sovrappeso

Pesare troppo o poco riduce il rischio di vita di 4 anni

Pubblicato il 02 Nov 2018 alle 10:29am

Essere in sovrappeso o obesi o, al contrario, troppo magri, aumenterebbe il rischio di imbattersi in molte malattie mortali, accorciando l’aspettativa di vita di ben quattro anni. A quantificare il gap tra chi ha un indice di massa corporea (Bmi) ‘normale’, in generale tra 21 e 25, e chi invece è al di fuori di questo range, è uno studio coordinato dalla London School of Hygiene e pubblicato da Lancet Diabetes and Endocrinology. (altro…)

Vitamina D e salute ossa, come fare il pieno in estate

Pubblicato il 11 Lug 2018 alle 6:02am

“L’estate è la stagione delle occasioni”, non solo per le opportunità di divertimento che offre, ma anche per lasciarsi baciare dal sole e incassare un prezioso tesoretto: la vitamina D. Ed essere ‘curvy’ aiuta.

Queste le parole di un esperto e l’invito ad approfittare delle vacanze per fare scorta di questo ormone amico della salute delle ossa e del buonumore.

Andrea Giustina, professore ordinario di Endocrinologia al San Raffaele di Milano e presidente Gioseg (Glucocorticoid Induced Osteoporosis Skeletal Endocrinology Group), lo dice subito dopo il 7° Clinical update in endocrinologia e metabolismo (Cuem) che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano.

“L’estate – sottolinea ancora lo specialista – è la stagione ideale, in cui soprattutto nelle nostre attitudini mediterranee c’è un’opportunità in più di maggiore esposizione della nostra pelle alla luce solare”, alleata della produzione di vitamina D.

“L’idea non è quella di un’esposizione intensiva o nelle ore della giornata più calde. Perché – sottolinea Giustina – basta un lasso di tempo molto breve (mezz’ora o un’ora) quando il sole non è particolarmente a picco, conciliando il tutto con i consigli del dermatologo che sconsiglia un’esposizione troppo violenta. Non bisogna infatti esagerare, ma la luce solare è estremamente importante ed è durante questa stagione che si fanno le scorte”.

Inoltre, c’è anche una buona notizia per chi ha qualche chilo di troppo. Le forme morbide si rivelano un vantaggio in più: “Soprattutto le persone in cui c’è un tessuto adiposo ben rappresentato possono fare delle scorte di vitamina D, che è appunto un ormone adiposo, steroideo, e quindi si può legare ai depositi di grasso – spiega Giustina – Per cui se uno ha qualche chilo in eccesso non deve colpevolizzarsi perché, almeno per quello che riguarda la vitamina D, è possibile che i benefici dell’esposizione alla luce solare si prolunghino un po’ di più anche nelle buie giornate invernali”.

Bimbi al nido meno intelligenti di quelli a casa

Pubblicato il 22 Ott 2017 alle 9:07am

Secondo una recente studio, condotto da un team di specialisti del Dipartimento di Scienze economiche dell’Università di Bologna, i bambini fino a 2 anni che restano a casa sono più intelligenti di quelli che invece vanno al nido, anche se hanno più possibilità di diventare obesi.

Lo studio condotto dagli esperti bolognesi si è concentrato su 7.000 bambini di Bologna: alcuni iscritti al nido e altri no. I piccoli volontari sono degli stessi contesti sociali.

Ebbene, i ricercatori hanno somministrato ai primi dei quiz per misurare il loro quoziente intellettivo, valutare la loro massa corporea e personalità, scoprendo che il quoziente intellettivo dei bambini che non andavano al nido era più alto di quello degli altri che invece ci andavano. Ma di contro era maggiore anche il rischio obesità.

Stando a quanto è emerso, i piccoli che andavano al nido erano meno intelligenti degli altri che non ci andavano ma meno esposti al rischio obesità e sovrappeso.

I bimbi che invece, restavano a casa, molto spesso mangiavano in maniera più ‘confusa’, pasti meno bilanciati, che non favorivano obesità e sovrappeso. Soprattutto se restavano a casa con i nonni.

