Colgate-Palmolive, abolito il triclosan perché responsabile dell’infiammazione del colon

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 12 Feb 2019 alle ore 2:04pm

Colgate-Palmolive, colosso della cosmetica, ha deciso di abolire il triclosan dai suoi nuovi prodotti. La sostanza, un antibatterico presente in molti prodotti per l’igiene personale e domestica, è da tempo sospettata di essere responsabile dell’infiammazione del colon e della correlata tumorigenesi in modelli animali dopo che la rivista Il Salvagente, da sempre attenta alla salute dei consumatori, ha lanciato una raccolta firme per chiedere alle aziende produttrici di rinunciare al triclosan, molte delle quali alla fine avevano anche accettato. Tra quelle più affezionate c’era però la Colgate, che ha anche continuato a distribuire prodotti al cui interno c’era il dubbio antibatterico.

Oggi, tuttavia, la multinazionale americana sembra aver voluto accogliere le pressanti richieste pervenute da parte dei consumatori, anche se lo ha fatto “facendo scivolare sotto il tappeto i perché della sua scelta”. Stando a quanto riportato sulle pagine del quotidiano online Quartz, il CEO di Colgate-Palmolive, Ian Cook, in una recentissima audio-conferenza con gli azionisti avrebbe spiegato che l’uscita in sordina dalla lista ingredienti del triclosan, sarrebbe avvenuta perché sostituita dallo stannous fluoride, ma che “E’ una mera coincidenza – ha detto Cook -. Siamo indifferenti al triclosan. Oggi abbiamo un prodotto migliore di quello che avevamo. E quello era un ottimo prodotto anche dal punto di vista scientifico. Questo, semplicemente, sembra essere un prodotto migliore ed è qui che ci stiamo muovendo”.

Ma Il Salvagente, nell’approfondimento firmato da Riccardo Quintili, sembra non credere troppo alle coincidenze. Il triclosan era considerato potenzialmente pericoloso da anni. E forse non è un caso che le autorità Statunitensi lo abbaino messo al bando, vietando la vendita di una moltitudine di prodotti. “Tra le ultime ricerche che dimostravano la pericolosità dell’antibatterico – sottolinea Il Salvagente – c’è persino uno studio su modelli animali firmato dai ricercatori dell’Università del Massachusetts Amherst (UMass) guidati da Guodong Zhang. Della ricerca – pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine – è emerso infatti che il triclosan è accusato di alterare il microbiota”.