durata

L’attività fisica raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità a seconda dell’età

Pubblicato il 26 Set 2020 alle 6:02am

L’inattività fisica è identificata, su scala mondiale, come uno tra i primi fattori di rischio per la mortalità. Infarto, diabete e altre malattie molto severe. Non a caso, è stato conferito il mandato all’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) per la promozione dell’attività fisica. E le linee guida indispensabile per individuare quella più mirata, l’intensità e la durata a seconda dell’età.

Ma vediamo quali sono le attività fisiche raccomandate dall’OMS a seconda dell’età.

Partiamo dal presupposto che i tempi consigliati per praticare esercizio fisico, inteso, variano dai 30 ai 60 minuti giornalieri. Pertanto, mentre per i bambini/ragazzi può essere indicato un lasso di tempo di attività fisica pari a 60 minuti giornalieri, per un adulto in salute l’obiettivo muta in 150 minuti settimanali. Resta inteso che tale monte ore sarà suddiviso in sessioni più brevi distribuite nel corso della settimana.

Per cui, ad esempio, i bambini per raggiungere l’obiettivo di 60 minuti di attività fisica giornaliera, potranno dedicarvisi in due distinti periodi di 30 minuti. Gli adulti potranno raggiungere l’obiettivo di 150 minuti settimanali, praticando 30 minuti di attività fisica cinque volte a settimana.

E’ quindi consigliabile, specie, nelle fasi di iniziale approccio alla pratica fisica, una certa moderazione. Soltanto dopo che si sarà presa una certa dimestichezza e familiarità con certi esercizi fisici.

Sarà possibile infatti, progredire ma sempre in maniera graduale. Fino poi ad arrivare, a seconda dei casi, a livelli più intensi di attività fisica.

Tipi di attività Volendo attribuire una categoria alle diverse tipologie di attività fisica, si possono evidenziare due macro aree. Costituiscono esempi di attività fisica moderata, la camminata veloce, il ballo, ma anche lo svolgimento dei lavori domestici. Mentre correre, pedalare e nuotare velocemente, come anche spostare carichi pesanti, rientrano tra le attività fisiche di carattere più intenso.

Coronavirus, quando sparirà? Studio Usa: durerà ancora 18-24 mesi, finché il 70% delle persone non sarà contagiato

Pubblicato il 02 Mag 2020 alle 6:47am

«Questa cosa non si fermerà finché non infetta il 60-70 percento della popolazione, lo ha detto all’emittente Usa Mike Osterholm, il direttore del CIDRAP e uno degli autori dello studio: «L’idea che finirà presto sfida la microbiologia».

L’epidemiologo della ‘Harvard School of Public Health’ e un altro autore dello studio, Marc Lipsitch, hanno sottolineato che, «sulla base delle più recenti pandemie di influenza, questa (pandemia) durerà probabilmente dai 18 ai 24 mesi». Un periodo, questo, durante il quale «l’immunità di gregge si sviluppa gradualmente nella popolazione».

Un vaccino solo, potrebbe aiutare, sottolinea lo studio, ma «probabilmente non sarà disponibile almeno fino ad una data imprecisata del 2021».

Riposo pomeridiano fa bene, ma non più di 40 minuti al giorno

Pubblicato il 11 Ago 2017 alle 6:15am

Il pisolino pomeridiano fa bene alla salute, parola di esperti, ma a patto che non superi i 40 minuti giornalieri. A dirlo è uno studio condotto dall’American College of Cardiology, riportato da In a Bottle (www.inabottle.it), secondo cui il riposino perfetto dura circa 20 minuti.

I ricercatori, studiando 300mila persone in tutto il mondo, hanno evidenziato che “in chi dorme più di 40 minuti nel pomeriggio c’è un aumento del rischio di colesterolo alto, pressione alta e aumento di massa grassa. In particolare, chi dorme oltre 90 minuti ha il 50% in più di possibilità di contrarre il diabete di tipo 2”.

Dormire poco, invece, “può essere dannoso per la salute e aumentare il rischio di sviluppare la sindrome metabolica”.

La soluzione ideale, per gli esperti, è un riposino che duri meno di 40 minuti al giorno: “Con questa durata non sono emersi rischi, e in alcuni casi è emerso anche un miglioramento delle condizioni generali, specie nelle persone che dormivano meno di mezz’ora”.

Ma quanto dura un iPhone?

Pubblicato il 24 Mar 2014 alle 11:50am

Ebbene solo due anni. A dirlo fu lo stesso Steve Jobs che sostenne che lo smartphone aveva un ciclo di vita di due anni e che per questo rappresentava un ottimo investimento, a causa degli alti margini di guadagno. (altro…)

Altre notizie

Archivio notizie

dicembre: 2020
lun mar mer gio ven sab dom
« Nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031