pedofilia

Pedofilia, Papa Francesco: “A chi è colpevole non darò mai la grazia”

Pubblicato il 21 Set 2017 alle 1:06pm

La linea di “tolleranza zero” inaugurata da Benedetto XVI e stata ampiamente raccolta anche da Papa Francesco. Il quale dice no a crimini e abusi sessuali su minori. (altro…)

Quindicenne adescata e ricattata su Facebook tenta il suicidio

Pubblicato il 08 Gen 2017 alle 12:43pm

E’ stata nascosta per mesi e mesi nella sua cameretta una quindicenne adescata e ricattata su Facebook, fino a pensare di togliersi la vita, dopo l’ennesima richiesta di quel finto amico che minacciava di rivelare ai suoi genitori i suoi segreti pur di avere in cambio alcune foto osé.

La ragazza, una quindicenne del Riminese, ha afferrato un coltellino e ha cercato di tagliarsi le vene. E’ stata trovata così, nel bagno di casa, dalla madre che è riuscita appena in tempo a metterla in salvo.

Era cambiata,s i era chiusa in se stessa, e non portava più gli stessi risultati a scuola, la studentessa liceale.

L’uomo che la ricattava su fb si era spacciato per un finto amico, un suo coetaneo, quando in realtà era un impiegato informatico di 35 anni della Brianza e con il quale la ragazza aveva iniziato a chattare. L’adulto era riuscito a carpire la fiducia della ragazza che, di giorno in giorno, si confidava con lui, ritenendolo un nuovo amico virtuale.

Di qui i racconti sulle sue apprensioni ed esperienze sessuali di un’adolescente. E le richieste di lui del tipo: «Mandami delle tue foto particolari».

La studentessa allora spaventata dal suo comportamento lo ha subito bloccato, ma l’impiegato non ha desistito: ha lasciato passare qualche settimana ed è tornato all’attacco, cambiando astutamente profilo e nome e fingendosi amico sedicenne di un’amica in comune. E di lì a poco il copione si è ripetuto. Lei ci è ricascata e lui ha iniziato a ricattarla. «Mandami una tua foto solo per vederti», le ha chiesto e lei non ha esitato, pensando di avere, dall’altra parte dello schermo, un suo coetaneo”.

Poi il ragazzino fasullo ha fatto richieste più esplicite e quando la liceale si è rifiutata, ecco allora che ha minacciato dicendo «O mi mandi le foto o racconto ai tuoi genitori tutti i tuoi segreti».

Per settimane la ragazza è stata in balia di questo uomo. Fino a quando terrorizzata e disperata, senza sapere cosa fare, ha preso un coltellino e ha tentato di togliersi la vita.

Orrore a Terni, bimbo di 6 anni abusato da madre e compagno, volevano farlo prostituire

Pubblicato il 16 Nov 2016 alle 1:55pm

Un vero e proprio inferno, quello a cui è stato costretto per mesi un bambino di sei anni segregato in casa e stuprato dalla madre e dal convivente, che forse intendevano avviarlo alla prostituzione. (altro…)

Papa Francesco vara legge per rimuovere vescovi e religiosi negligenti che hanno protetto pedofili

Pubblicato il 05 Giu 2016 alle 12:01pm

Papa Francesco vara una legge per rimuovere vescovi e superiori religiosi che sono stati negligenti. In particolare, nella lettera apostolica Motu il Pontefice stabilisce con più chiarezza rispetto al passato la procedura che, in base al canone 193 già esistente, può portare alla rimozione dei vescovi che compiono omissioni nel caso di sacerdoti colpevoli di abusi sessuali su minori.

Il Papa precisa che tra le «cause gravi» per la rimozione «è compresa la negligenza dei Vescovi nell’esercizio del loro ufficio, in particolare relativamente ai casi di abusi sessuali compiuti su minori ed adulti vulnerabili».

Roma, pedofilo si spaccia per insegnante di ginnastica e abusa di una bimba

Pubblicato il 04 Mag 2016 alle 1:39pm

E’ stato arrestato dalla polizia un romano di 45 anni accusato di violenza sessuale ai danni di due bambine di 9 e 5 anni e di tentata violenza nei confronti di una 15enne. L’uomo, si sarebbe finto insegnante di ginnastica artistica intento a selezionare partecipanti per uno spettacolo teatrale in occasione di una festa parrocchiale, invitando il padre delle bambine a recarsi in una parrocchia, al fine di allontanarlo dalle figlie e abusare di una bambina, la più grande nel teatro annesso alla struttura.

Gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato Casilino hanno eseguito la misura cautelare in carcere nei confronti di P. L, già accusato in precedenza per gli stessi reati, per i quali aveva scontato una pena a sette anni di reclusione per una condanna definitiva inflitta nel 2008.

Le modalità di approccio sempre le stesse. Sono in corso intanto ulteriori indagini e approfondimenti.

Caivano, arrestato orco e complice della morte della piccola Fortuna: abusata e uccisa dal vicino di casa

Pubblicato il 30 Apr 2016 alle 8:14am

Ci sono voluti due anni per spezzare il muro di omertà e copertura e arrivare a mandare in carcere Raimondo Caputo, 44 anni, compagno della madre di una delle amichette di “Chicca”, violentatore abituale di minori, comprese le figlie avute da questa donna e quella che la sua compagna aveva già. Tutte in tenera età. Titò, questo il soprannome dell’uomo, era già indicato dagli abitanti del rione poche settimane dopo la morte di Fortuna come colpevole dell’omicidio. (altro…)

Sinodo: ostia sì a divorziati risposati

Pubblicato il 26 Ott 2015 alle 7:24am

La decisione di affidare al “discernimento” dei pastori, analizzando caso per caso, all’ammissione ai sacramenti per i divorziati risposati, passa a maggioranza dei due terzi con 1 solo voto di scarto (178 i ‘sì’, rispetto ai 177 richiesti per la maggioranza qualificata).

