settembre, 2010

Parte oggi la terza edizione del Festival della Letteratura di Viaggio

Pubblicato il 30 Set 2010 alle 3:37pm

Da oggi giovedì 30 settembre e fino a domenica 3 ottobre, parte la terza edizione del Festival della Letteratura di Viaggio all’insegna del tema “Verso Oriente, il Levante“. (altro…)

Passione tra Valeria Marini e Costantino Vitagliano, nel videoclip di Gigi D’Alessio

Pubblicato il 30 Set 2010 alle 3:09pm

Valeria Marini e Costantino Vitagliano sembrano davvero innamorati. Secondo le foto pubblicate da Novella 2000, sembrerebbe proprio di sì. (altro…)

BALLIN: Sensualità e eleganza Black&White per il prossimo autunno 2010

Pubblicato il 30 Set 2010 alle 2:44pm

La collezione Black&White dell’autunno inverno 2010 di Ballin è pensata per una donna dalla personalità chic e sofisticata. (altro…)

Scuola: approvata la legge che tutela i dislessici

Pubblicato il 30 Set 2010 alle 12:45pm

Approvato ieri dal Senato il disegno di legge sui DSA (Disturbi specifici di apprendimento) il cui testo, già varato nel 2008 in prima lettura, era stato successivamente modificato dalla Camera. (altro…)

Iperattività della vescica: una donna su tre ne è affetta

Pubblicato il 30 Set 2010 alle 8:39am

Le donne possono soffrire di iperattività della vescica. Evitare di bere non serve a sopportare il problema ed è comunque importante assicurare all’organismo il giusto apporto idrico. (altro…)

Donne nel mondo dei manga: la rivoluzione di Riyoko Ikeda e di Lady Oscar

Pubblicato il 29 Set 2010 alle 1:58pm

Anche quest’anno, la capitale torna a ospitare, dal 30 settembre al 3 ottobre, il Romics, la rassegna internazionale dedicata al fumetto e al cinema di animazione, organizzata dalla Nuova Fiera di Roma e da Castelli Animati: il festival, giunto alla sua decima edizione, sarà particolarmente ricco di eventi (concorsi, mostre, anteprime, sfilate Cosplay), di novità (come l’incoronazione dei “7 re di Romics”, sette grandi autori del mondo fumettistico che riceveranno un riconoscimento per la loro esperienza lavorativa) e, soprattutto, vedrà la partecipazione dei più importanti maestri del fumetto mondiale, come Claudio Villa (celebre copertinista di Dylan Dog) e Chris Ware.

Ospite d’onore sarà, però, l’autrice di fumetti giapponese Riyoko Ikeda, madre di uno dei manga più famosi al mondo: “Berusaiyu no Bara” (“Le rose di Versailles”), meglio noto in Italia come “Lady Oscar”.

La storia, nata nel 1972 come fumetto e poi, visto l’enorme successo, trasposta in anime televisivo nel 1979 (in Italia andò in onda per la prima volta nel 1982), è ambientata nella Francia del secondo Settecento, con particolare attenzione alle vicende della Rivoluzione del 1789, ed è incentrata sul personaggio di Oscar François de Jarjayes: nata nel 1755, Oscar è la sesta figlia femmina del generale François Augustin Reynier de Jarjayes (nobile francese realmente esistito), il quale, deluso per la nascita di un’altra bambina, decide di crescerla come un maschio, addestrandola all’uso delle armi e preparandola a una futura vita militare.

E, effettivamente, Oscar dimostra di avere la determinazione ferrea, l’inflessibilità e l’intransigenza di un vero guerriero, qualità che le permettono di diventare, a soli quattordici anni, comandante della Guardia Reale: il suo compito principale è quello di proteggere il delfino di Francia Luigi Augusto (futuro Luigi XVI) e la sua promessa sposa, la giovane Maria Antonietta, dalle trame e dai complotti del duca di Orleans, che mira a ucciderli per impadronirsi della corona. In questo modo, Oscar si guadagna l’amicizia e la stima della futura regina ma, con il passare degli anni, matura un crescente disgusto per i torbidi e le dissolutezze dell’ambiente di corte; parallelamente, però, cresce in lei una forte empatia per le sofferenze del popolo e, proprio per difendere la causa dei più deboli, Oscar decide di abbandonare la Guardia Reale. Assume, così, il comando della Guardia Nazionale di Parigi insieme al suo amico d’infanzia, André, per il quale nutre anche un sincero e profondo amore, destinato, però, a essere tragicamente stroncato sul nascere.

