alopecia

Capelli, l’aroma di sandalo sintetico ne aiuta la ricrescita

Pubblicato il 23 Set 2018 alle 5:43am

I nostri capelli hanno un ‘olfatto’ che permette loro di crescere più rapidamente quando entrano in contatto con l’aroma di sandalo sintetico: i ricercatori hanno scoperto infatti che questa sostanza è in grado di prolungare la prima fase del ciclo di vita del follicolo pilifero. Ma serviranno ulteriori test per capire se si possa davvero contrastare la calvizie.

I capelli hanno recettori olfattivi e, quando percepiscono l’odore di sandalo sintetico, si attivano e crescono. Questo è quanto sostengono i ricercatori della University of Manchester che sulla rivista Nature Communications hanno pubblicato lo studio intitolato “Olfactory receptor OR2AT4 regulates human hair growth”.

Ma come è possibile, tutto ciò?

Esistono diversi recettori olfattivi che sono espressi da diversi tipi di cellule in tutto il corpo umano e che sono in grado di regolare differenti funzioni cellulari oltre che all’olfatto stesso, spiegano i ricercatori che hanno preso in analisi il recettore OR2AT4. Questo infatti, secondo studi precedenti, è in grado di stimolare la proliferazione di cheratinociti nella pelle, in particolare quando messo in contatto con l’aroma sintetico del sandalo. Partendo da questa consapevolezza, gli esperti si sono chiesti quali effetti potesse avere sulla crescita dei capelli.

Considerando che la guarigione della pelle e la crescita dei capelli sono strettamente collegate, gli esperti hanno testato gli effetti benefici dell’applicazione dell’aroma di sandalo sintetico su campioni di cuoio capelluto e hanno rilevato che, nel giro di sei giorni, i follicoli piliferi trattati sopravvivevano più a lungo di quelli non trattati, inoltre hanno notato un incremento del fattore di crescita: l’aroma sintetico dunque di sandalo era effettivamente in grado di prolungare la crescita dei nostri capelli.

Capelli, trovata terapie italiana che permette di avere una ricrescita dell’80%

Pubblicato il 25 Ago 2018 alle 7:27am

La calvizie si può curare: una recente terapia, messa a punto da ricercatori italiani permette di avere la ricrescita dell’80% dei capelli caduti. (altro…)

Capelli che cadono, cause e rimedi

Pubblicato il 29 Mar 2017 alle 8:35am

Il capello attraversa 3 fasi: la fase Anagen o attiva in cui i capelli crescono; la fase Telogen di transizione; e la fase Catagen di caduta, in cui la struttura del capello non è più vitale, si spezza e cade. Ma sotto a quel bulbo è già esistente un nuovo capello che ricomincia a crescere con la sua fase vitale.

Questo ordine di crescita e caduta si verifica ogni volta, tranne che nei mesi di gennaio e luglio, nei quali aumenta la percentuale di capelli che si trovano nella fase Telogen: ecco perché durante questi periodi si nota una maggiore caduta di capelli sul cuscino e nel lavandino.

Nella caduta o nel cambiamento della struttura dei capelli, il loro stato di salute possono influire anche altri fattori: lo stress, uno scarso apporto o assorbimento di nutrienti essenziali (vitamine, ferro, acido folico, sali minerali), dovuti per esempio a diete troppo rigide e sbilanciate, malattie come ipotiroidismo, sindromi da malassorbimento, anemie, celiachia, malattie epatiche, diabete e menopausa. Rivolgersi a uno specialista è sempre la cosa più opportuna da fare.

Con un esame clinico, tricologico ed ematologico vi suggerirà un adeguato programma comprensivo di quadro nutrizionale, integratori alimentari specifici, ma anche semplici regole per la cura e la detersione e altri trattamenti mirati.

Infine, un nuovo trattamento non invasivo, naturale, arriva grazie ad un filler per capelli. A base di acido ialuronico, efficace sia nelle forme di alopecia femminile che maschile. Un’innovativa tecnica di riattivazione e rigenerazione del capello.

Lo specialista esegue delle micropunturine, con aghi molto sottili, con le quali iniettata una sostanza a base di acido ialuronico reticolato e particolari peptidi (molecole) con funzione sinergica in grado di stimolare i fattori di crescita utili al capello. L’acido ialuronico consente il rilascio prolungato dei peptidi biomimetici che intervengono nei processi di ricrescita e anticaduta dei capelli. Inoltre aiuta a riattivare la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto e a rivitalizzare il follicolo pilifero.

I miglioramenti grazie a questo trattamento sono visibili già a distanza di due mesi. Necessarie 4 sedute, una ogni due settimane.

Che cos’è il PRP? Un trattamento con il sangue per ringiovanire pelle e capelli

Pubblicato il 05 Feb 2017 alle 9:12am

Con la sigla PRP si identifica un’innovativa metodica di medicina rigenerativa ed estetica, basata sulle proprietà di “fattori di crescita” presenti nel sangue umano. (altro…)

Come combattere la calvizie? Con il trapianto che utilizza i peli del petto

Pubblicato il 28 Lug 2014 alle 1:40pm

Il trapianto di capelli è la soluzione definitiva, scelta da molti uomini per riavere una folta capigliatura. (altro…)