Milano: Moschino moda fast food, Katy Perry contestata per ritardo ma apprezzata per look egiziano

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 21 Feb 2014 alle ore 1:13pm


Ieri sera c’è stato il debutto di Jeremy Scott, stilista americano nuovo direttore creativo di Moschino che ha festeggiato prima con un parterre hollywoodiano e poi con una cena mondana.

Per lui sono giunte a Milano anche Katy Perry e Rita Ora che hanno assistito alla sfilata e partecipato insieme ad altri vip al buffet.

In passerella sono andati in scena gli abiti ironici ispirati al fast food. Partendo dai tailleur gialli e rossi con impressa la M di Moschino rivisitata in salsa McDonald passando per gli abiti da ballo con stampe groviera o cioccolata sino all’abito da sposa con le tabelle nutrizionali.

Un’ora di ritardo rispetto a quella programmata per l’inizio della sfilata e pubblico inviperito a causa della ritardataria Katy Perry. L’artista, vestita Moschino ha sfoggiato un look elegantissimo e glamour “total black”. Gonna al ginocchio molto stretta, una maglietta con logo e spolverino, con richiami in oro. E come acconciatura un bel caschetto alla Cleopatra, recentemente “rivisitato” nel video musicale di “Dark Horse” ambientato nell’Antico Egitto.

Molto raffinate anche le scarpe e la borsa. Entrambe con richiami in ora.