E’ quanto emerge dai voti sulla Relazione del Sinodo, in cui i ‘no’ sono stati 80.

“I pastori esercitino il discernimento – ha detto il card. Christoph Schoenborn nel briefing in Vaticano – perché le situazioni sono diverse. Papa Francesco, buon gesuita, formato agli Esercizi di Sant’Ignazio, ha imparato da giovane questo discernimento: cercando di capire quale sia la situazione di tale coppia, di tale persona”.

Infatti il Papa durante il sinodo ha dato queste motivazioni: “Senza mai cadere nel pericolo del relativismo oppure di demonizzare gli altri, abbiamo cercato di abbracciare pienamente e coraggiosamente la bontà e la misericordia di Dio che supera i nostri calcoli umani e, pertanto, non desidera altro che tutti gli uomini siano salvati”.

Il sinodo “ci ha fatto capire meglio – ha aggiunto ancora il Papa – che i veri difensori della dottrina non sono quelli che difendono la lettera ma lo spirito, non le idee ma l’uomo, non le formule, ma la gratuità dell’amore di Dio e del suo perdono”.

Tolleranza zero per la pedofilia. La Chiesa parlando delle violenze all’interno della famiglia nella Relazione finale del Sinodo sottolinea la necessità di “una stretta collaborazione con la giustizia”. Ovvero, sui minori in particolare, che “nella Chiesa sia mantenuta la tolleranza zero insieme all’accompagnamento delle famiglie”.

E sulla questione omosessualità sottolinea che “Ogni persona, indipendentemente dalla propria tendenza sessuale”, va “rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione”.

Il Sinodo chiede, infatti, “una specifica attenzione anche all’accompagnamento delle famiglie in cui vivono persone con tendenza omosessuale” e alla politica di non “limitare i diritti delle famiglie”.

La Relazione finale del Sinodo, aggiunge infine che “per questo vanno sviluppati il dialogo e la cooperazione con le strutture sociali, e vanno incoraggiati e sostenuti i laici che si impegnano, come cristiani, in ambito culturale e socio-politico”.

Papa Francesco ai giornalisti, “Papa è servo dei servi di Dio, non una star”

Pubblicato il 29 Set 2015 alle 6:22am

Papa Bergoglio nel suo viaggio apostolico che lo ha portato prima a Cuba e poi negli Usa, ha affrontato diversi argomenti spinosi, prima tra tutti quello della pedofilia. Ma nel suo incontro con la stampa, sul volo di rientro a Roma, ha voluto approfondire alcuni argomenti, tra cui, il divorzio cattolico, l’obiezione di coscienza per i matrimoni gay, il no a muri in Europa, spiegando anche di non aver mai invitato il sindaco di Roma Marino a Philadelphia, e che nessuno lo ha mai fatto.

Così a chi gli faceva notare la sua crescente popolarità, il pontefice ha spiegato, “Il Papa deve essere il servo dei servi di Dio, non una star”, e parlando del sindaco della capitale, presente in prima fila, con fascia tricolore all’Incontro mondiale della famiglie francesco ha chiarito “Non l’ho invitato. Non ho fatto niente e ho chiesto anche agli organizzatori e neppure loro non lo hanno invitato. Si professa cattolico ed è venuto spontaneamente, chiaro eh?”.

Papa Francesco ha poi parlato della sua recente riforma incentrata sulla nullità del matrimonio spiegando ai presenti che non rappresenta un “divorzio cattolico”, pertanto “Chi pensa questo sbaglia. Questo ultimo documento chiude la porta al divorzio che poteva entrare, era più facile, per via amministrativa, ora ci sarà sempre via giudiziale”.

Bisognava “snellire i processi” ha continuato il pontefice, perché alcuni prima “duravano 10, 15 anni. I processi cambiano, la giurisprudenza cambia, si migliora, ma in quel momento era urgente fare questo”.

E rispondendo ad alcune domande sul prossimo Sinodo dei vescovi e sulla famiglia, in programma dal 4 ottobre, Francesco detto che “il matrimonio è indissolubile quando è un sacramento e questo la Chiesa non lo può cambiare”.

Infine, affrontando il tema del sacerdozio femminile, il papa ha concluso dicendo che non è possibile, ma “non perché le donne non abbiano la capacità, ma per il fatto che nella Chiesa sono più importanti degli uomini, perché la Chiesa stessa è donna”.

Napoli: 44enne abusa del figlio 11enne e poi lo vende in rete, arrestato

Pubblicato il 11 Mar 2015 alle 3:42pm

A Napoli, un uomo di 44 anni è stato arrestato perché scoperto in rete a vendere il figlio undicenne di cui abusava da mesi. (altro…)

Scandalo abusi sessuali, Buckingham Palace ribadisce : “Il principe Andrea non è colpevole di abusi sessuali”

Pubblicato il 05 Gen 2015 alle 7:02am

Sul principe Andrea d’Inghilterra, o meglio duca di York pende l’accusa del reato di pedofilia. Il figlio minore della Regina Elisabetta, attraverso il finanziere americano, Jeffrey Epstein, avrebbe avuto per ben tre volte, rapporti sessuali con una minorenne, Virginia Roberts, pagandole 10mila sterline per tali prestazioni sessuali. (altro…)