Spread the love

Secondo una recente ricerca scientifica,  commissionata dall’Ente Filantropico Gomitolorosa alla Fondazione Ircss Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, il lavoro a maglia o a uncinetto fa benissimo al cervello. Ferma l’ansia e i pensieri negativi, aumenta il livello di attenzione verso l’attività specifica.

Un hobby che appassiona sempre più persone, per il senso di benessere che emana  l’abitudine di cimentarsi con aghi e crochet, non ultima la soddisfazione, a lavoro ultimato, di aver creato qualcosa di bello e utile per sè o per gli altri.

Alberto Costa, oncologo senologo riconosciuto a livello internazionale e presidente di Gomitolorosa, partecipare a una seduta di lavoro a maglia di una ventina di minuti prima di sottoporsi a una terapia o a un colloquio onclogico con un medico porta  4 benefici, molto importanti:

1: promuove la consapevolezza delle pazienti e consente loro di comprendere più a fondo la propria salute, la malattia e le opzioni di trattamento;
2: aumenta l’aderenza al trattamento. Quando i pazienti sono coinvolti attivamente nelle decisioni riguardanti la propria salute, sono più propensi a seguire le indicazioni mediche e a impegnarsi in modo proattivo nei percorsi di cura;
3: migliora la qualità della cura. Pazienti informati e coinvolti possono collaborare in modo più efficace con i professionisti sanitari;
4: riduce l’ansia e la paura. Con una maggiore conoscenza e controllo sulla propria situazione di salute, i pazienti possono ridurre l’ansia e la paura associate alla malattia, migliorando il loro benessere emotivo complessivo”
.

ph credit dal web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.