Claudio Baglioni

Sanremo 2019, bis per Claudio Baglioni sarà di nuovo direttore artistico. La conferma ufficiale

Pubblicato il 14 Giu 2018 alle 12:23pm

Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico del 69esimo Festival di Sanremo. “Sono molto contento del positivo esito della trattativa sulla direzione artistica del prossimo Festival della Canzone italiana a Sanremo – annuncia il dg Rai Mario Orfeo – È un grande onore oltre che motivo di orgoglio per tutta la Rai essere riusciti a convincere un grande musicista e compositore come Baglioni a concedere il bis seguendo un percorso di condivisione e di costruzione del progetto artistico”.

“Da febbraio a oggi – aggiunge Orfeo – c’è stato un vero e proprio corteggiamento e non poteva essere altrimenti considerato il successo di critica e di pubblico e i record ottenuti nella sua prima volta da direttore del Festival. A Baglioni un grande in bocca al lupo per l’edizione numero 69 e per questa seconda avventura insieme con la Rai, con lo stesso entusiasmo che ha caratterizzato quella straordinaria di quattro mesi fa”.

Pino E’, in 45mila allo Stadio San Paolo. Cast d’eccezione. Da oggi la nuova raccolta “Le corde dell’anima | Studio & Live”

Pubblicato il 08 Giu 2018 alle 1:43am

Grandi emozioni allo Stadio San Paolo di Napoli per il concerto evento, trasmesso in diretta da Rai1 in prima serata, per ricordare il grande bluesman scomparso, a tre anni di distanza dalla sua morte.

Oltre 45mila spettatori accorsi da tutta Italia, per questo grande tributo, organizzato da F&P Group e Trident, che hanno unito le loro forze sotto la direzione artistica di Giampiero Solari.

I proventi di PINO E’ saranno devoluti ai progetti benefici della Pino Daniele Trust Onlus, gemellata all’Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma – OPEN Onlus e della Pino Daniele Forever Onlus gemellata con Save the Children. Attivo sino al 10 giugno il n. solidale 45585.

Oltre alla diretta su Rai 1, hanno trasmesso l’evento anche RTL 102.5, RADIO ITALIA, RADIO KISS KISS, RADIO2, RDS, RADIO DEEJAY, RADIO CAPITAL, RADIO MONTE CARLO e RADIO ZETA, i più importanti network radiofonici nazionali.

Sono intervenuti ALESSANDRA AMOROSO, BIAGIO ANTONACCI, ENZO AVITABILE, CLAUDIO BAGLIONI, MARIO BIONDI, FRANCESCO DE GREGORI, TULLIO DE PISCOPO, ELISA, EMMA, TONY ESPOSITO, GIORGIA, J-AX, LORENZO JOVANOTTI, FIORELLA MANNOIA, GIANNA NANNINI, EROS RAMAZZOTTI, TIROMANCINO, GIULIANO SANGIORGI, JAMES SENESE, ANTONELLO VENDITTI, Gigi DE RIENZO, Rosario JERMANO, Agostino MARANGOLO, ERNESTO VITOLO, CLEMENTINO, Teresa DE SIO, Enzo GRAGNANIELLO, Irene GRANDI, Il VOLO, NCCP – Nuova Compagnia Di Canto Popolare, RAIZ, Massimo RANIERI, Francesco RENGA, Paola TURCI, Ornella VANONI, le band storiche di Pino Daniele.

E ancora, ALESSANDRO SIANI, GIORGIO PANARIELLO, PIERFRANCESCO FAVINO, ENRICO BRIGNANO, EDOARDO LEO, VINCENZO SALEMME, VANESSA INCONTRADA, MARCO GIALLINI, MARCO D’AMORE, RENZO ARBORE, MARIANGELA D’ABBRACCIO, ENZO DECARO con le loro testimonianze.

Gli artisti che hanno partecipato all’evento hanno cantato tutti le canzoni di Pino Daniele. A volte anche in duetto.

Il concerto è iniziato alle ore 20.30 ed è terminato alle ore 01.30 I fans assediati da giorni fuori al San Paolo, nella speranza di riuscire a vedere da vicino molti degli artisti che hanno preso parte allo show.

Attualmente è in radio, e disponibile in digitale e su tutte le piattaforme streaming, ‘RESTA QUEL CHE RESTA’, inedito, scritto e inciso da Daniele oltre 9 anni fa, ritrovato a distanza di tre e mezzo dalla scomparsa del cantautore napoletano. Il video, diretto da Sebastiano Bontempi, è visibile al link: https://youtu.be/p09uYY8ol6E .

