integratori

Integratori alimentari, non allungano la vita

Pubblicato il 25 Apr 2019 alle 7:24am

La dieta, secondo quanto documentato da una ricerca pubblicata un paio di settimane fa, è un elemento chiave della prevenzione. Ma a fare la differenza è ciò che si mangia, perché i nutrienti assunti in questa maniera hanno con ogni probabilità un effetto diverso (e un’efficacia maggiore) rispetto a quelli concentrati negli integratori. Queste almeno sono solo alcune delle conclusioni emerse nel corso di un ampio studio epidemiologico apparso sulle colonne della rivista «Annals of Internal Medicine», che riprende anche altri studi degli ultimi anni: in chiave preventiva, gli integratori non sono in grado di svolgere lo stesso effetto garantito da una dieta equilibrata.

I ricercatori hanno valutato se un’adeguata o un’eccessiva assunzione di nutrienti fosse associata a una maggiore probabilità di morte prematura e se l’utilizzo degli integratori determinasse una differenza rispetto all’assunzione dei nutrienti presenti nel cibo. Dalle analisi è emerso anche che adeguati apporti di vitamina K e magnesio sono correlati a un minor rischio di morte prematura, ma soltanto se assunti tramite fonti alimentari e non con gli integratori.

Anche il consumo di vitamina A, vitamina K e zinco sostengono i ricercatori è associato anche un minor rischio di morte per malattia cardiovascolare: pure in questo caso però se le sostanze nutritive vengono assunte direttamente dagli alimenti e non dagli integratori.

Quanti a questi, un apporto eccessivo di calcio in «pillole» (più di un grammo al giorno, a fronte di una dose raccomandata di 800 milligrammi) è il risultato che può essere correlato a un più alto rischio di morte prematura per cancro (lo stesso dato non è stato riscontrato in chi assumeva quantità elevate di calcio attraverso la dieta). Lo stesso dicasi per l’assunzione di vitamina D, se assunta in eccesso da chi non soffre di una carenza (e quindi non ha necessità di assumerla sottoforma di integratore).

Magnesio e potassio due alleati contro la pressione bassa. Ecco cosa mangiare

Pubblicato il 18 Ago 2018 alle 6:47am

Magnesio e potassio sono minerali essenziali il benessere psicofisico quotidiano di tutto l’organismo, soprattutto in estate, quando a causa del caldo tendiamo a sudare di più. Non a caso sono considerati fra i rimedi migliori contro la pressione bassa, l’ipotensione. (altro…)

Vitamina D, integrata in chi è carente, protegge da raffreddore e influenza

Pubblicato il 17 Feb 2017 alle 6:18am

Secondo un recente studio, diretto da un gruppo di scienziati della Queen Mary University di Londra (QMUL), pubblicato sul British Medical Journal, che ha analizzato i dati raccolti tra circa 11mila persone di 25 trial clinici in 14 paesi del mondo (Italia compresa), assumendo integratori a base di vitamina D – che il corpo riesce a produrre in autonomia solo quando ci si espone al sole – è possibile proteggersi da infezioni delle vie respiratorie, stimolando la produzione di antimicrobici nei polmoni.

Il beneficio, spiegano gli esperti, è stato più evidente in coloro che avevano bassi livelli di vitamina D nel corpo (persone che uscivano poco, o che si esponevano poco alla luce solare anche d’estate o che avevano pelli scure).

Ma l’assunzione regolare di un integratore a base di vitamina d è riuscito anche a dimezzare il tasso di infezioni delle vie respiratorie nelle persone che presentavano livelli più bassi di vitamina, riducendo anche del 10% le infezioni tra chi aveva soglie più alte del composto.

Livelli bassi di vitamina D, sottolineano gli esperti, aumentano anche il rischio di fratture ossee, malattie cardiache, cancro del colon-retto, diabete, depressione, morbo di Alzheimer.

Una carenza di folati e di vitamina B12 può causare la depressione

Pubblicato il 29 Nov 2012 alle 7:04am

La depressione, soprattutto quella melanconica, potrebbe essere causata in parte anche dall’alimentazione. (altro…)

Con il caldo si rischia la disidratazione se non si assumono integratori di sali minerali

Pubblicato il 22 Lug 2012 alle 7:00am

Sportivi, anziani e tutti coloro che trascorrono molte ore al sole, per lavoro o per svago, con il caldo forte sono a rischio di disidratazione. La sudorazione infatti, può essere spesso maggiore al quantitativo d’acqua assorbito dall’organismo con conseguenti gravi danni per il metabolismo. (altro…)

Federsalus: è importante un uso consapevole degli integratori

Pubblicato il 30 Mar 2012 alle 9:59am

La Federsalus, Federazione che rappresenta le aziende che operano nel campo nazionale dei prodotti salutistici, in una nota, sottolinea quanto sia importante la consapevolezza nell’uso degli integratori, ma non devono esserci allarmismi. (altro…)