benefici

Magnesio, un alleato per le funzioni vitali

Pubblicato il 18 Set 2020 alle 6:00am

Il magnesio è un minerale essenziale per le nostre attività quotidiane.

Secondo gli scienziati, ogni adulto ha bisogno di circa 350-400 mg di magnesio al giorno, una quantità non elevata, ma molto spesso insufficiente al nostro organismo, con problemi che possono subentrare di diversa natura.

Ma quali sono le virtù benefiche del magnesio?

– prevenire il diabete; – riduce gli zuccheri nel sangue; – rinforza le ossa; – tonifica il sistema muscolare e nervoso; – calma l’ansia e il nervosismo; – stabilizza il ritmo del cuore; – allontana l’arrivo dell’osteoporosi.

Quali sono gli alimenti più ricchi di questo minerale?

I cibi più ricchi di questo minerale sono: legumi, spinaci, mandorle, banane, cioccolata fondente, semi di girasole, cereali, soia e barbabietole. Un accorgimento importante è quello di non cucinare questi cibi a temperature troppo elevate per evitare di disperdere le sostanze nutritive contenute in esso. Ecco perché il magnesio è così fondamentale per le nostre funzioni vitali e va comunque assunto con una certa costanza, magari anche come integratore alimentare.

Cane, per un quarto degli italiani è come un figlio

Pubblicato il 31 Ago 2020 alle 6:26am

Il 26 agosto scorso si è celebrata la Giornata Internazionale del cane. Ebbene, secondo l’ultimo Rapporto Assalco Zoomark 2020, i cani presenti nelle famiglie italiane sono circa 7 milioni e decine di sociologi e esperti del mondo animale sono pronti a sottoscriverne gli effetti positivi dai più piccoli agli over 65.

Come emerge dallo studio condotto da Swg per Ca’ Zampa – il primo Gruppo in Italia di Centri per il benessere degli animali domestici presenti alle porte di Milano, Cremona, Udine e Mestre – il cane è un affetto molto importante sia per il 37% degli intervistati che è considerato come un figlio; che per la generazione Z (ove si raggiunge il 51%) e gli abitanti del Nord Est Italia (41%). Secondo il 17%, ci si sente persino più compresi dai propri animali che da figli (12%), amici (10%) e genitori (9%) e per quasi 8 proprietari su 10 (75%) che meritano soltanto il meglio soprattutto sotto il profilo alimentare (84%).

Benefici che si registrano già sui bambini, come dimostra lo studio di Fondazione Affinity da cui emerge che il 54% dei bambini afferma che il loro animale preferito è proprio il cane. Il 92% ritiene che donino amore più di ogni altro animale e il 60% ritiene che l’amico a quattro zampe aiuti ad amare e rispettare di più le persone. Lo stesso dicasi per gli over 65, 9 su 10 ammette che vivere con un animale domestico in casa migliori anche la vita. Ha un impatto positivo sull’umore e sulla salute in generale: riduce la solitudine ed aumenta quella di serenità e, secondo quanto rilevato da Il Centro Studi Senior Italia, i possessori di cani pare abbiano il 57% in più di probabilità in più di svolgere attività fisica rispetto a chi non ha animali domestici in casa. Tanto che gli anziani che vivono con un cane sono più in forma e dimostrano 10 anni in meno.

Daikon, perché mangiarlo

Pubblicato il 24 Ago 2020 alle 6:00am

Il daikon è un ortaggio tipico dei mesi invernali, è conosciuto anche come ravanello cinese. Ha un profilo nutrizionale veramente molto sorprendente. Descriverlo significa chiamare in causa la presenza di vitamina C – in un etto di prodotto ne troviamo circa 220 mg – ma anche il contenuto di vitamine del gruppo B, fondamentali per il buon funzionamento del metabolismo.

Ma non solo… Il daikon contiene anche vitamina K, il cui apporto aiuta la coagulazione del sangue.

