Cristiano De Andrè

PFM Premiata Forneria Marconi – Cristiano De André cantano FABRIZIO: il 29 luglio all’Arena di Verona per la prima volta insieme in un concerto unico

Pubblicato il 18 Giu 2019 alle 1:40pm

Il prossimo 29 luglio nella straordinaria cornice dell’Arena di Verona la prog band italiana più famosa al mondo, PFM – Premiata Forneria Marconi, e il polistrumentista e cantautore Cristiano De André si alterneranno sul palco con le loro rispettive performance e condivideranno la lunga terza parte finale di un concerto imperdibile dedicato a Fabrizio de André: “PFM Premiata Forneria Marconi – Cristiano De André cantano FABRIZIO”!

PFM – Premiata Forneria Marconi salì sul palco insieme a Fabrizio de André nel 1978; Cristiano De André nel 1996 per il tour di “Anime Salve”. Entrambi più volte hanno riarrangiato la poesia di Faber, dandole nuova veste musicale e sottolineando come i suoi versi continuino ad essere attuali.

Le storie d’amore, degli ultimi, dei soldati e dei carcerati cantate da Fabrizio De André saranno interpretate, da una parte, da PFM Premiata Forneria Marconi, con gli arrangiamenti del fortunato tour “Fabrizio De André e PFM in concerto” e le complesse armonizzazioni tipiche del gruppo e, dall’altra, da Cristiano De André, con la sua dinamica inaspettata dal tocco rock. Sopra a tutto questo, le parole cariche di poesia di Faber.

Il concerto è prodotto da D&D Concerti e da BMU, in collaborazione con DuemilaGrandiEventi, VentiDieci e Verona Eventi, con il patrocinio morale della Fondazione Fabrizio De André.

PFM Premiata Forneria Marconi e Cristiano de Andrè in concerto il 29 luglio cantano Fabrizio all’Arena di Verona

Pubblicato il 31 Mar 2019 alle 7:17am

Il 29 luglio nella straordinaria cornice dell’Arena di Verona la prog band italiana più famosa al mondo, PFM – Premiata Forneria Marconi, e il polistrumentista e cantautore italiano CRISTIANO DE ANDRÈ si alterneranno sul palco con le loro rispettive performance e condivideranno il gran finale di un concerto imperdibile dedicato a Fabrizio de André: “PFM Premiata Forneria Marconi – CRISTIANO DE ANDRÉ cantano FABRIZIO”!

Il concerto, prodotto da D&D Concerti e da BMU, nasce da una collaborazione con Duemila Grandi Eventi, EventiDieci e Verona Eventi, con il patrocinio morale della Fondazione Fabrizio De André.

PFM – Premiata Forneria Marconi è attualmente protagonista sui palchi di tutta Italia con “PFM canta De André – Anniversary” che ha fatto registrare 45 sold out in prevendita e, visto l’enorme successo, saranno previste diverse repliche in autunno. Questo tour arriva a 40 anni dai live “Fabrizio De André e PFM in concerto” per celebrare il fortunato sodalizio con il cantautore genovese e riproporre una serie di concerti dedicati a quell’evento. “PFM canta De André – Anniversary” segue l’intenso tour mondiale (che ha riscosso un travolgente successo dal Giappone alle Americhe passando per il Regno Unito), la premiazione ai Prog Music Awards UK 2018 come “Band internazionale dell’anno” e la partecipazione alla “CRUISE TO THE EDGE” come unico artista italiano in questa e nelle passate edizioni.

CRISTIANO DE ANDRÉ è attualmente in tour nei teatri d’Italia con “Storia di un impiegato”, storico disco di Faber arrangiato come una vera e propria opera rock, affiancato da altri celebri brani di repertorio come “Fiume Sand Creek” e “Don Raffaè”, che hanno affrontato il tema della lotta per i diritti, e altre perle, contenute nei progetti discografici di grande successo “De André canta De André – Vol. 1” (2009), “De André canta De André – Vol. 2” (2010) e “De André canta De André – Vol. 3” (2017). La regia dello spettacolo, curata da Roberta Lena, è piena di soprese, dai visual, alle luci. Dopo i numerosi sold out, continuano ad aggiungersi nuove date e, a grande richiesta, il tour proseguirà anche in estate.