Obesità: in Lombardia 4 adulti su 10 in sovrappeso

Pubblicato il 13 Ott 2017 alle 8:04am

Secondo un’analisi condotta da Coldiretti Lombardia in occasione della Giornata contro l’obesità, basata sugli ultimi dati Istat relativi al 2016, più di 4 adulti su 10 nella regione hanno problemi con la bilancia e, di questi, 837mila sono obesi, centomila in più rispetto al 2015. (altro…)

Frutta secca, fa bene contro sovrappeso e obesità

Pubblicato il 05 Ott 2017 alle 9:18am

Un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati raccolti tra dieta e indice di massa corporea di 373.293 persone, tra i 25 e i 70 anni, reclutate tra il 1992 e il 2000 in 10 Paesi europei nell’ambito dello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition. (altro…)

Oms: “Bambini bombardati dal marketing digitale su cibo spazzatura. Servono leggi”

Pubblicato il 06 Nov 2016 alle 10:51am

Per la prima volta in assoluto l’Organizzazione mondiale della sanità lancia un duro allarme e appello sul bombardamento mediatico di pubblicità su cibo spazzatura, pericolosissimo per la salute dei bambini. (altro…)

Obesity Day, risultati positivi secondo Coldiretti. La metà degli italiani è a dieta

Pubblicato il 10 Ott 2016 alle 11:36am

L’Obesity Day si celebra oggi 10 ottobre, e secondo una recente indagine condotta da Coldiretti/Ixè, quasi la metà degli italiani (49%) quest’anno è a dieta.

Cosa molto positiva, ma c’è ancora tanto da fare. Ancora 6 milioni di persone solo in Italia sono obese, mentre oltre 21 milioni risultano essere in sovrappeso, ovvero il 60% del totale della popolazione.

L’obesità riguarda soprattutto i maschi nelle regioni del Mezzogiorno, con il Molise dove gli “oversize” raggiungono il record del 64,8%, la Campania (61,6%), la Sicilia (60,6%) e la Puglia (59,1%) mentre per le donne, la Basilicata (46,5%), la Puglia (44,1%), la Campania (43,7%), il Molise (43,4 per cento) e la Sicilia (40,8%).

I più in forma – secondo Coldiretti – sono in Trentino-Alto Adige, in Valle d’Aosta, in Piemonte e in Lombardia.

Un dato positivo che registra una tendenza verso il miglioramento degli stili di vita alimentari: nel 2015, registrato un aumento degli acquisti che va dal +5% per il pesce, al +19% per l’olio di oliva ma che cresce anche con la spesa per la frutta (+5%), gli ortaggi freschi (+3%) e la pasta secca (+1%).

Una importante inversione di tendenza che ha fatto registrare un boom nel 2016 con i consumi di frutta e verdura che hanno raggiunto il massimo dell’ultimo quadriennio.

Obesità infantile: 2kg in più per ogni ora passata al pc, a guardare tv o a giocare a videogames

Pubblicato il 26 Nov 2013 alle 10:55am

Secondo uno studio condotto dalla Harvard School of Public Health di Boston e pubblicato dalla rivista Pediatrics tutte le volte che i bambini e i ragazzi si mettono davanti ad uno schermo (tv o videogames) aumenta per loro il rischio di sovrappeso. (altro…)

Obesità: scoperti altri sette nuovi geni che la causano

Pubblicato il 08 Apr 2013 alle 11:08am

Di recente sono stati scoperti ben sette nuovi geni legati all’obesità, e si è riuscito a dimostrare che il meccanismo genetico che causa quella estrema è lo stesso che si trova poi alla base di quella lieve e del sovrappeso. (altro…)

Le patate possono ridurre la pressione non facendo aumentare di peso

Pubblicato il 03 Set 2011 alle 8:00am

Secondo un recente studio, presentato a Denver, nel corso del 242esimo National Meeting & Exposition della American Chemical Society, le patate viola possono aiutare gli obesi a non ingrassare e le persone in sovrappeso ad abbassare la pressione sanguigna. (altro…)