legge

Coronavirus, in arrivo un decreto da oltre 20 mld per famiglie e imprese

Pubblicato il 16 Mar 2020 alle 6:25am

Valgono oltre venti miliardi le misure contenute nel decreto legge che sarà nelle prossime ore all’esame del Cdm. A confermarlo all’ANSA diverse fonti di governo. Il valore complessivo del provvedimento sarà definito solo dopo il vaglio finale del governo ma fino allora si può stimare che la cifra impiegata sarà vicina ai 25 miliardi per i quali l’esecutivo ha avuto l’autorizzazione del Parlamento.

Nel decreto saranno contenute le misure per affrontare l’emergenza sanitaria e le risorse per famiglie e lavoratori.

Cittadinanza, con governo Giallo- Rosso riparte alla Camera ddl ius culturae

Pubblicato il 29 Set 2019 alle 6:07am

La legge sullo ius culturae, l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte di ragazzi stranieri al termine di un percorso di studi, riprende ora il suo iter parlamentare, con buone possibilità di approvazione, visto ora il cambio di maggioranza al governo.

Il testo era stato incardinato un anno fa in quota opposizione, ed ora il presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia (M5s) lo ha reinserito in calendario per giovedì prossimo, 3 ottobre. Una decisione questa presa proprio nel giorno in cui il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, ha sollecitato l’approvazione della legge. Nell’ottobre 2018 Leu aveva ottenuto l’incardinamento in Commissione del ddl di Laura Boldrini, che riproponeva la legge naufragata in Senato nella scorsa legislatura dopo il sì della Camera. Il ddl Boldrini prevede sia lo ius soli, cioè l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte dei bambini nati in Italia da genitori stranieri regolarmente residenti nel nostro Paese, sia lo ius culturae. Una legge richiesta sin dal 2007 dalle associazioni cattoliche, dalle Alci agli scout, e dalle associazioni impegnate in favore dell’integrazione. La netta opposizione della Lega lo aveva bloccato. Ora la maggioranza è cambiata e Roberto Speranza è andato al governo, tenendo il ruolo di relatore che si batte fortemente per questa legge.

Camera, defibrillatori semiautomatici e automatici anche in ambiente extraospedaliero

Pubblicato il 01 Ago 2019 alle 7:21am

La Camera ha approvato all’unanimità la nuova legge che disciplina l’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici e automatici in ambiente extraospedaliero. Il provvedimento, passa ora all’esame del Senato, ed è diretto a favorire ed a regolare la dotazione e l’utilizzo dei defibrillatori in diversi luoghi pubblici, anche da parte di soggetti non specificamente formati, regolando il collegamento e l’interazione con la rete dell’emergenza territoriale 118, e promuovendo campagne di informazione e sensibilizzazione, nonché l’introduzione di specifici insegnamenti, anche negli istituti di istruzione primaria e secondaria.

Associazioni scientifiche, come Irc (Italian resuscitation council), e di volontariato come Progetto Vita di Piacenza, sono state le prime a chiedere una garanzia in più che «salvi» chi decida di intervenire per salvare una vita.

Dipendenza da smartphone, in arrivo legge per curarla

Pubblicato il 24 Lug 2019 alle 6:57am

La dipendenza da smartphone e Social network è una vera e propria malattia, soprattutto tra i più giovani, di età compresa tra i 15 e 25 anni. Per questa ragione, il Movimento 5 stelle ha depositato una proposta di legge sul contrasto della nomofobia (no-mobile-phone-phobia), ovvero la paura di rimanere senza smartphone e quindi senza connessione Internet.

Prima firmataria, la deputata Vittoria Casa (M5s), ma il progetto sembra già avere ampio consenso anche dalle altre forze politiche.

L’utilizzo incontrollato degli smartphone e dei Social network è per alcuni una vera e propria ossessione e dipendenza. Si stima infatti che circa l’80% dei ragazzi nella fascia di età 15-25 dichiara di esserne dipendente, il 50% utilizza il telefono anche a tavola, mentre il 78% anche a letto.

Per curare questa vera e propria patologia, il Movimento 5 Stelle ha depositato alla Camera una proposta di legge per fermare il problema e rendere i giovani più consapevoli circa i rischi della dipendenza da Internet.

Il testo depositato vuole introdurre corsi di formazione ad hoc nelle scuole medie e superiori innanzitutto per prevenire la dipendenza e curarla. Oltre ai giovani, in questi corsi di formazione sarà importante anche il ruolo di genitori e docenti.