Cristiano De Andrè: venerdì 30 novembre parte da Novara il tour “Storia di un impiegato”

Pubblicato il 26 Nov 2018 alle 10:57am

Parte il prossimo 30 novembre l’atteso tour di Cristiano De AndréStoria Di Un Impiegato”, ispirato al celebre concept album del padre Fabrizio, che torna così a smuovere le coscienze a 50 anni di distanza dalle rivolte sociali del 1968. Una serie di concerti che impegneranno il cantautore in tutta Italia per diversi mesi, a partire dal 30 novembre, strutturati come una vera e propria opera rock grazie ai dei nuovi e straordinari arrangiamenti.

Queste le date del tour prodotto e organizzato da Intersuoni Srl, divisione Booking & Management Unit, le cui prevendite dei biglietti sono disponibili su Ticketone e sui circuiti di vendita abituali: il 30 novembre al Phenomenon di Fontaneto d’Agogna (Novara), il 2 dicembre al Palamazzalovo di Montebelluna (Treviso), il 6 dicembre al Teatro Civico di La Spezia, il 15 gennaio al Teatro Carlo Felice di Genova, il 2 febbraio all’Obihall di Firenze, il 7 febbraio al Teatro Regio di Parma, l’11 febbraio alla Cavea Santa Cecilia di Roma, il 4 marzo all’Alcatraz di Milano e l’11 marzo al Teatro Colosseo di Torino.

Cristiano De André sul palco sarà accompagnato da Osvaldo Di Dio, Davide Pezzin, Davide Devito e Riccardo Di Paola.

Cristiano De André è l’unico vero erede del patrimonio musicale del grande Fabrizio. Ha riletto il disco del 1973 sempre più attuale, un concept album ‘sugli anni di piombo e sulla speranza di costruire un mondo migliore’. “Storia di un impiegato” racconta infatti il gesto di un impiegato degli anni ’70, animato dal ricordo della rivolta collettiva del Maggio francese del 1968. ‘Il Sessantotto non fu tanto una rivoluzione politica, quanto sociale e culturale: anni di “lotta dura, senza paura”, come recitava uno dei tanti slogan, ma anche uno spartiacque tra passato e futuro’.

L’artista ha ardentemente voluto portare in scena quest’opera nel 50esimo anniversario del ’68, un disco che mette in discussione le basi su cui si fonda il potere. Arrangiare “Storia di un impiegato” ha significato per Cristiano De André riportare in auge i figli della rivoluzione pacifista: l’utopia, l’anarchia, il Sogno, da una parte, il Potere, la paura, l’inabissamento delle qualità individuali a discapito delle esigenze globali, dall’altra. Come recita il testo di “Nella mia ora di libertà”: Certo bisogna farne di strada/da una ginnastica d’obbedienza/fino ad un gesto molto più umano/che ti dia il senso della violenza/però bisogna farne altrettanta/per diventare così coglioni/da non riuscire più a capire/che non ci sono poteri buoni.

“Fabrizio De Andrè: Sguardi randagi”, il nuovo libro sul cantautore genovese di Guido Harari

Pubblicato il 13 Nov 2018 alle 11:35am

A venti anni dalla scomparsa del cantautore genovese è uscito il 9 novembre scorso, in tutte le librerie, il libro fotografico “Fabrizio De André: Sguardi randagi“ (ed. Rizzoli 256 pp. 45€), il ritratto di un artista sempre presente nella vita musicale e culturale italiana, attraverso le emozionanti fotografie di Guido Harari e le parole dell’autore stesso, con la prefazione di Cristiano De André e la postfazione di Dori Ghezzi De André.

