Riapertura di teatri e cinema, come avverrà

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 25 Mag 2020 alle ore 6:37am


E’ previsto un massimo di duecento spettatori al chiuso, mille all’aperto e mascherine per il pubblico e per gli artisti. Queste le misure previste dal decreto governativo del 17 maggio per la ripresa di cinema e teatri o concerti, che più stanno facendo discutere imprenditori e protagonisti del mondo dello spettacolo.

La riapertura, calendarizzata per il 15 giugno, è legata a posti a sedere preassegnati e distanziati nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale e sia per gli spettatori come spiegato nell’allegato 9, relativo agli spettacoli dal vivo e ai cinema, del Dpcm.

Questi i punti principali:

– Mantenimento del distanziamento interpersonale, anche tra gli artisti.
– Misurazione della temperatura corporea agli spettatori, agli artisti, alle maestranze e a ogni altro lavoratore nel luogo dove si tiene lo spettacolo, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore ai 37,5 gradi
– Utilizzo obbligatorio di mascherine anche per gli spettatori.
– Utilizzo di idonei dispositivi di protezione individuale da parte dei lavoratori che operano in spazi condivisi e/o a contatto con il pubblico.
– Garanzia di adeguata periodica pulizia e igienizzazione degli ambienti chiusi e dei servizi igienici di tutti i luoghi interessati dall’evento, anche tra i diversi spettacoli svolti nella medesima giornata.
– Adeguata aereazione naturale e ricambio d’aria e rispetto delle raccomandazioni concernenti sistemi di ventilazione e di condizionamento.
– Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, i sistemi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento.
– Divieto del consumo di cibo e bevande e della vendita al dettaglio di bevande e generi alimentari in occasione degli eventi e durante lo svolgimento degli spettacoli.
– Utilizzo della segnaletica per far rispettare la distanza fisica di almeno un metro anche presso le biglietterie e gli sportelli informativi, e all’esterno dei luoghi dove si svolgono gli spettacoli.
– Regolamentazione dell’utilizzo dei servizi igienici in maniera tale da prevedere sempre il distanziamento sociale nell’accesso.
– Limitazione dell’utilizzo di pagamenti in contanti, ove possibile.
– Vendita dei biglietti e controllo dell’accesso, ove possibile, con modalità telematiche, anche al fine di evitare aggregazioni presso le biglietterie e gli spazi di accesso alle strutture.
– Comunicazione agli utenti, anche tramite l’utilizzo di video, delle misure di sicurezza e di prevenzione del rischio da seguire nei luoghi dove si svolge lo spettacolo.