In altre parole, l’obiettivo finale del Movimento 5 stelle, che però sembra essere condiviso anche dalle altre forze politiche, è educare ad un uso corretto e consapevole di Internet, degli smartphone e dei Social network. Il progetto, inoltre, propone anche di istituire un tavolo tecnico che coinvolga il Ministero dell’Istruzione ed il Ministero della Salute per l’ideazione delle misure necessarie a contrastare questa tendenza.

Diabete, un bonus di 500 euro al mese per chi ce l’ha

Pubblicato il 17 Giu 2019 alle 10:32am

Sono circa 3,5 milioni di persone in Italia che soffrono di diabete e oltre un milione coloro che non sanno di avere problemi relativi a questa patologia, molto invalidante. (altro…)

Lombardia, è legge. Sì a telecamere negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia

Pubblicato il 28 Nov 2018 alle 10:50am

In Lombardia, telecamere negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia: è legge. Il consiglio regionale ha dato il via libera ieri con 57 sì alla legge «Iniziative a favore dei minori che frequentano nidi e micro nidi» che favorisce l’installazione di telecamere. Il Movimento 5 Stelle ha votato a favore con il centrodestra, 16 no dai consiglieri Pd e di +Europa. Il provvedimento è stato promosso dalla giunta su proposta del presidente Attilio Fontana e dell’assessore alle Politiche per la famiglia Silvia Piani che sottolinea come l’obiettivo sia di «tutelare i bimbi prevenendo i maltrattamenti, sebbene i siano casi isolati, e favorendo a tale scopo l’installazione su base volontaria dei sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso. I filmati registrati all’interno saranno resi disponibili esclusivamente all’autorità giudiziaria». C’è stato un lungo confronto tra Regione e categorie, l’assessore sottolinea di aver «ricevuto il sostegno e l’apprezzamento di tanti operatori del mondo della formazione, del sistema sociosanitario e della sicurezza». Con questo passaggio la Regione assegna 600mila euro per l’acquisto di telecamere a circuito chiuso (300mila per il 2019 e altrettanti per il 2020), 300mila euro per la formazione degli operatori (sempre spalmanti su due anni) per un totale quindi di 900mila euro.

Donne del cinema italiano si uniscono contro le molestie, esprimendo il loro “Dissenso comune”

Pubblicato il 03 Feb 2018 alle 6:01am

Le donne del cinema italiano si mobilitano contro le molestie e firmano una lettera consegnata a Repubblica.it, per rendere pubblico il loro “dissenso comune” dopo il caso Weinstein. Ad aderire a tale iniziativa sono 124 donne dello spettacolo, da Ambra Angiolini a Paola Cortellesi, da Sabrina Impacciatore alle sorelle Comencini e Rohrwacher.

“Non è la gogna mediatica che ci interessa. Il nostro non è e non sarà mai un discorso moralista”, scrivono.

“La molestia sessuale non ha niente a che fare con il gioco della seduzione – scrivono – Noi conosciamo il nostro piacere, il confine tra desiderio e abuso, libertà e violenza”.

Un testo, si legge alla fine della lettera, “che non vuole puntare il dito contro un singolo ‘molestatore’ ma l’intero sistema di potere”. Questo è il tempo “in cui noi abbiamo smesso di avere paura”.

Donne tunisine possono sposare anche uomini non musulmani

Pubblicato il 18 Set 2017 alle 6:50am

La Tunisia ha abolito una legge che impediva alle donne tunisine di sposare uomini non musulmani, a meno che non si convertissero all’Islam e lo dimostrassero attraverso un certificato. (altro…)

Cyberbullismo, ora c’è la legge

Pubblicato il 19 Mag 2017 alle 9:39am

E’ stata approvata, definitivamente dalla Camera, la legge per il contrasto alle forme di cyberbullismo, con 432 voti a favore e nessun contrario. (altro…)

Le unioni civili, ora sono legge: ecco cosa cambia

Pubblicato il 16 Gen 2017 alle 6:54am

“Con i decreti legislativi terminiamo l’iter delle #unionicivili. Era una promessa, ora è una legge”. Con queste parole la sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi ha annunciato ieri il via libera ai dlgs sulle unioni civili da parte del Consiglio dei ministri. (altro…)