Per quasi vent’anni, l’autore del libro è stato uno dei fotografi personali di De André, realizzando molte delle sue più conosciute immagini ufficiali. In questo volume il suo archivio si schiude per la prima volta integralmente, con oltre 300 fotografie che includono non solo quelle più amate dai fan, ma anche alcune gemme inedite. Sono sguardi randagi, spesso rubati, malgrado l’ufficialità, vincendo la pigrizia o la ritrosia dell’artista. Le fotografie sono accompagnate dal racconto di ricordi, aneddoti e dalla “viva voce” di De André estratta dalle interviste realizzate dallo stesso Harari in occasione di due snodi cruciali del percorso dell’artista: la leggendaria tournée con la PFM e l’album Le nuvole. De André racconta la sua dipendenza dall’alcol, la competizione giovanile col padre e col fratello Mauro, il rapporto con la moglie Dori Ghezzi e con i figli Cristiano e Luvi, l’incontro con Fernanda Pivano e Edgar Lee Masters, l’infanzia ricomprata grazie alla nuova attività di agricoltore in Sardegna, la rivoluzione linguistica e musicale di Creuza de ma, il ritorno al “canto civile” degli ultimi dischi.

Note sull’autore Guido Harari (Il Cairo, 1952) è fotografo e giornalista musicale. Ha firmato copertine di dischi per artisti internazionali e italiani. Dopo la scomparsa di De André, gli ha dedicato tre biografie per immagini – E poi, il futuro (Mondadori, 2001), Una goccia di splendore (Rizzoli, 2007) e Fabrizio De André & PFM. Evaporati in una nuvola rock (con Franz Di Cioccio, Chiarelettere, 2008). Ha curato, insieme a Studio Azzurro, la grande mostra multimediale dedicata all’artista da Palazzo Ducale, a Genova, nel 2008-2009.

Alcuni degli scatti di Guido Harari contenuti nel libro “Fabrizio De Andrè – Sguardi Randagi” che sarà presentato:

20 novembre ore 18.30 Milano, Libreria Rizzoli, Galleria Vittorio Emanuele II 76 Parteciperanno: DORI GHEZZI, EUGENIO FINARDI, FRANZ DI CIOCCIO

28 novembre ore 18.30 Genova, Foyer del Teatro della Tosse, Piazza Renato Negri, 6 Parteciperà: MATTEO MACOR

Cristiano De Andrè, aggiunte nuove date al terzo capitolo del tour De Andrè canta De Andrè

Pubblicato il 27 Apr 2016 alle 8:31am

Aggiunte nuove date al terzo capitolo del tour di CRISTIANO DE ANDRÉ “De André canta De André”, con cui il cantautore omaggia il padre in occasione dei 50 anni dall’uscita del primo disco “Tutto Fabrizio De André”, album che già conteneva le intramontabili canzoni “La guerra di Piero”, “Via del Campo” e “Amore che vieni, amore che vai”.

Il tour “De André canta De André” (prodotto da Intersuoni Srl, divisione Booking & Management Unit BMU) prevede una data zero l’11 giugno al Teatro Comunale di Cagli (Pesaro Urbino), e a seguire le seguenti date già annunciate: il 24 giugno Cavea dell’Auditorium di Roma, il 7 luglio a Pistoia in occasione della “Notte Rossa” in collaborazione con Avis, all’interno di Pistoia Blues e il 23 luglio in Villa Arconati a Bollate (Milano).

Cristiano De André eseguirà dal vivo i brani del padre contenuti nei progetti discografici di grande successo “De André canta De André – Vol. 1” (2009) e “De André canta De André – Vol. 2” (2010) e quindici nuove canzoni non ancora rivisitate, tra cui “La Guerra di Piero”, “Via Del Campo”, “Amore che vieni, amore che vai”, “Canzone per l’estate”, “Una storia sbagliata” e “Il bombarolo”!, accompagnato da una band d’eccezione composta da Osvaldo di Dio, Davide Pezzin (Ligabue) e Davide Devito, con la collaborazione per gli arrangiamenti di Max Marcolini (Zucchero).

Ieri, martedì 26 aprile, è uscito l’autobiografia di Cristiano De André “La versione di C.” (Mondadori Electa) dove, per la prima volta in assoluto, il cantautore racconta il rapporto tormentato con il padre e con la famiglia, partendo dall’infanzia.

Alla sua V edizione anche quest’anno il MITO SettembreMusica 2011

Pubblicato il 15 Apr 2011 alle 7:24am

Anche quest’anno, torna la quinta edizione del MITO SettembreMusica 2011, il festival musicale che viene organizzato dalle città gemellate di Torino e Milano. (altro…)