scuola

Scozia mette al bando le punizioni corporali a scuola e in famiglia per l’educazione dei ragazzi o

Pubblicato il 06 Ott 2019 alle 7:00am

La Scozia mette al bando, per legge, gli scapaccioni dei genitori ai figli e qualunque forma di castigo fisico. Una normativa presentata al Parlamento locale di Edimburgo dal governo guidato dalla first minister Nicola Sturgeon. Si tratta del primo provvedimento in tal senso adottato dal Regno Unito, tradizione mai del tutto estirpata del sistema scolastico britannico come del retaggio familiare.

Finora la legge autorizzava – come continua a fare nel resto del Regno – un uso “ragionevole” della forza in famiglia e nell’educazione e castigo dei figli.

La proposta scozzese di abolire questa pratica piuttosto severa, è stata promossa da un deputato Verde, John Finnie, e ha il sostegno di laburisti e liberaldemocratici, oltre che dello Scottish National Party (Snp) di Sturgeon e di alcune ong per la tutela dell’infanzia. Contrari sono invece i Tory locali, come pure – stando ai sondaggi – una maggioranza popolare di scozzesi.

Scuola, abolito bonus merito

Pubblicato il 22 Set 2019 alle 7:30am

Il Bonus per merito, verrà cancellato. L’emolumento accessorio che premia quegli insegnanti che nel corso dell’anno si sono distinti per la loro professionalità, non lo riceveranno più. A confermarlo il Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti nel corso di un’intervista rilasciata a Radio Capital – per il programma radiofonico “Circo Massimo” – che ha spiegato anche le motivazioni che porteranno il Miur a rivedere, eliminandolo totalmente, quanto stabilito negli scorsi anni per il bonus merito.

Il personale docente si è da subito scagliato contro la misura introdotta dalla Buona Scuola, in quanto di natura talmente discriminatoria da poter avere ricadute negative su coesione e serenità della comunità scolastica (visto che potrebbe far scattare competizioni interne tra gli insegnanti e alimentare gelosie in ambiente scolastico).

Scuola, Alena Seredova non stira le divise dei figli: pioggia di critiche per lei

Pubblicato il 05 Set 2019 alle 6:57am

Alena Seredova ha pubblicato una foto in cui appare insieme ai due figli nel loro primo giorno di scuola dopo le vacanze estive. “È iniziata la scuola e rido solo io” osserva con ironia la bella showgirl, che si è fatta ritrarre tra i due figli che vanno a scuola. Alcuni utenti però, più che sulla esilarante espressione dei bambini, si sono soffermati sulle lor divise scolastiche. (altro…)

Scuola, vaccinazioni obbligatorie c’è tempo sino al 10 luglio

Pubblicato il 08 Lug 2019 alle 7:00am

C’è tempo sino al 10 luglio prossimo per presentare i certificati vaccinali alle scuole in vista della riapertura delle aule a settembre. Termine ultimo, quello del 10 luglio, fissato dalla Legge Lorenzin del 2017, in vigore, per presentare agli istituti la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie per la frequenza scolastica o la formale richiesta di vaccinazione all’Asl competente.

Resta dunque la scadenza prevista dalla legge, poichè per l’anno scolastico 2019-2020 non sono previste proroghe, come invece accaduto lo scorso anno a seguito della circolare dei ministri Grillo-Bussetti. In attesa che venga approvato il nuovo provvedimento sui vaccini, all’esame in Parlamento e che prevedrebbe il cosiddetto ‘obbligo vaccinale flessibilè (la vaccinazione resterebbe obbligatoria solo «in caso di emergenze sanitarie o di compromissione dell’immunità di gruppo»), resta dunque in vigore la legge Lorenzin: prevede l’obbligo della vaccinazione per le iscrizioni all’asilo nido e alla scuola materna e, con modalità diverse, riguarda anche le scuole elementari, scuole medie e i primi due anni delle superiori, fino ai 16 anni.

Di conseguenza i bambini da zero a sei anni non in regola con le vaccinazioni non possono accedere agli asili nido e alle scuole dell’infanzia; bambini e ragazzi nella fascia d’età da 6 a 16 anni potranno entrare a scuola. In entrambi i casi, se i genitori rifiuteranno ripetutamente di far vaccinare i figli dopo colloqui e solleciti da parte delle Asl, incorreranno nelle sanzioni pecuniarie previste dalla legge. Le vaccinazioni obbligatorie previste sono dieci.

Si tratta di anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. Una legge, quella sull’obbligo vaccinale per la frequenza scolastica, che dalla sua prima applicazione ha suscitato non poche polemiche e dibattiti anche televisivi.

