genova

Genova, virus intestinale uccide i cani, proprietari in allarme

Pubblicato il 25 Gen 2019 alle 6:27am

Grande allerta a Genova per i proprietari di cani soprattutto se cuccioli. (altro…)

Dl Genova: il sindaco Marco Bucci sarà il commissario incaricato

Pubblicato il 04 Ott 2018 alle 1:33pm

Dopo una telefonata avvenuta questa mattina tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti da Palazzo Chigi arriva la comunicazione, come previsto dal ‘Decreto Genova’, di voler procedere alla nomina del sindaco Marco Bucci come commissario straordinario alla ricostruzione del ponte Morandi. (altro…)

Genova, coppia sopravvissuta al crollo del ponte Morandi annuncia prossime nozze

Pubblicato il 02 Set 2018 alle 6:02am

Dopo tredici anni di vita insieme trascorsi a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), si sono trovati a vivere una drammatica esperienza di vita, che li ha messi davanti ad una triste e durissima verità, la morte. (altro…)

Genova: Renzo Piano regala il progetto del nuovo viadotto da costruire, ecco come sarà

Pubblicato il 30 Ago 2018 alle 6:03am

“Autostrade apre il cantiere e paga il conto. Fincantieri costruisce il ponte. Renzo Piano regala a Genova il disegno di un ponte bellissimo”. Con queste parole governatore della Liguria, Giovanni Toti, che è anche commissario per l’emergenza, indica su Facebook i prossimi passi da compiere. Spiegando “così, senza polemiche, la città può riavere in fretta un’opera indispensabile, sicura e meravigliosa”. (altro…)

Gattini salvati dopo il crollo del ponte di Genova

Pubblicato il 23 Ago 2018 alle 1:15pm

Due gattini sono stati estratti vivi dalle macerie dai vigili del fuoco nel corso delle operazioni di sgombero dell’area interessata al crollo del ponte Morandi. Uno è ferito ed è stato portato in una clinica per animali. Entrambi sono già stati adottati con il nome di Brooklyn, come i genovesi chiamano il Morandi. I gattini, sono una parte della colonia che era lì. Erano rimasti intrappolati in un capannone adibito a deposito proprio sotto il pilone che è crollato. Sono stati recuperati da una squadra dei vigili del fuoco di Genova e dai colleghi di Savona. Li hanno adottati due volontarie della Croce d’Oro di Albissola che stanno prestando assistenza agli sfollati.

“Sono stati trovati intrappolati in un capannone in piena zona rossa – racconta Sara Pretin – e la mia collega e io abbiamo deciso di adottarli. Il mio sta bene, lo sto portando ad Albissola dal veterinario per le cure del caso, il fratellino è in condizioni più critiche ed è ora ricoverato in clinica a Genova. Alcuni residenti ci hanno detto che in quella zona vi era una colonia felina”.

Crollo viadotto Genova: architetto Saggio difende Morandi: “Carichi 4 volte superiori sul ponte, memoria infangata”

Pubblicato il 21 Ago 2018 alle 7:07am

Incominciano ad arrivare le prime valutazioni sul ponte Morandi di Genova collassato il 14 agosto scorso che ha fatto oltre 40 morti e feriti, quasi 700 sfollati.

Antonino Saggio, architetto e urbanista che insegna Progettazione Architettonica e Urbana all’università La Sapienza di Roma analizza la vicenda del crollo del viadotto dell’A1 sul Polcevera e dice «È vergognoso e inaccettabile che di fronte a questa tragedia si tanti di infangare la memoria di Morandi, che è stato un progettista di primissimo ordine».

«Il viadotto Morandi è un’opera progettata e collaudata per sopportare carichi almeno 3-4 volte inferiori a quelli che sosteneva: all’epoca della costruzione, era impensabile uno sviluppo del traffico su gomma come quello che poi si è avuto». Inoltre «nonostante il Politecnico di Milano avesse consigliato di predisporre sensori per controllare in tempo reale i movimenti della struttura, inviando i dati a una centrale in grado di valutarli, quest’intervento non è mai stato fatto». «Quando fu realizzato – osserva Saggio – il viadotto fu considerato un grandissimo successo tecnologico e progettuale. E voglio ricordare che l’uso del cemento armato e del cemento precompresso ed il brevetto Morandi permisero a un paese come l’Italia di costruire utilizzando molto meno acciaio, che aveva prezzi proibitivi. Qualunque struttura è soggetta a rottura, dipende dal carico che ci si mette sopra, in questo caso un carico che rimbalza creando continue sollecitazioni dinamiche». «Gli stralli – aggiunge Saggio – sono la parte più debole del ponte Morandi, tanto che negli anni ’90 alcuni furono ‘fasciatì e rinforzati e nel 2017 erano stati appaltati nuovi interventi: se fossero stati fatti, forse non saremmo qui a piangere questa tragedia». Una tragedia che «probabilmente si deve proprio al distacco di uno strallo a seguito del quale la struttura è collassata».

