Il trapianto del microbiota intestinale (l’insieme dei batteri che colonizzano il nostro intestino) potrebbe divenire nel prossimo futuro, un elisir di giovinezza: questa la promessa che arriva da uno studio scientifico a carattere internazionale con a capo Claudio Nicoletti dell’Università di Firenze, che vede coinvolti tra gli altri anche gli atenei di Pisa e di Milano.

Pubblicata sulla rivista scientifica Microbiome, la ricerca mostra come possono far invecchiare i topini giovani trapiantando nel loro intestino il microbiota di topolini anziani. Dopo il trapianto di microbiota i batteri che colonizzano l’intestino di questi esserini riceventi virano verso quelli presenti nell’intestino di un animale anziano.

Parallelamente a questo cambiamento a livello intestinale, anche il cervello dei topini giovani sembra invecchiare più lentamente soprattutto nell’ippocampo, sede di apprendimento e memoria.

Photo Credit specchiasol.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.