ottobre 21st, 2016

Torino, uomo di 69 pieno di debiti uccide a martellate la moglie e poi si impicca

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 11:11am

E’ accaduto questa mattina, a Torino, al civico 376 di corso Orbassano per motivi economici. In un condominio alla periferia della città, un uomo a causa dei debiti contratti ha prima ucciso la moglie a martellate e poi si è tolto la vita, impiccandosi nella sua cantina di casa. (altro…)

Catania, Valentina Milluzzo muore dopo aborto di due gemelli, medico non sarebbe obiettore

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 9:06am

Il medico accusato della morte di Valentina Milluzzo, avvenuta lo scorso 16 ottobre, dopo 17 giorni di ricovero, per complicazioni sopraggiunte, non si sarebbe dichiarato obiettore di coscienza, al contrario di quanto sostengono i parenti della donna, incinta di 2 gemelli nati morti, secondo i quali il medico non sarebbe intervenuto in quanto obiettore.

Il dato, sarebbe emerso dalle prime analisi della cartella clinica, ritenuto un fattore “importante” dalla procura di Catania che ha indagato già 12 medici.

Il fascicolo aperto dalla procura, come atto dovuto, dopo la denuncia dei familiari della donna che nella loro ricostruzione dei fatti parlano di un medico che si sarebbe rifiutato di estrarre i due feti, quando sono entrati in crisi respiratoria, perché obiettore di coscienza. Dalla procura sottolineano invece che i fatti esposta dalla famiglia dovranno essere verificati e per farlo occorrerà un’analisi attenta della cartella clinica e l’esito dell’autopsia.

“Non c’è stata alcuna obiezione di coscienza da parte del medico che è intervenuto nel caso in questione, perché non c’era un’interruzione volontaria di gravidanza, ma obbligatoria chiaramente dettata dalla gravità della situazione”, dichiara intanto il direttore generale dell’ospedale Cannizzaro, Angelo Pellicanò.

“Escludo – aggiunge – che un medico possa aver detto quello che sostengono i familiari della povera ragazza morta, che non voleva operare perché obiettore di coscienza. Se così fosse, ma io lo escludo, sarebbe gravissimo, ripeto perché il caso era grave. Purtroppo nel caso di Valentina è intervenuta uno shock settico e in 12 ore la situazione è precipitata”.

Sabato 22 Ottobre in tutta Italia “Giornata dei teatri aperti”, a ingresso libero

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 8:00am

Sabato 22 ottobre si celebra la giornata dedicata a «Teatri aperti e altri luoghi per lo spettacolo dal vivo», istituita dal ministero dei Beni Culturali. Tanti gli appuntamenti in programma in tutta Italia. (altro…)

Esce oggi ‘Non solo Leali’, il nuovo album di Fausto Leali con duetti con Baglioni, Mina, De Gregori e altri

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 7:10am

Esce oggi, venerdì 21 ottobre, “Non solo Leali”, il nuovo progetto discografico di Fausto Leali prodotto da NAR Internazional per Universal Music.

“Non solo Leali” è un disco di duetti in cui il cantautore italiano sceglie di duettare con amici e colleghi come Mina, Renzo Arbore, Claudio Baglioni, Alex Britti, Clementino, Francesco De Gregori, Tony Hadley, Massimo Ranieri, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi.

Anticipato da ‘A chi mi dice’, cover dei Blue con le parole di Tiziano Ferro interpretata con Mina, il disco dimostra un impeto che non vuole fermarsi a questo progetto. “Nel prossimo disco vorrei dedicarmi agli inediti – dice Leali, rispondendo anche alle voci sulla sua possibile partecipazione a Sanremo, ma smentendo al momento una sua candidatura – Sono sempre un po’ spaventato quando girano voci su Sanremo, ma abbiamo un pezzo fortissimo e sarei molto felice di andarci. Sarò onesto, un Sanremo con la canzone giusta mi farebbe anche comodo”.

Succo di Mela, un valido rimedio naturale contro il tumore

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 6:20am

Il succo di mela è considerato un valido antitumorale naturale, parola di esperti. Le sue proprietà sono state studiate diverse volte da parte della ricerca. E anhce un detto antico dice: “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. Ora, invece, grazie ad uno studio condotto dal Consiglio nazionale delle ricerche (Isa-Cnr) in collaborazione con il Dipartimento di chimica e biologia dell’Università di Salerno è possibile capire in quale modo esso agisca sulle cellule cancerose. (altro…)

Emis Killa risponde sui suoi social alle accuse di istigazione alla violenza sulle donne per il brano “3 messaggi in segreteria”

Pubblicato il 21 Ott 2016 alle 5:45am

Il rapper Emis Killa si è difeso con queste parole sui suoi canali social in risposta alle accuse di istigazione alla violenza sulle donne per il lancio del brano “3 messaggi in segreteria” (contenuto nell’ultimo disco “Terza stagione”):

Emis Killa istiga al femminicidio? Ora che ho la vostra attenzione leggete le righe che seguono. In questi giorni sta andando tutto bene, gli instore procedono e il disco sta piacendo molto, però sta succedendo anche altro. Si parla di “3 messaggi in segreteria”, e certi lo fanno come se istigasse alla violenza sulle donne. In questa canzone racconto di un ragazzo che perde la testa per la ex fidanzata e decide di ammazzarla. Lo racconto dal punto di vista, malato, di chi ammazza. E’ il mio modo per sensibilizzare e denunciare il femminicidio. Ho scelto un metodo brusco, diretto, cattivo, e soprattutto in prima persona, perché so che è il più efficace e mi appartiene, e infatti si sta alzando un polverone, che è quello che mi aspettavo, per poter porre l’attenzione su uno degli aspetti più brutti di questa società. Come artista è mio privilegio e mio compito raccontare storie e far pensare chi mi ascolta. Quando creo canzoni creo mondi, a volte colorati, a volte crudi. Nelle canzoni racconto la realtà, che a volte è orribile, a volte è sbagliata, ma mai possiamo far finta che non esista. Ho corso di proposito il rischio di essere frainteso perché il mio richiamo alla riflessione e alla consapevolezza non passasse inosservato, e l’ho fatto coi modi e le parole che sono mie. Nella conferenza stampa di presentazione l’avevo spiegato ai giornalisti e il senso e lo spirito del mio pezzo era stato ben compreso. Spero che un brano così forte spinga soprattutto i più giovani e chi ignora questi fatti a farsi due domande e a non ignorarli. Non temo assolutamente che qualcuno pensi ad emulare il personaggio che interpreto, sarebbe come temere che chi legge gialli poi diventasse un serial killer. Amo e rispetto l’universo femminile a cui credo di aver dedicato belle parole nel corso della mia discografia; ci sta che qualcuno abbia frainteso lo spirito del brano, ma a volte una nota stonata spicca più delle altre in mezzo all’armonia. Un saluto a tutti. Emis Killa”