L’8 Giugno esce poi, “LE CORDE DELL’ANIMA | Studio & Live” (Sony Music/Legacy Recording) la nuova raccolta dedicata a PINO DANIELE (disponibile al link https://www.amazon.it/Corde-DellAnima-Studio-Live-CD/dp/B07CWXXFNR), contenente 4 cd e 40 pagine di musica, racconti scritti da John Vignola e fotografie di Luciano Viti.

Ecco la scaletta delle esibizioni di PINO E'(in aggiornamento)

Pino Daniele (video): “Yes I know my way” (con freestyle di Jovanotti) Jovanotti: “Putesse essere allero” Biagio Antonacci: “Che Dio ti benedica” Biagio Antonacci con Alessandra Amoroso: “Che male c’è” Giuliano Sangiorgi con Emma e James Senese: “Quanno chiove” Giorgia: “Questo immenso” Francesco De Gregori: “Generale” (con interventi in napoletano di Enzo Avitabile) Eros Ramazzotti: “‘O scarrafone” Eros Ramazzotti: “A testa in giù” Eros Ramazzotti con Jovanotti e James Senese: “A me me piace ‘o blues” Claudio Baglioni: “Alleria” Claudio Baglioni: “Io dal mare” (con la chitarra di Pino Daniele) Elisa e Fiorella Mannoia: “Quando”

Antonello Venditti: “Notte prima degli esami” Elisa e Gianna Nannini: “Je so’ pazzo” Gianna Nannini: “Anna verrà” Fiorella Mannoia; “Sulo pe’ parlà” Fiorella Mannoia: “Senza ‘e te” Clementino: “‘Na tazzulella ‘e cafè” Il Volo: “O’ sole mio (It’s now or never)” / “Je sto vicino a te” / “I say I’ sto ccà”” (duetti con Pino Daniele in video) Francesco De Gregori: “Anema e core” (con la moglie Alessandra Gobbi) Giuliano Sangiorgi: “Mal di te” (con Marco D’Amore di “Gomorra”)

Ornella Vanoni con Federico Zampaglione: “Anima” Massimo Ranieri: “Cammina cammina” Massimo Ranieri con Giuliano Sangiorgi: “Un posto ci sarà” Fiorella Mannoia con Giuliano Sangiorgi: “Terra mia” Emma: “Io per lei (duetto con Pino Daniele in video) Emma con Francesco Renga e James Senese: “Musica musica” Alessandra Amoroso: “Dubbi non ho” Irene Grandi: “Se mi vuoi” (duetto con Pino Daniele in video) Mario Biondi con Il Volo e James Senese: “Notte che se ne va” Giuliano Sangiorgi e Federico Zampaglione: “Nun me scuccià” James Senese e Enzo Avitabile: “Tutta n’ata storia” Teresa De Sio e Paola Turci: “Lazzari felici”

J-Ax: “Anni amari” (duetto con la voce di Pino Daniele) Nuova Compagnia di Canto Popolare con Tony Cercola e Raiz: “Donna Cuncetta” Biagio Antonacci: “One day” (duetto con la voce di Pino Daniele) Finale: “Napule è” voce di Pino Daniele, sax di James Senese e Biagio Antonacci.

Wind Music Awards: i premi più attesi della musica italiana il 4 e 5 giugno all’Arena di Verona, in onda il 5 e il 12 giugno in prima serata su Rai1!

Pubblicato il 01 Giu 2018 alle 4:28pm

È tempo di WIND MUSIC AWARDS! Gli attesissimi premi della musica italiana tornano il 4 e il 5 giugno all’Arena di Verona per due serate in compagnia delle grandi stelle del panorama musicale italiano che, come di consueto, verranno premiate per i loro recenti successi discografici (certificati da FIMI/Gfk) e live. A condurre le serate, che andranno in onda in prima serata su Rai 1 il 5 e il 12 giugno, sarà la coppia formata da CARLO CONTI e VANESSA INCONTRADA.

