Spread the love


Trascorre 50 minuti al telefono cellulare è sufficiente a modificare l’attività delle cellule cerebrali nella zona del cervello.

Ebbene, però, non è ancora chiaro se questa esposizione sia capace di provocare danni. A sostenerlo un gruppo di ricerca del National Institutes of Health, che hanno aggiunto che l’ultimo studio non placherà la paura di un possibile collegamento tra cellulari e cancro al cervello.

Gli studiosi hanno dimostrato un aumento nel metabolismo del glucosio (segnale dell’attività cerebrale) nel cervello nelle persone che sono state analizzate durante lo studio, esponendole ad un cellulare, nella zona più vicina all’antenna.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of the American Medical Association, il cui scopo era quello di esaminare come reagisce il cervello ai campi elettromagnetici provocati dai segnali del telefono wireless.

I ricercatori sono arrivati alla conclusione che il cervello umano è sensibile alla radiazione elettromagnetica dei cellulari. L’uso di essi è aumentato esponenzialmente da quando sono entrati in commercio verso la metà degli anni Ottanta, passando agli attuali 5 miliardi di cellulari in uso in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.