Riciclo rifiuti, il Nord Italia al 55%, sopra media nazionale

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 28 Set 2020 alle ore 6:13am

Il Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, Edo Ronchi, presentando un rapporto sui rifiuti urbani e l’economia circolare nel Nord Italia dice che “I trend di crescita della raccolta differenziata dei rifiuti urbani e le stime regionali sull’attuale tasso di riciclo dei rifiuti urbani e degli imballaggi mostrano il Nord con una buona performance, superiore al dato medio nazionale. Questi risultati raccolti portano così le Regioni del Nord ad aver raggiunto una quota del riciclo del 55% dei rifiuti urbani nel 2019, anticipando il nuovo target europeo che fissa tale quota al 2025”.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata, 9 città (Treviso, Pordenone, Mantova, Belluno, Trento, Biella, Verbania, Vicenza, Cremona) hanno superato il 75%, con Treviso che arriva all’87% e Pordenone, Mantova, Belluno e Trento che superano l’80%. In 6 città è inferiore al 50%, con Genova ferma al 33%.

I trend complessivi di crescita della raccolta differenziata dei rifiuti urbani avvicinano le Regioni del Nord agli obiettivi di riciclo dei rifiuti urbani fissati a livello europeo per il 2025, 2030 e 2035. L’unica Regione che registra qualche ritardo nelle raccolte differenziate e, conseguentemente, del riciclo dei rifiuti urbani è la Liguria.

Dal Rapporto emerge anche che la produzione pro capite media nelle province del nord Italia è di 513 kg/ab/anno: la più virtuosa è la provincia di Treviso, con una produzione pro capite inferiore a 400 kg/ab/anno. Più alta la produzione nei capoluoghi: 522/kg/ab/anno.