insonnia-e-gene-dei-gufi

Chi non va mai a letto presto e la mattina fatica ad alzarti potrebbe avere nel suo Dna un gene chiamato dei ‘gufi’, che ‘rallenta’ l’orologio interno, spostando in avanti il ciclo sonno/veglia.

A rivelarlo è una ricerca condotta dalla Rockefeller University e pubblicata sulla rivista scientifica Cell, che individua il difetto genetico (mutazione) a carico del gene ‘CRY1’. A molte persone con l’indole da ‘gufo’ viene ‘riconosciuto’ un vero e proprio disturbo del sonno, definito negli Stati Uniti come ‘Disturbo della fase del sonno ritardato’.

Gli esperti hanno osservato un gruppo di volontari rimasti ‘chiusi’ per due settimane in appartamenti-laboratorio in cui nessuno aveva accesso a informazioni sull’ora del giorno o della notte, per cui tutti si trovavano ad affrontare 24 ore, compresa la cadenza dei pasti, seguendo semplicemente i propri ritmi naturali.

Ebbene è emerso che, quasi tutti i volontari sotto osservazione mantenevano cicli sonno-veglia e orari dei pasti piuttosto normali, tranne una persona cui era stato precedentemente diagnosticato il disturbo di fase del sonno ritardato, che tendeva ad addormentarsi e svegliarsi tardi al mattino.

I ricercatori analizzando il suo DNA hanno scoperto che era presente proprio la mutazione a carico del gene ‘CRY1’, già noto per la sua influenza sui ritmi sonno/veglia (circadiani) dell’organismo.

Gli esperti hanno quindi consultato database genetici e hanno trovato altri individui portatori della stessa mutazione, calcolando così che questa è piuttosto frequente, presente nel DNA di una persona ogni 75.

Le prossime ricerche saranno incentrate su possibili terapie per risolvere tale problema genetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.