maggio 23rd, 2016

Anche Elisa a RadioItaliaLive – Il Concerto 2016 insieme ad altri 9 artisti di cui sono già stati svelati i nomi

Pubblicato il 23 Mag 2016 alle 2:14pm

Anche Elisa sarà tra le star di RadioItaliaLive – Il Concerto 2016 insieme ad Alessandra Amoroso, Annalisa, Benji & Fede, Alessio Bernabei, Emma, Fedez, Lorenzo Fragola e J-Ax, e tanti altri protagonisti del più grande show musicale dell’anno, in scena con due imperdibili appuntamenti live, in Piazza Duomo a Milano, mercoledì 8 e giovedì 9 giugno.

Nei prossimi giorni saranno svelati pian piano anche gli altri 9 artisti che parteciperanno a questa nuova edizione 2016.

Per Elisa la partecipazione di quest’anno a Radio Italia Live – Il Concerto sarà la seconda dopo quella del 2014 durante la quale cantò “Gli ostacoli del cuore” e “L’anima vola” da sola, e con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro “Ti vorrei sollevare” e una divertente versione di “Quel mazzolin di fiori” nel siparietto con Luca e Paolo, che condurranno lo show anche quest’anno; per vedere il video virale in cui la cantante di Monfalcone annuncia la sua partecipazione a RadioItaliaLive – Il Concerto 2016 insieme ai due conduttori, clicca qui.

Elisa ha pubblicato due mesi fa il nuovo album “On”, contenente i singoli “No Hero” e “Love Me Forever” e il featuring con Emma e Sangiorgi “Sorrido già”.

De Luca: “Ecoballe via dalla Campania dal 30 maggio. Sanità, saranno creati 1600 posti letto”

Pubblicato il 23 Mag 2016 alle 7:00am

A partire da lunedì 30 maggio, partirà il primo carico di ecoballe di rifiuti al di fuori dalla Campania. Sarà una “giornata storica, l’inizio della bonifica di tutto il territorio campano. L’inizio della soluzione del problema della Terra dei Fuochi. E l’inizio di un’altra storia nella regione, fatta di risanamento ambientale, di bonifica dei siti inquinati, di avvio di un programma di gestione dei rifiuti centrato principalemnte sulla raccolta differenziata ed impianti di compostaggio”, ha sottolineato il presidente della regione Campania, Vincenzo DE Luca.

I trasferimenti successivi avverranno il 31 maggio, l’1, 6 e 7 giugno. Intervistato da Lira Tv, De Luca ha parlato prima dell’avvio di «una nuova storia per le politiche ambientali e di una conquista di immagine di dignità e rispetto della Campania”. “Tra una decina di giorni ci sarà un altro passo importante, firmeremo contratti con le aziende che hanno vinto le gare per i cinque depuratori dell’area Nord della Campania – ha anticipato DE Luca. Nell’arco di un anno e mezzo saranno pienamente funzionati per avere un mare splendido in tutte le aree campane”.

Infine, parlando del nuovo piano ospedaliero, De Luca ha detto: “recepisce le posizioni della Regione al 90%. Nessun ospedale sarà chiuso, a differenza di quanto prevede l’unico atto amministrativo in vigore, il decreto 49 approvato dal presidente della precedente giunta regionale e dal subcommissario alla Sanità che portava alla chiusura di una decina di ospedali ed alla chiusura in particolare di tutti quelli della città di Napoli in vista della apertura dell’Ospedale del mare”.

“Avevamo posto dei vincoli ai commissari alla Sanità, il primo dei quali era la non chiusura degli ospedali. Ora aumentiamo il numero di posti letto di 1600 unità, incrementiamo di molto i posti letto per la provincia di Caserta, che era la più penalizzata, ma anche per Napoli e Salerno. Si sono evitate duplicazioni e rispettati i parametri previsti dallo Stato. A me pare un ottimo lavoro di base. Poi ci sono alcuni piccoli aggiustamenti da fare per errori materiali ma è di straordinaria importanza aver messo a punto un piano ospedaliero estremamente dignitoso e ragionevole. Vogliamo eliminare le liste d’attesa lunghissime, la mobilità passiva con 300 milioni di euro che regaliamo a Regioni del Nord per il trasferimento dei nostri malati, sviluppare reti emergenza e urgenza, e sviluppare seriamente per la prima volta la medicina territoriale. Cominceremo da subito incontri con medici di base, per non congestionare pronti soccorso, nell’ottica della tutela della salute e del risparmio”.

Autismo, gli occhi del bambino nei primi giorni di vita possono già rivelarlo

Pubblicato il 23 Mag 2016 alle 6:03am

Un’analisi degli occhi e dello sguardo dei neonati, a pochi giorni di vita, potrebbero far capire se il bambino è tendente a sviluppare la sindrome autistica.

E’ quanto è emerso da uno studio coordinato da Giorgio Vallortigara dell’Università di Trento e pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

La ricerca ha messo a confronto due gruppi di neonati. Uno ad alto rischio autismo (perché con fratelli maggiori autistici) e l’altro a basso rischio. Ebbene, i primi, a differenza degli ultimi, si è scoperto che perdono subito interesse per gli stimoli sociali, come i movimenti di una mano e il loro sguardo non resta catturato a lungo.

Il medico italiano a capo dello studio ha dichiarato all’Ansa: “Abbiamo intenzione di seguire questi bambini almeno fino al compimento del loro secondo compleanno per vedere se manifestano una qualche forma di autismo anche lieve. Il nostro potrebbe divenire un test predittivo precocissimo e quindi anche una via verso potenziali interventi precoci. I risultati finora sono molto incoraggianti”.

Salute feto, dipende dallo stile di vita del padre e dall’alcol che assume

Pubblicato il 23 Mag 2016 alle 5:02am

La salute del feto può dipendere dallo stile di vita del padre: ad affermarlo un recente studio condotto da fisiologi e biologi molecolari del Georgetown university Medical Center pubblicato sulla rivista scientifica American journal of stem cells. (altro…)