Quella della bionda spadaccina, che ha conquistato generazioni di ragazzi con il suo fascino androgino, è la storia di un personaggio anticonvenzionale, che, un po’ forzatamente, un po’ seguendo la propria inclinazione, oltrepassa tutte le barriere imposte al mondo femminile (benché rigorosamente sotto spoglie maschili) e arriva a rompere i rigidi dogmi e le calcificate convenzioni della società dell’ancien régime; per questo lato, non si può fare a meno di notare l’impressionante somiglianza con l’esperienza personale di Riyoko.

Ikeda Sensei(“la maestra Ikeda”), che tra l’altro ha guidato ieri sera il corteo in maschera di apertura del Romics travestita da Maria Antonietta, ha raccontato ai giornalisti, nella residenza romana dell’ambasciatore giapponese, il proprio difficile esordio nel mondo dei manga e la genesi del celebre personaggio di Oscar: “Ho iniziato a pensare a Lady Oscar – dice la mangaka (“autrice di manga”) – quando avevo 24 anni ed ero studentessa di filosofia a Tsukuba.

I miei amici mi dicevano che sarebbe stato folle abbandonare gli studi per il fumetto e il mio editore mi sconsigliava di affidare un messaggio importante a una donna. Io invece ero certa che la storia di una ragazza che rinunciava ai sogni tipici delle donne per essere indipendente avrebbe colpito il cuore di molti. Molti uomini però non l’hanno accettato. Quando è uscito il manga ricevevo telefonate d’insulti”.

Tra l’altro, Ikeda ha dovuto subire anche le discriminazioni di un mondo, quello dei manga, allora dominato dagli uomini: “Essere una donna nel mondo dei manga è stato durissimo: una volta ho disegnato per tre giorni e tre notti consecutive senza mangiare.

Ma, nonostante lavorassi molto di più, mi pagavano la metà rispetto a un mangaka uomo, perchè si dava per scontato che prima o poi mi sarei sposata e fatta mantenere”. Ciononostante, il suo successo come fumettista è stato immenso e, oltretutto, Ikeda è anche riuscita a coronare un altro grande sogno, quello di diplomarsi in canto al conservatorio: come soprano, quindi, sarà anche la protagonista di un concerto lirico, che terrà presso la ex Chiesa di Santa Maria al Collegio Romano il primo ottobre.

di Chiara Gazzini

Sesso: Donne per una sola notte o da sposare?

Pubblicato il 29 Set 2010 alle 2:00am

Viviamo nell’utopica convinzione che “sex and city“, sia un modello reale di vita, di uno spaccato in cui la ricerca del partner passi necessariamente ed eluttabilmente attraverso il lunguaggio della sessualita’ e del corpo, in una utopica rincorsa della approvazione e conferma da parte dell’altro, o che si voglia lui, ma non solo, creando allusioni che si considerano erotiche mentre sono solo ambigue ed ambivalenti. (altro…)

Umidità in casa, come proteggersi dalla muffa

Pubblicato il 29 Set 2010 alle 1:10am

Molto spesso la muffa invade in casa quegli ambienti particolarmente umidi (es. il bagno) e che non vengono areati con frequenza.

Le muffe oltre ad essere antiestetiche per la casa, possono provocare serie allergie.

Allora cosa fare per evitarle?

Le muffe sono organismi di origine vegetale, entrano nelle nostre case dall’ambiente esterno utilizzando vari canali, spesso difficili da identificare. Appartengono alla famiglia microscopica dei funghi, e possono attaccare pareti, pavimenti e piastrelle.

Se l’uomo respira le spore delle muffe, queste possono provocare seri problemi soprattutto a chi dimostra sensibilità e fragilità di difesa. Le spore prodotte dalle muffe sono l’elemento scatenante e aggressivo verso il nostro organismo.

Le muffe si formano spesso in cucina, aprendo semplicemente il frigorifero, tra le piastrelle del bagno e in tutti quegli ambienti dove si può formare condensa.

Per il frigorifero: – occorre un’accurata pulizia del frigo, (dopo averlo completamente svuotato), con acqua e aceto, evitando di usare, se possibile, prodotti chimici. – Pulire accuratamente le guarnizioni del frigo, spesso è proprio in questi luoghi che si annidano le muffe, molto più che sulle pareti. Aprirle, allargarle e pulirle con un panno umido. – Tenere sotto controllo la temperatura e l’umidità del frigo, tutti gli sbalzi di temperatura possono causare problemi di muffa. – Evitare di inserire nel frigo alimenti con terra per la riproduzione di batteri e germi in generale.