Ecco i nomi degli artisti che si alterneranno sul palco nel corso delle due serate: BIAGIO ANTONACCI – BABY K – CLAUDIO BAGLIONI – BENJI & FEDE – CAPO PLAZA – COEZ – CRISTINA D’AVENA ft. NOEMI – DARK POLO GANG – ELISA – EMMA – ERMAL META – ERNIA – FABRI FIBRA – FEDERICA ft. LA RUA – FRANCESCO GABBANI – GUE PEQUENO – GHALI – GIORGIA – IL VOLO – IZI – J-AX e FEDEZ – JAKE LA FURIA – LEVANTE – MADMAN – MANESKIN – FABRIZIO MORO – FIORELLA MANNOIA – MOSTRO – GIANNA NANNINI – NEGRAMARO – NEK – NITRO – NOYZ NARCOS – LAURA PAUSINI – MAX PEZZALI – FRANCESCO RENGA – RIKI – RKOMI – SFERA EBBASTA – SHADE – LO STATO SOCIALE – TAKAGI e KETRA ft. GIUSY FERRERI – TEDUA – THEGIORNALISTI – ULTIMO – ANTONELLO VENDITTI – ZUCCHERO…e non solo.

Ospiti internazionali: MIHAIL, RITA ORA e ALVARO SOLER.

Ma non finisce qui…il 23 giugno ci sarà un terzo appuntamento in prima serata su Rai 1 con “WIND MUSIC AWARDS SUMMER 2018”, che raccoglierà i momenti più emozionanti delle prime due serate, attraverso un vero e proprio racconto di quello che è successo dietro le quinte dell’Arena di Verona attraverso interviste, dichiarazioni, battute, emozioni degli artisti un attimo prima di salire sul palco e immagini inedite oltre a tanti premiati, italiani e internazionali, inediti. Conducono Federico Russo e Marica Pellegrinelli.

I Wind Music Awards premiano le stelle del panorama musicale italiano che hanno raggiunto (nel periodo maggio 2017/maggio 2018) con i loro album i traguardi “oro” (oltre le 25.000 copie), “platino” (oltre le 50.000 copie), e “multi platino” (in particolare “doppio platino” oltre le 100.000 copie, “triplo platino” oltre le 150.000, “quadruplo platino” oltre le 200.000, “5 volte platino” oltre le 250.000 e “diamante” oltre le 500.000 copie) e con i loro singoli la certificazione “platino” (certificazioni FIMI/GfK Retail and Technology Italia).

Il “PREMIO LIVE”, basato su certificazioni SIAE, in collaborazione con ASSOMUSICA verrà consegnato a tutti gli artisti che si sono contraddistinti per i risultati rilevanti ottenuti in termini di numero di spettatori presenti ai loro concerti (nel periodo maggio 2017/maggio 2018). Tra i “Premi live” un riconoscimento sarà riservato anche agli spettacoli non musicali (sezione Cinema Italiano e sezione Teatro) che nel periodo di riferimento hanno ottenuto il maggior numero di spettatori.

Le categorie del Premio Live sono: ORO oltre i 40.000 spettatori, PLATINO oltre i 100.000, MULTI PLATINO oltre i 200.000.

I biglietti per assistere alle due serate della dodicesima edizione dei WIND MUSIC AWARDS sono disponibili in prevendita su www.ticketone.it e nei punti vendita e prevendite abituali (per info: www.fepgroup.it).

Un evento imperdibile, realizzato da Wind, con la collaborazione delle Associazioni del Settore Discografico FIMI, AFI, e PMI e con la collaborazione di SIAE e ASSOMUSICA, prodotto da F&P Group.

Wind è uno dei brand di Wind Tre, azienda guidata da Jeffrey Hedberg, ai vertici del mercato mobile in Italia e tra i principali operatori alternativi nel fisso.

RTL 102.5 è media partner dei WIND MUSIC AWARDS e trasmetterà in radio le due serate, in contemporanea con le messe in onda del 5 e del 12 giugno.

Le due serate saranno trasmesse in simulcast anche su RADIO 2 con la conduzione di Carolina Di Domenico e Melissa Greta Marchetto.

Claudio Baglioni ai Wind Music Awards la prima serata in onda su Rai1

Pubblicato il 28 Mag 2018 alle 7:13pm

Dopo il successo alla conduzione del Festival di Sanremo, Claudio Baglioni torna per la prima volta in tv durante il primo dei due appuntamenti dei Wind Music Awards, i premi della musica italiana, in programma il 4 e 5 giugno all’Arena di Verona e in onda in prima serata su RaiUno con la conduzione di Carlo Conti e Vanessa Incontrada.

All’Arena, Baglioni sarà anche protagonista del live in cui, per la prima volta, l’anfiteatro veronese ospiterà un concerto con il palco al centro e tutti i posti numerati (il 14, 15 e 16 settembre prossimi).

