e adolescenti. La Fimp e l’Iss avevano già avviato una collaborazione nell’ambito delle attività del progetto ‘Osservatorio Nazionale per il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico’ (progetto coordinato dal Servizio di Coordinamento e Supporto alla Ricerca dell’ISS e dalla Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute), per la costituzione della rete pediatria-neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e per la definizione di un sistema di valutazione longitudinale del neurosviluppo all’interno dei bilanci di salute. Questo accordo formale rafforza la partnership tra la Federazione, in rappresentanza della pediatria del territorio, e l’ISS che, come organo tecnico scientifico del Servizio Sanitario Nazionale, è da tempo impegnato nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo con attività di ricerca e di carattere istituzionale”.

Olio di palma rischi per la salute? L’ISS dice nì

Pubblicato il 02 Mar 2016 alle 6:36am

L’olio di palma, secondo il ministero della salute, non sarebbe peggiore di qualsiasi altro grasso saturo. Ovvero il suo consumo, se moderato e introdotto all’interno di una dieta bilanciata e variegata composta da un adeguato apporto di grassi polinsaturi, non aumenterebbe il rischio di sviluppare patologie a carico dell’apparato cardiocircolatori in soggetti sani.

Vale a dire, normopeso, senza problemi di colesterolo alto e giovani.

Queste le conclusioni accui sono arrivati gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) circa la richiesta del Ministero della Salute di esaminare le conseguenze sull’organismo derivanti dall’impiego di olio di palma in ambito alimentare.

“Siamo molto soddisfatti del parere espresso dall’Istituto Superiore di Sanità sull’olio di palma, che in questo modo chiarisce una volta per tutte – qualora ce ne fosse stato ancora bisogno – che il consumo di olio di palma, all’interno di una dieta equilibrata, non comporta rischi per la salute”.

Così Giuseppe Allocca, presidente dell’Unione italiana per l’Olio di palma sostenibile, commenta il parere espresso dall’Iss sulla non nocività dell’olio di palma per la salute.

“Ora che chiarezza è stata fatta – aggiunge Allocca -, possiamo concentrarci sui temi della sostenibilità della produzione dell’olio di palma, un argomento che ci sta molto a cuore e che dovrà essere al centro della nostra attività”.

Virus Zika, non è esclusa la trasmissione sessuale

Pubblicato il 01 Mar 2016 alle 6:55am

Dagli ultimi dati emersi dall’indagine condotta dall’ISS, pubblicati online su Eurosurveillance, non collegati all’attuale epidemia che si sta sviluppando in America Latina, ma riferiti ad un caso, il terzo identificato sino a ora nel mondo, ricostruito e confermato retrospettivamente: «Nell’estate-autunno del 2014 – chiarisce Gianni Rezza, direttore del MIPI – l’unità arbovirus dell’ISS esaminò per una sospetta Dengue i campioni di siero appartenenti a un uomo che aveva viaggiato in una zona all’epoca affetta da Dengue, la Tailandia, e della sua partner, che invece non aveva effettuato viaggi, ma che si era ammalata a distanza di circa 20 giorni con sintomi simil-Dengue. I campioni provenivano dalla Clinica delle Malattie infettive dell’azienda universitaria di Careggi, Firenze. Complessivamente, dall’analisi di tutti i risultati di laboratorio, non fu possibile confermare l’infezione da virus Dengue per nessuno dei due casi. Rimase comunque il sospetto di una infezione importata da Flavivirus, con una successiva trasmissione autoctona, presumibilmente per via sessuale».

Ecco allora che si profila anche lo spettro della trasmissione sessuale per il virus della Zika. Cosa certamente ancora più allarmante.

Ministero della Salute, un tavolo di lavoro sulla “Mobile Health”

Pubblicato il 26 Lug 2015 alle 6:02am

Il Ministero della Salute annuncia un tavolo di lavoro sulla mobile Health, voluto tanto dal ministro Lorenzin, per “lavorare per la tutela della salute dei cittadini in relazione alla diffusione della pratica della medicina supportata da dispositivi mobili come PDA e telefoni cellulari mediante l’utilizzo di applicazioni specifiche progettate per finalità mediche (med apps) quali raccolta di dati clinici, trasmissione di informazioni sullo stato di salute al personale medico o agli stessi pazienti”. (altro…)

Iss: le linee guida sul parto cesareo

Pubblicato il 01 Gen 2012 alle 10:23am

Arrivano le linee guida sul parto cesareo, stilate dall’Istituto Superiore di Sanità. Un vero documento in cui vengono affrontate, in 13 capitoli e 21 quesiti, tutti quegli aspetti inerenti le indicazioni da seguire per il taglio cesareo urgente e programmato, nonché oltre a 59 raccomandazioni che fanno riferimento proprio all’efficacia e alla sicurezza di alcune procedure diagnostiche e manovre necessarie in questa importante pratica. (altro…)

Tbc: Iss garantisce che il Gemelli è sicuro

Pubblicato il 17 Set 2011 alle 7:24am

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità il Policlinico Gemelli di Roma è sicuro. In Italia, però, il 10% della popolazione è risultata positiva al test della TBC. E alcuni giorni fa, 3 infermiere di neonatologia sono risultate positive. (altro…)

“Antibiotici? Usali con cautela“, 18 novembre Giornata Europea

Pubblicato il 17 Nov 2010 alle 12:07pm

Domani si celebra la Giornata Europea degli Antibiotici, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uso consapevole di questi farmaci, una delle più grandi scoperte del XX secolo. (altro…)

In arrivo nuovi studi sull’autismo

Pubblicato il 11 Ott 2010 alle 7:45pm

Durante il convegno sull’autismo tenutosi oggi a Roma presso l’Istituto Superiore di Sanita’, è stato presentato il progetto di una ricerca che darà la possibilità di studiare il bambino nei primi mesi di vita , per capire se è a rischio di sviluppare questo disturbo. (altro…)