Per le piastrelle Le piastrelle della cucina, come quelle del bagno, rappresentano un terreno fertile per la moltiplicazione delle muffe. Ecco allora alcuni consigli:

– Pulire periodicamente le piastrelle, usando preferibilmente detersivi naturali, alcol, candeggina. – Usare il vapore per la pulizia: in tal caso tenendo presente che se il vapore non si asciuga bene la parte trattata può rappresentare un potenziale rischio. Le muffe, si annidano proprio in tutti quei luoghi in cui c’è umidità. Pertanto, quando si adopera il vapore per pulire è fondamentale non lasciare la parte umida, ma provvedere a farla asciugare perfettamente, creando anche delle correnti di aria.

L’acqua è un’alleata delle muffe, per questo verificare se ci sono piccole perdite nell’abitazione, infiltrazioni ecc

La nemica della muffa

L’aria, è la nemica numero uno dell’umidità, in casa è sempre necessario adottare un buon principio basato sulla frequenza di ricambio di aria da farsi più volte al giorno.

– Usare un deumidificatore – La presenza in alcune case di un buon deumidificatore aiuta molto. Esistono, infatti, case in cui la presenza di umidità è davvero alta ed è impossibile che non si sviluppino poi le muffe.

– Controllare impianto di climatizzazione – Per l’impianto di climatizzazione, molto utile in determinati periodi dell’anno, è necessario ricordare che va periodicamente monitorato facendo seguire un’adeguata manutenzione dei filtri. – Non far aderire i mobili alle pareti

Il non far aderire i mobili alla parete, è un valido stratagemma, perchè serve a favorire la circolazione dell’aria, che eviterà la potenziale formazione di muffe dietro un mobile se la parte è magari attaccata da umidità.

Matrimonio civile: i documenti che occorrono

Pubblicato il 29 Set 2010 alle 1:00am

Il matrimonio civile necessita di alcuni documenti, ve li indichiamo:

L’estratto per riassunto dell’atto di nascita, rilasciato dal Comune di nascita, se questo è diverso dal Comune di residenza

– Certificato di stato civile – Certificato contestuale rilasciato dal Comune di residenza – Certificato di cittadinanza – Certificato di residenza – Pubblicazioni civili in Municipio – Dichiarazione di assenza d’impedimenti di matrimonio, rilasciata dal Comune di nascita

Parliamo di “assenza di impedimenti al matrimonio”, quando: – Per la donna, il precedente matrimonio sia sciolto da almeno 300 giorni; – Assenza di impedimenti di parentela, affinità, adozione o affiliazione; – Assenza di una dichiarazione di interdizione per infermità mentale; – Assenza di una condanna per omicidio consumato o tentato sul coniuge dell’altro sposo.

Una volta che sono state fatte queste dichiarazioni, l’Ufficiale di Stato Civile redige il processo verbale, sottoscrivendolo insieme ai due futuri sposi.

L’Ufficiale espone quindi l’Atto di Pubblicazione per 8 giorni, trascorsi i quali rilascia il certificato di avvenuta pubblicazione.

Quando uno degli sposi è residente in un altro Comune, l’Ufficiale di Stato Civile dovrà richiedere la pubblicazione anche in quel Comune, che affiggerà le pubblicazioni sempre per 8 giorni.

Ebbene, al nono giorno invierà la comunicazione di avvenuta esecuzione delle pubblicazioni all’altro Comune.

Il matrimonio potrà essere così celebrato dopo 4 giorni dall’ultima pubblicazione.

Il matrimonio civile può essere celebrato anche in un Comune diverso da quello in cui sono state richieste le pubblicazioni.

In tal caso, l’Ufficiale di Stato Civile trasmetterà la documentazione agli uffici del Comune scelto.

Anche se celebrato in un Comune diverso, il matrimonio civile si dovrà comunque svolgere in Comune o in una sala civica appartenente al Comune.

Unica eccezione a tale regola è l’infermità o altro impedimento giustificato di uno o entrambi gli sposi.

Più avanti tratteremo della documentazione necessaria per il matrimonio cattolico e acattolico e di tanto altro ancora…

Alberto Guardiani World alla Trinnale apre le sfilate milanesi

Pubblicato il 29 Set 2010 alle 12:30am

Con un grande evento alla Triennale di Milano, Alberto Guardiani apre la settimana della Moda.

Testimonial Valeria Solarino, Giovanni Gastel, Malika Ayane, Natasha Stefanenko, Kris&Kris, Serena Garitta, Denny Mendez, Saturnino.

Musica fino a tarda notte con il Dee Jay Kiko Navarro: tanti i volti noti della Tv, dello spettacolo e dell’editoria nella splendida cornice del Salone d’Onore della Triennale di Milano per l’evento Social della famiglia Guardiani.

Veleria Solarino

Malika Ayane

Natasha Stefanenko e Rossella Guardiani

Kris&Kris

Serena Garitta

Denny Mendez

Saturnino e Guya Guardiani