I tre concerti del cantautore italiano segnano il ritorno dal vivo anticipando il nuovo live “Al Centro tour” nelle principali arene indoor, con il palco al centro e il pubblico disposto a 360 gradi.

Il tour Al Centro di Claudio Baglioni farà il suo debutto doppio il 16 e 17 ottobre al Nelson Mandela Forum di Firenze.

Il 27 Maggio Baglioni ha tenuto un concerto Montréal come ospite d’onore per la Festa della Repubblica organizzata dal Consolato Generale d’Italia.

Il 7 Giugno Baglioni sarà infine nel grande cast di ospiti che si esibiranno in occasione del mega concerto in onore di Pino Daniele ‘ PiNO E’, in diretta dallo Stadio San Paolo di Napoli su Rai1 in prima serata.

Festival di Sanremo 2019, Mario Orfeo: “Con Baglioni è quasi fatta, deciderà lui la squadra”

Pubblicato il 06 Mag 2018 alle 12:10pm

“Baglioni condurrà Sanremo anche nel 2019? É quasi fatta. Ho motivo di pensare che sia più di un augurio”. Lo ha detto Mario Orfeo, direttore generale della Rai in occasione del Festival della Tv di Dogliani.

“Nel cda Rai di domani – ha spiegato Orfeo al termine dell’incontro – dirò che c’è la disponibilità di Baglioni. Sulla squadra deciderà lui come direttore artistico. Una cosa alla volta”.

Quanto a un possibile ritorno di Fiorello in televisione, Orfeo ha precisato: “E’ stato lui a dire che torna su Rai1 a novembre”.

Claudio Baglioni, le nuove di dichiarazioni sul disco di inediti in uscita, Sanremo bis e il tour

Pubblicato il 27 Apr 2018 alle 12:40pm

Quando la scorsa estate la Rai contattò Claudio Baglioni per chiedergli se fosse interessato a condurre il Festival di Sanremo, lui rispose: «certo che non avete nessuno…». A rivelarlo è proprio il cantautore romano, conduttore del Festival più seguito e apprezzato degli ultimi anni. «Nessuno si auspicava un successo così», rivela il cantautore italiano al Corriere della Sera prima di paragonare Sanremo a un lusso «che ci si può concedere una volta nella vita, magari con un senso di ambizione scandaloso». (altro…)

Claudio Baglioni, a grande richiesta dopo il sold out del 14 e 15 settembre si aggiunge una terza data all’Arena di Verona

Pubblicato il 16 Apr 2018 alle 11:20am

A 5 mesi dal RIVOLUZIONARIO EVENTO LIVE in cui, per la prima volta, l’ARENA DI VERONA ospiterà un concerto con il PALCO AL CENTRO e TUTTI I POSTI dell’intero anfiteatro NUMERATI, le due date annunciate – 14 e 15 settembre – sono già SOLD OUT. (altro…)

Claudio Baglioni, sopralluogo all’Arena di Verona in vista dei due live evento del 14/15 settembre con il palco ‘Al centro’

Pubblicato il 22 Mar 2018 alle 8:14pm

Claudio Baglioni si è recato all’Arena di Verona per un primo sopralluogo in vista dei due prossimi appuntamenti live (concerti – evento) che terrà il 14 e il 15 settembre 2018, in occasione dei suoi primi 50 anni di carriera, per una grande festa con i fans, prima dell’inizio del tour Al Centro, nelle principali città italiane e arene indoor.

Uno spettacolo quello di Baglioni a 360° gradi, come già avvenuto in passato, ma che questa volta il cantautore romano porterà anche all’Arena di Verona, cosa mai successa prima per nessun altro artista.

Un evento dunque rivoluzionario nel suo genere, che avrà anche posti numerati.

Gli ultimi biglietti per la data del concerto evento del 14 settembre sono disponibili sul sito Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati. La data del 15 settembre è già sold aut da diversi mesi. I biglietti sono andati letteralmente a ruba e per questo motivo è stata aggiunta una seconda data.

Procedono alla grande anche le vendite del tour Al Centro nei palasport, con date doppie e triplicate in diverse città.

Claudio Baglioni: da oggi disponibile “Al Centro”, una straordinaria raccolta di 50 brani indimenticabili racchiusi in 4 CD!