Esami di maturità 2019, online la commissione

Pubblicato il 04 Giu 2019 alle 7:40am

Sono disponibili online, da ieri, sul sito www.miur.gov.it le commissioni dell’Esame di Stato del secondo ciclo di istruzione. Un’altra tappa di avvicinamento alla prove di giugno. La prima prova scritta è italiano, è in calendario per mercoledì 19 giugno 2019, a partire dalle ore 08.30. (altro…)

Torna lʼeducazione civica come materia obbligatoria per primaria e secondaria. Camera da’ il via libera all’unaminità

Pubblicato il 03 Mag 2019 alle 12:11pm

La Camera ha dato il via libera ieri alla proposta di legge che reintroduce l’educazione civica come materia obbligatoria nella scuola primaria e secondaria. I voti a favore sono stati 451, nessuno contrario, 3 gli astenuti. La proposta prevede le reintroduzione di 33 ore annuali, il voto in pagella e la valutazione finale. Approvato anche l’emendamento che prevede il superamento di sanzioni disciplinari ed espulsioni per i bambini delle elementari, ovvero superamento dei codici 412 al 414 del Regio Decreto 26 aprile 1928 numero 1297.

Raramente adottate per studenti più giovani, queste punizioni spariscono anche a livello ufficiale per “rafforzare la collaborazione con le famiglie” ed estendere alla scuola elementare il Patto educativo di corresponsabilità, oggi già previsto per le scuole medie e superiori.

Ora il testo dovrà passare al Senato per ricevere l’esame definitivo. (altro…)

Fumo, iniziano dai 10 anni in su

Pubblicato il 08 Apr 2019 alle 6:29am

A partire dai 10 anni, nella fascia d’età tra i 13 e 15 anni, un ragazzo su cinque fuma sigarette tradizionali. Questi i dati allarmanti che emergono dal sistema di sorveglianza Global Youth Tobacco Survey, un’indagine che ha coinvolto 180 Paesi sull’uso del tabacco fra i giovanissimi, promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità. Il dossier registra anche un boom per le sigarette elettroniche utilizzate dal 18% degli intervistati.

L’indagine rivela anche come sia relativamente semplice per i ragazzi acquistare sigarette tradizionali o elettroniche, nonostante viga il divieto di vendita ai minori, e come la scuola non sia ancora percepita, pur essendo il fumo vietato sia all’interno che all’esterno degli istituti, come un luogo dove non si possa fumare. La terza raccolta dati della Sorveglianza Gyts è stata effettuata in Italia nell’anno scolastico 2017-2018. L’indagine ha coinvolto 33 scuole secondarie di primo grado e 33 scuole secondarie di secondo grado, per un totale di quasi 1.700 studenti coinvolti.

In Italia le ragazze sono fumatrici abituali di sigaretta tradizionale nel 24% dei casi contro il 16% dei coetanei maschi, mentre per quanto riguarda le sigarette elettroniche emerge che i ragazzi sono quelli che la usano di più (22% contro 13%). I dati mostrano, inoltre, che in soli 4 anni la diffusione della e-cig è diventata paragonabile a quella della sigaretta tradizionale: i fumatori abituali sono più che raddoppiati (attestandosi ora al 18%) mentre i consumatori occasionali sono aumentati del 60% (ora sono il 44%).

L’idea di smettere quando vogliono è maturata nell’81%, degli intervistati, ma in realtà, solo poco più della meta’ ha tentato realmente di farlo negli ultimi 12 mesi e solo 1 su 2 ha ricevuto un aiuto per riuscirci. Un ragazzo su 2 riferisce poi di essere stato esposto al fumo passivo in casa. A scuola la percentuale di insegnanti che fumano all’interno nella scuola è passata dal 44% del 2010 al 14% del 2018, cosi’ come quella degli studenti che scende da 56% del 2010 al 29% del 2018.

Scuola e vaccinazioni: sanzioni da oggi per chi non possiede certificati originali

Pubblicato il 11 Mar 2019 alle 7:02am

Da oggi, lunedì 11 marzo, scattano sanzioni per coloro che non sono in regola con le vaccinazioni e la con relativa documentazione da esibire. Sia che si tratti di bambini che frequentano il nido che la scuola d’infanzia. (altro…)

Scuola, educazione civica e divieto cellulari, se non in casi particolari di attività didattica

Pubblicato il 25 Gen 2019 alle 12:37pm

Vietare l’uso dei cellulari a scuola, salvo in casi particolari, di attività didattica. (altro…)

Ariccia, tre maestre e una collaboratrice scolastica agli arresti domiciliari

Pubblicato il 08 Gen 2019 alle 10:22am

Un altro asilo degli orrori, è stato scoperto in Italia, questa volta ad Ariccia, ai Castelli Romani, alle porte della Capitale. Dove i carabinieri hanno arrestato tre maestre e una collaboratrice scolastica ritenute responsabili di maltrattamenti su minori, dai cinque ai tre anni, all’interno dell’asilo. (altro…)