Dal 26 giugno, i minorenni potranno recarsi all’estero e viaggiare in Europa solo se saranno provvisti del proprio passaporto, o, se riconosciuta dal paese di destinazione, di una carta d’identità valida per l’espatrio.

Non sarà, dunque, più possibile l’iscrizione sul passaporto dei genitori, e pertanto, nemmeno per i figli piccoli.

La cosa non è del tutto nuova, giacché già da tre anni è possibile richiedere il passaporto personale anche per i minorenni con validità di tre anni per i bambini fino ai 3 anni di età e 5 per quelli dai 3 ai 18 anni.

Per maggiori informazioni, visitare il sito web della Polizia di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.