I dati anagrafici di 67 milioni di cittadini italiani (compresi i residenti all’estero) sono stati inseriti dallo Stato in un unico database unico e sicuro. Con il subentro del comune siciliano di San Teodoro – informa online il Viminale – si è completato il percorso per portare tutti i Comuni italiani dentro l’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr).

Da martedì gli italiani residenti nei 7.903 comuni del Paese e quelli all’estero iscritti all’Aire possono verificare e chiedere l’eventuale correzione dei propri dati anagrafici, stampare certificati e fruire dei servizi disponibili online.

I servizi sono accessibili dal portale del sito ministeriale www.anagrafenazionale.interno.it, oppure disponibile anche all’indirizzo www.anagrafenazionale.gov.it.

Dal 15 novembre 2021 infatti, sul portale dell’Anagrafe nazionale è possibile scaricare 14 tipologie diverse di certificati digitali, da quello dell’atto di nascita fino ad arrivare a quello di matrimonio, in maniera autonoma e gratuita accedendo con la propria identità digitale: il Sistema pubblico di identità digitale, la Carta di identità elettronica e la Carta nazionale dei servizi. Se la richiesta è per un familiare verrà mostrato poi, anche l’elenco dei componenti della propria famiglia anagrafica per cui è possibile richiedere un certificato.

Nei prossimi mesi saranno aggiunti ulteriori servizi per il cittadino, come le procedure online per effettuare il cambio di residenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.