Pubblicato il 23 Feb 2018 alle 4:05pm

Oggi, venerdì 23 febbraio, esce “AL CENTRO”, il cofanetto di 4 CD di CLAUDIO BAGLIONI (Sony Music Legacy): 50 successi immortali rimasterizzati direttamente dai nastri di studio originali, arricchiti da un booklet fotografico che ripercorre i 50 anni di carriera di uno dei più grandi e amati autori/interpreti della musica popolare italiana.

Da “Questo piccolo grande amore” a “E tu…”, passando per “Sabato pomeriggio”, “E tu come stai?”, “Strada facendo”, “Avrai”, “La vita è adesso”, “Mille giorni di te e di me”, “Io sono qui”, “Cuore di aliante”, “Mai più come te”, “Tienimi con te” e “Con voi”, senza dimenticare “Signora Lia” (il primo 45 giri) e “Una storia vera”: un’irripetibile costellazione di emozioni, tutte le più luminose stelle di parole e note lanciate nel cielo della grande musica.

Venerdì 14 e sabato 15 settembre (SOLD OUT) l’ARENA DI VERONA ospiterà, per la prima, volta un concerto con il PALCO AL CENTRO e TUTTI I POSTI DELL’INTERO ANFITEATRO NUMERATI: un doppio, rivoluzionario, evento di un artista che non smette mai di affascinare e sorprendere con le sue spettacolari “prime volte”.

Per ben due sere, dunque, uno degli spazi d’arte e per l’arte più belli del mondo, si stringerà intorno a Baglioni, al suo super-gruppo e a una grande orchestra, per una epocale prima volta musicale, artistica e scenografica.

I rivoluzionari concerti all’ARENA DI VERONA segneranno il grande ritorno sulle scene live di CLAUDIO BAGLIONI, prima di essere impegnato con i concerti di AL CENTRO TOUR nelle più importanti ARENE INDOOR d’Italia, dove – grazie al palco AL CENTRO – il pubblico, disposto a 360 gradi, avrà la possibilità di rivivere mezzo secolo di successi indimenticabili.

Queste le date del tour AL CENTRO (prodotto e organizzato da F&P Group):

16 e 17 ottobre al Nelson Mandela Forum di FIRENZE

19 e 20 ottobre al Pala Lottomatica di ROMA

23 e 24 ottobre al Pala Prometeo di ANCONA

26 e 27 ottobre al Mediolanum Forum di MILANO

2 e 3 novembre al Pal’Art Hotel di ACIREALE (CT)

6 e 7 novembre al Pala Florio di BARI

10 e 11 novembre al Pala Sele di EBOLI (SA)

13 e 14 novembre all’Unipol Arena di BOLOGNA

16 e 17 novembre alla Kioene Arena di PADOVA

20 e 21 novembre al Pala George di MONTICHIARI (BS)

23 e 24 novembre al Pala Alpitour di TORINO

Biglietti disponibili in prevendita su TicketOne.it e nei punti vendita e nelle prevendite abituali (info su www.fepgroup.it).

Claudio Baglioni: “Sanremo è stata una pazzia”, ma non esclude un bis

Pubblicato il 21 Feb 2018 alle 11:48am

Calato il sipario sul festival di Sanremo, Claudio Baglioni, direttore artistico e co- conduttore del festival della canzone italiana 2018, con Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, scrive sulla sua pagina Facebook “Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile e per questo la fecero”, citando il filosofo Bertrand Russell sintetizzando la sua ‘avventura’ sanremese, in un lungo post pubblicato ieri, tutto dedicato al suo primo festival, nel giorno in cui è stata annunciata una nuova data all’Arena di Verona, del tour ‘Al Centro’ che celebrerà i suoi primi 50 anni di carriera (data del 15 settembre è già sold out e si aggiunge anche quella del 14 settembre), da oggi al via le prevendite per gli iscritti al fan club.

Un post in cui, sul finale, Baglioni accenna anche alla possibilità di ritorno alla guida del festival: “Mentre andavo via, mi chiedevo: chissà se ci torneremo? Mi allontanavo da Sanremo, dal suo mare, dai suoi carruggi, dal suo milione di scale, dal suo presepe di case colorate, dalle sue voci e pensavo che è vero: anche dalle esperienze più belle, prima o poi – purtroppo – si deve uscire, ma le avventure più belle sono quelle che non escono mai da noi. Se pure non si dovesse tornare, dunque, sarà solo per un motivo: noi non siamo mai andati via. Non sapevamo che l‘impresa fosse impossibile e allora l’abbiamo fatta. Insieme. E l’abbiamo fatta davvero grossa! Una gran bella cosa. Che non si dimentica”.

