gravidanza

Kate Middleton, un tatuaggio al settimo mese di gravidanza e la spontaneità che spiazza tutti

Pubblicato il 24 Feb 2018 alle 5:39am

La duchessa di Cambridge, Kate Middleton si è recata insieme al marito William in un centro multiculturale di Sunderland, dove ha stupito tutti i presenti. Nessuno, infatti, si sarebbe mai aspettato che la moglie del primogenito di Carlo e Diana, potesse infrangere ogni tipo di protocollo con tanta disinvoltura e naturalezza, facendosi fare un tatuaggio sulla mano, pur essendo al settimo mese di gravidanza.

La duchessa, infatti, dopo aver incontrato bambini e ragazzi di tutte le età, molti dei quali di origini asiatiche o africane, dopo aver visto i lavori della 18enne Shajida Begum, aspirante artista di origini asiatiche, Kate ha infatti chiesto di poter avere anche lei un tatuaggio all’henné sul dorso della mano destra.

Il tatuaggio temporaneo scelto da Kate è un fiore stilizzato in un vortice: un risultato finale decisamente apprezzato dalla moglie di William, mentre la giovane Shajida, dopo il piccolo lavoro, era ancora incredula di fronte a ciò che aveva fatto e le era stato chiesto.

Mamme over 35: il parto, meglio se a termine

Pubblicato il 01 Gen 2018 alle 7:41am

Oggi la maternità è sempre più tardiva. Ed è una realtà sempre più diffusa nel nostro Paese. La percentuale di donne che diventano mamme over 35 anni è del 33,5%. Aumentano le neomamme con più di 40 anni, che rappresentano oggi l’8% di tutte le partorienti in Italia.

Una gravidanza oltre i 40 anni comporta inevitabili rischi, sia per la mamma che per il nascituro.

Gli scienziati hanno esaminato i dati di oltre 80mila donne con più di 35 in Inghilterra scoprendo che il tasso di bimbi nati morti è di otto su 10mila per parti indotti alla scadenza del termine, mentre sale a 26 su 10mila per quelli in cui si aspetta. A ridosso del termine, alle future mamme over 35 può, tuttavia, essere consigliabile adottare alcune misure naturali per favorire l’inizio delle contrazioni: come ad esempio, massaggi, passeggiate, esercizi di acquaticità, coccole e sesso.

Le contrazioni uterine dell’orgasmo possono, infatti, aiutare ad avere il travaglio e anche il liquido seminale maschile contenente prostaglandine, aiuta ad accelerare la nascita.

Vitamina d in gravidanza, gli effetti positivi sul nascituro

Pubblicato il 11 Dic 2017 alle 7:25am

Secondo quanto emerge da uno studio condotto dai membri del The Hospital for Sick Children a Toronto, non esistono prove sufficienti per dire alle mamme di non assumere vitamina D durante la gravidanza. (altro…)

Umore postpartum, nessun beneficio dalla palcentofagia materna

Pubblicato il 04 Dic 2017 alle 7:23am

Un nuovo studio condotto dall’Università Nevada di Las Vegas mostra che l’assunzione di capsule di placenta, molto in voga fra le celebrity di diversi Stati del mondo, non ha alcun effetto benefico sull’umore postpartum, sul legame materno o sull’affaticamento. (altro…)

Nato in Usa il primo bambino da utero trapiantato

Pubblicato il 04 Dic 2017 alle 6:43am

E’ nato in Texas il primo bambino concepito negli Usa con fecondazione assistita in seguito ad un trapianto di utero. Un tipo di intervento che ha fatto il suo debutto nel 2012 a Göteborg, in Svezia, e che ha già permesso ben 8 nascite. (altro…)

Incinta dopo un tumore si può, è successo al Sant’Orsola di Bologna

Pubblicato il 03 Dic 2017 alle 7:22am

«Per la prima volta nel nostro Paese si è registrata una gravidanza spontanea in una paziente guarita da tumore che, prima di sottoporsi alla chemio e radioterapia, aveva scelto l’espianto e la crioconservazione di parte del tessuto ovarico. (altro…)

