Artrite reumatoide, una nuova scoperta

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 23 Dic 2019 alle ore 6:48am

L’artrite reumatoide, malattia infiammatoria cronica autoimmune che colpisce preferenzialmente le piccole articolazioni delle mani e dei piedi portando a erosioni ossee e a deformazioni articolari con importante dolore e impotenza funzionale, secondo un recente studio, condotto dai ricercatori dell’università di Genova, guidati da Antonio Puccetti, e dell’università di Verona, guidati da Claudio Lunardi e Marzia Dolcino, e pubblicato sulla prestigiosissima rivista ”Cells”, si è fatto un importantissimo passo in avanti.

In una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, Marzia Dolcino spiega che ”La molecola identificata dal team ossia l’RNA non codificante RP11-498C9.15, rientra tra questi meccanismi epigenetici, essendo in grado di modificare l’espressione di geni che sono coinvolti nella patogenesi della malattia”.

”I meccanismi epigenetici rappresentano un collegamento fra i fattori genetici e ambientali e concorrono in modo fondamentale alla patogenesi di moltissime malattie – prosegue Dolcino – La genetica convenzionale (cioè lo studio dei geni codificanti, che portano alla sintesi di una proteina) non è in grado di spiegare l’origine delle malattie autoimmuni/neoplastiche.”.