Poi usando la frase di Bertrand Russell sottolinea: “Rubo questa frase a un grande pensatore del Novecento perché, in qualche modo, è andata davvero così. Parlo del Festival. E, con innocenti, intendo, naturalmente, ingenui. Perché questo è ciò che siamo stati: ingenui. Così tanto da non renderci conto a cosa andavamo incontro e, dunque, da andarci. Perfino adesso penso sia stata una pazzia. Provare a riportare la musica e le parole al centro. Musica e parole come meta e luogo dell’appuntamento. E una pazzia è stata. Pazzesco assecondarla, pazzesco quanto è successo lì e ancora più pazzesco quanto è successo tutt’intorno a noi”.

“Ancora oggi – prosegue il direttore artistico e cantautore romano – sogno le riunioni con gli autori e le prove con i conduttori, i musicisti e gli ospiti. E ancora oggi avverto un brivido corrermi lungo la schiena, l’istante prima di andare in scena, al pensiero di non aver messo bene a fuoco questo o quel momento o di non aver avuto il tempo di provare quanto avremmo dovuto quel pezzo o quel duetto. Ormai non c’è più tempo, però: la regìa sta chiamando il tempo. Pochi secondi e parte la diretta. Ma quando mi trovo nel mezzo del palco e tutto sta per cominciare, mi sveglio, apro gli occhi, in un silenzio immobile e irreale, e il respiro sonnacchioso della città dietro ai vetri, mi ricorda non solo che è tutto finito, ma che è andata: al di là di ogni aspettativa. Missione compiuta. Volevamo sorprendere Sanremo portando l’immaginazione al Festival, ma il Festival ha sorpreso noi, regalandoci un’esperienza al di là di ogni immaginazione. E, così, mentre l’ansia a poco a poco si allontana, si avvicinano visi, sguardi, gesti e parole di tutti gli ingenui che, insieme a me, hanno reso l’impossibile possibile. Va a loro il mio primo grazie. A chi mi ha seguito in tante scelte difficili e progettazioni complesse, da vicino e a chi lo ha fatto da un po’ più lontano. Tutti, però, con la stessa passione. Grazie alla loro fantasia, alla loro energia, alle loro idee, alle loro parole; soprattutto a quelle che mi hanno costretto a lottare per migliorare le mie e migliorare me. Una formidabile squadra. Un equipaggio fantastico, unito e intrepido, che ha saputo tenere la rotta con qualunque mare e qualunque tempo. E se, rientrando in porto, le sirene hanno suonato e le altre navi hanno issato il gran pavese, è merito di tutti loro”.

“Il secondo grazie – continua Baglioni – è per i protagonisti di questo irripetibile film: giovani, big, ospiti di qui e di fuori. In una parola: gli artisti, coloro senza i quali l’arte semplicemente non esisterebbe e la nostra vita – che lo ammettiamo o no – sarebbe un po’ più pesante e affannosa e di certo un po’ meno ricca di pensieri, emozioni, sorrisi e leggerezza. Le canzoni saranno pure un’espressione breve, è vero, ma sono, pur tuttavia un’arte. Un’arte semplice, povera, fragile, piccola che entra, però, dentro di noi, ci prende, ci stordisce, ci travolge, ci commuove, ci emoziona, ci innamora e ci resta addosso per sempre. Nient’altro riesce a cambiare il mondo fuori e dentro di noi in pochi secondi. Una bella canzone lo fa. Invisibile agli occhi, come tutte le cose essenziali. Non al cuore, però, al quale regala battiti nuovi e un nuovo paio di ali, per volare a tempo con mille altre vite e mille altre storie”.

E conclude: “L’ultimo grazie – il grazie più grande – va a tutte le persone che si chiamano pubblico. Un numero – sottolinea – enorme, impensabile, straordinario. A tutti voi, perché, se è vero che senza gli artisti l’arte non esisterebbe, è ancora più vero che, senza di voi, l’arte non avrebbe alcun senso; così come non avrebbero alcun senso un panorama, un tramonto o una stellata di quelle che lasciano senza fiato, se non ci fossero almeno degli occhi da stupire, una bocca che l’incredibile ci fa lasciare aperta o un petto che comincia a palpitare. Grazie a tutti voi, milioni di individui e di universi, che vi siete ritrovati a condividere tutto questo. A vivere, per qualche giorno, al centro della musica. A rimetterla al centro dei prossimi sguardi, dei pensieri futuri. Dei viaggi a venire”.