Indice di Massa Corporea

Legge anti-anoressia, in Francia richiesto alle modelle un certificato medico di buona salute

Pubblicato il 06 Mag 2017 alle 10:31am

Entra in vigore in Francia, ma si spera che presto avvenga anche in Italia, la legge che obbliga le top model a fornire ogni due anni un certificato medico che attesti senza ombra di dubbio il loro stato di salute e la compatibilità con il mestiere della modella.

Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale, la misura punta a evitare che le agenzie arruolino giovani donne troppo magre e denutrite.

Ma c’è di più. Richiesto anche l’obbligo di specificare sui messaggi pubblicitari se una fotografia è stata “ritoccata” oppure no.

Dal ministero della Salute parigino, tale provvedimento serve ad “Evitare la promozione di ideali di bellezza impossibili e prevenire l’anoressia tra i giovani”.

Richiesto, infatti, nel certificato medico, anche ificare l’indice di massa corporea (BMI), il rapporto tra peso e altezza. .

Obesità bambini, ereditata per il 60% dai genitori

Pubblicato il 22 Feb 2017 alle 6:50am

Secondo un recente studio condotto dall’università del Sussex pubblicato da Economics and Human Biology, il 35-40% dell’indice di massa corporea dei bambini sarebbe ereditato dai genitori, sia attraverso il Dna che per l’influenza ambientale. (altro…)

Sedentarietà più rischiosa dell’obesità. Morte prematura del 16 – 30%

Pubblicato il 16 Gen 2015 alle 10:50am

Secondo un recente studio, la sedentarietà può fare il doppio dei danni rispetto all’obesità. (altro…)

Aggiornato l’Indice di massa corporea (bmi): arriva il nuovo conto

Pubblicato il 02 Feb 2013 alle 11:14am

Un gruppo di ricercatori della Oxford University ha aggiornato il calcolo del BMI, ovvero l’indice di massa corporea adoperato per calcolare il peso forma, con una nuova formula più precisa che identifica la quantità di grasso effettiva del corpo.

Ebbene, il calcolo classico (peso/altezza al quadrato) è un’operazione matematica molto semplice risalente al 1830, ideata dallo scienziato belga Adolphe Quetelet.

In sostanza, però, dicono gli esperti, si tratterebbe di una stima approssimativa che non tiene conto delle persone basse e di quelle molto alte.

Questi ricercatori spiegano ”Il nostro algoritmo è invece preciso perché bilancia più accuratamente il peso con l’altezza”.

Il nuovo calcolo, infatti, sarebbe più complesso rispetto al precedente e si realizzerebbe cosi’: 1,3 moltiplicato per il peso; il risultato deve essere diviso per l’altezza elevato a 2,5.

Con il calcolo classico le persone besse finiscono per pesare più delle magre rispetto al reale e le persone molto alte pensano di essere più grasse di quanto in realtà lo siano.

Con il nuovo calcolo, invece, chi misura meno di 1 metro e 52 guadagna 1 punto di BMI, chi al contrario si avvicina ai 2 metri di altezza perde 1 punto.

Pubertà femminile: sono 30 i geni che ne determinano la fine

Pubblicato il 23 Nov 2010 alle 9:00am

Secondo i ricercatori della Boston University School of Medicine (BUSM) e della Boston University School of Public Health, il patrimonio genetico delle donne possiede 30 geni che provocano il passaggio dalla pubertà all’età successiva. (altro…)