Ponte Morandi Genova, Autostrade si scusa: “Fondi ai familiari delle vittime, ricostruzione ponte in 8 mesi, sostegno alla città, pedaggi gratuiti”. Di Maio “Non facciamo sconti”

Pubblicato il 18 Ago 2018 alle 7:05pm

Dopo l’accelerazione del governo Conte, Lega-Cinque Stelle, sulla revoca della concessione la società Autostrade prepara la sua strategia difensiva. (altro…)

Ventenne: “Mi ha punto un insetto”, ma invece è meningite

Pubblicato il 25 Ago 2017 alle 9:51am

Era finito al pronto soccorso convinto di avere avuto una reazione allergica a una puntura di un insetto e invece si trattava di meningite. È accaduto martedì scorso, ma la conferma della diagnosi è arrivata nella tarda mattinata di ieri. (altro…)

A Genova, il dott. Nicolas Dessypris cura i denti in base al reddito e anche gratis

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 6:23am

Nicolas Dessypris è il dentista sociale, che cura in base al reddito o anche gratis, chi non può pagare.

Nicolas Dessypris esercita la professione Genova, ma dichiara con un cartello, affisso fuori allo studio: “Così come tutti abbiamo diritto di mangiare, tutti abbiamo diritto di avere i denti sani. Il mio lavoro è togliere il mal di denti, e se qualcuno non può permetterselo va aiutato”.

Ma quanto costa curarsi da lui?

Ecco gli sconti praticati in base al reddito: 10% di sconto per redditi inferiori ai 20 mila euro annui, sconto fino al 50% per quelli inferiori ai 5 mila euro.

E su Genova24.it il dentista assicura anche di curare gratis chi è senza un reddito: “Non si possono far pagare certe cifre a persone che vivono con 500 euro al mese come pensionati, disoccupati, studenti, ma non solo. Anche solo pensarlo è vergognoso. Da parecchio tempo pratico questo tipo di tariffe ma ho visto aumentare i pazienti solo dopo aver spostato il cartello fuori dal mio studio: da allora vengono in tanti, sono tutti molto poveri e quasi tutti italiani”.

Casella, palazzina a fuoco: padre, madre e figlio si gettano dalla finestra, sono gravissimi

Pubblicato il 22 Apr 2017 alle 9:57am

E’ accaduto a Casella in un appartamento di via Mandelli al civico 3.

In questa casa dormivano tre persone: madre, padre e figlio di otto anni. Sorpresi dalle fiamme hanno deciso di lanciarsi nel vuoto per mettersi in salvo, e scappare dalle fiamme e dal fumo della propria abitazione posta al secondo piano dello stabile.

L’esito è stato veramente drammatico: l’uomo e il bambino sono in condizioni gravissime. Il primo è ricoverato all’ospedale San Martino ed è in coma. Il secondo, presenta fratture e traumi multipli ed è ricoverato al Gaslini.

La donna è la meno grave, si trova al reparto ustioni di Villa Scassi di Sampierdarena.

Sul posto sono accorsi molti soccorritori: i vigili del fuoco del distaccamento di Busalla, quelli della centrale di Genova, con dispositivi autoprotettori per addentrarsi nella palazzina invasa ormai da fumo e uomini della Protezione civile.

L’edificio è completamente distrutto. Le fiamme si sono propagate da sopra a sotto, sino al tetto.

Ancora ignote le cause dell’incendio. E’ possibile, però che la famiglia abbia acceso l’impianto di riscaldamento e un malfunzionamento abbia provocato lo scoppio.

La donna pochi minuti prima aveva chiesto aiuto ai vigili del fuoco con una telefonata, dicendo: «Correte, qui brucia tutto». Quando i pompieri sono giunti sul posto, l’edificio, di due piani e con un bar al pianterreno, è crollato rischiando di travolgere i vigili del fuoco che sono riusciti appena in tempo a mettersi in salvo.

Sempre la madre, dopo aver dato l’allarme al telefono ai vigili del fuoco, avrebbe anche provato a calarsi dalla finestra con una corda, portando con sé il figlio di 8 anni, poi caduto nella discesa. Il padre, invece, successivamente, si sarebbe letteralmente lanciato nel vuoto per mettersi in salvo.

(Foto dalla pagina Facebook di Mario Cani)