Gravidanza: dormire sul fianco all’ultimo trimestre dimezza i rischi per il nascituro

Pubblicato il 25 Nov 2017 alle 8:12am

Dormire sul fianco verso fine gravidanza dimezzerebbe i rischi per il bebè. A sostenerlo è uno studio pubblicato dal British Journal of Obstetrics and Gynaecology (BJOG) secondo cui dormire su un fianco durante l’ultimo trimestre di gravidanza dimezzerebbe il rischio che il bebè possa nascere morto. (altro…)

Kate Middleton in attesa di un parto gemellare?

Pubblicato il 21 Nov 2017 alle 7:25am

Diversi tabloid inglesi sostengono che la duchessa di Cambridge, Kate Middleton, sarebbe in attesa di un parto gemellare, due gemelle o due gemelli omozigoti. Con questa terza gravidanza la moglie del principe William raddoppierebbe dunque la royal family. (altro…)

Diabete e gravidanza, un aiuto dai pistacchi

Pubblicato il 31 Ott 2017 alle 8:13am

Secondo un recente studio condotto su donne con diabete mellito gestazionale, mangiare pistacchi aiuta a tenere sotto controllo la glicemia – i livelli di zucchero nel sangue. I risultati sono stati presentati nel corso della Academy of Nutrition and Dietetics’ 2017 Food & Nutrition Conference & Expo a Chicago.

L’aumento dello zucchero nel sangue durante la gravidanza influenza la salute della madre e anche quella del bambino.

“Il nostro studio è il primo a dimostrare che il consumo di pistacchi può aiutare le donne con diabete gestazionale a controllare i livelli di zucchero nel sangue dopo averli mangiati”, spiega Sheng Ge, autrice principale dello studio, primario e direttrice della Clinical Nutrition al Sixth People’s Hospital, Shanghai Jiao Tong University, Cina. “I risultati evidenziano che i pistacchi possono rappresentare una scelta intelligente per le donne con diabete gestazionale perché contribuiscono a gestire la loro malattia”.

A 30 donne con diabete gestazionale (tra le 24 e le 28 settimane di gravidanza), suddivise in due gruppi secondo criteri casuali, i ricercatori hanno chiesto di consumare una colazione a base di 42 grammi di pistacchi (circa 1/3 di una tazza o 1 ½ porzione) oppure di 100 grammi di pane di grano integrale (due fette) dopo il digiuno notturno. I pistacchi e il pane integrale sono stati scelti in base all’equivalenza calorica. Lo zucchero nel sangue (glicemia) e il GLP-1, un ormone chiave nella regolazione della produzione di insulina, sono stati misurati ogni 30 minuti dopo il pasto, fino a 120 minuti. Dopo sette giorni i gruppi sono stati invertiti.

Ebbene, da quanto è emerso si è scoperto che i livelli di zucchero nel sangue erano significativamente inferiori dopo il consumo di pistacchi piuttosto che di pane integrale dopo 30 minuti circa, 60, 90, e 120 minuti. Infatti, i livelli di zucchero nel sangue dopo il consumo di pistacchi erano paragonabili ai livelli di base. Inoltre, i livelli di GLP-1 risultavano essere notevolmente più alti dopo il consumo di pistacchi rispetto al pane integrale dopo 60 minuti, 90 minuti e 120 minuti.

Milano, bimba salvata in utero grazie a trasfusioni di sangue molto raro

Pubblicato il 22 Set 2017 alle 5:41am

Una gravidanza a rischio, a causa di un sangue troppo raro rischiava di danneggiare il feto, ma per fortuna è stata portata a termine grazie alla capacità di trovare quell’unico donatore in Italia con un gruppo sanguigno compatibile, grazie al quale è stato possibile fare trasfusioni di sangue direttamente in utero e salvare così la vita della nascitura. (altro…)