Secondo uno studio della University of North Carolina a Chapel Hill, condotto da Sunni Mumfordh, le donne in età fertile, se si sottopongono ai prelievi del sangue,  subito dopo le mestruazioni o in prossimità dell’ovulazione, possono avere i valori di colesterolo e trigliceridi nel sangue più alti dell’ 5-8 per cento. 

Ebbene, i ricercatori sono arrivati a questa conclusione, dopo aver esaminato 260 donne:  il cui 14% ha mostrato di avere livelli di colesterolo alti se il prelievo era eseguito nella fase ovulatoria del ciclo ma questa percentuale scendeva, invece, all’8% se il dosaggio veniva eseguito nelle settimane successive, ovvero poco prima delle mestruazioni.

Ciò sarebbe dovuto a causa degli estrogeni, che quando raggiungono il loro picco, cioè durante l’ovulazione, fanno aumentare immediatamente anche il colesterolo buono, ovvero l’ HDL, di conseguenza, si ha un calo delle LDL, le lipoproteine che trasportano il colesterolo più pericoloso per il cuore e i vasi sanguigni.

Se gli estrogeni sono al livello più basso, vale a dire prima della comparsa del ciclo mestruale, le LDL conseguentemnete aumentano, mentre diminuisce l’ HDL.

Per gli scienziati è importante creare dei valori standard in relazione alle diverse fasi del ciclo mestruale, nel momento in cui la donna in età fertile, decide di sottoporsi agli esami del sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.