Esperti del gruppo Humanitas, sostengono che mangiare daikon aiuti a tenere sotto controllo l’assorbimento del colesterolo nel sangue. Inoltre, il ravanello cinese sarebbe anche in grado di aiutare l’intestino a mantenersi puntuale. In quanto, in questo ortaggio sono presenti un gran numero di fibre.

In 100 grammi di daikon è possibile trovare circa 1,5 grammi di questi preziosissimi nutrienti.

Esercizio fisico con notevoli effetti positivi sull’”orologio” del nostro organismo

Pubblicato il 02 Lug 2020 alle 6:00am

Bastano semplicemente 60 minuti di esercizio fisico intenso per spostare il cosiddetto “orologio corporeo”, alla base degli importanti ritmi circadiani, nei topi secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Physiology.

I nostri ritmi circadiani sembrano esistere in tutte le cellule del nostro organismo e sono sensibili, per esempio, alla luce solare e ai momenti della giornata durante i quali mangiamo, dormiamo, ecc.

La ricerca scientifica condotta dall’Università della Florida, ha scoperto che gli orologi presenti nei muscoli dei topi risultavano essere molto sensibili rispetto alle informazioni rilevate dalle contrazioni muscolari nel corso dell’esercizio fisico.

Il che significa, dicono i ricercatori americani, che la stessa attività fisica è un segnale per impostare gli “orologi” dei muscoli.

“Questa ricerca è davvero importante perché evidenzia l’effetto che l’esercizio fisico può avere sugli orologi del nostro corpo. Se questo è replicato nell’uomo, significa che i lavoratori del turno di notte possono usare l’esercizio per aiutare a spostare i loro orologi del corpo. Potremmo anche essere in grado di usare l’esercizio come trattamento per un “disturbo dell’orologio corporeo” che può verificarsi in molte malattie croniche come ad esempio le malattie cardiache”, spiega Christopher Wolff, primo autore dello studio.

Uva spina, alleata della salute per fare il pieno di antiossidanti

Pubblicato il 22 Giu 2020 alle 6:50am

L‘uva spina è un frutto caratterizzato da benefici con un basso contenuto di calorie. Quando si parla dei motivi per cui l’uva spina è portentosa per la salute, è importante citare la ricchezza in fibre sia solubili, sia insolubili.

Un’equipe della Tufts University di Boston sostiene che in caso di regimi alimentari caratterizzati da un apporto energetico non regolare, con un consumo di fibre pari a 14 grammi al giorno per due giorni si assiste a una riduzione dell’apporto calorico del 10% circa e a un calo ponderale di circa 1,9 kg in un lasso di tempo di 3,8 mesi.

L’uva spina oltre ad essere ricca di vitamina C ed E, antiossidanti, e per il benessere della nostra pelle, è pure una fonte di antociani, pigmenti naturali il cui apporto è cruciale per il mantenimento dell’efficienza visiva e per la salute delle vie urinarie.

Per sfruttare al massimo le proprietà dell’uva spina, è meglio consumarla cruda. Questo delizioso frutto si può assumere in diversi modi. Tra questi è possibile ricordare la sua integrazione alle insalate, per guarnire torte, dolci, in aggiunta allo yogurt greco. Prima di introdurla nella dieta, è in ogni caso opportuno contattare il proprio medico curante.

Perché mangiare insalata fa bene alla salute, soprattutto tutti i giorni

Pubblicato il 17 Giu 2020 alle 7:28am

Un’insalata, anche ricca, è quello che ci vuole sopratutto in estate. E’ una verdura primaria, non solo, perché riesce a donare un senso di sazietà, ma anche perché è un valido aiuto per la nostra linea. (altro…)

Rodiala, protegge il cervello, abbassa la glicemia e previene i tumori

Pubblicato il 16 Giu 2020 alle 7:07am

La rodiola, erba caratterizzata da benefici che vale la pena analizzare e conoscere, tra le tante proprietà aiuta il nostro organismo a superare meglio lo stress. E’ conosciuta infatti, anche per la sua capacità di alleviare gli effetti dell’affaticamento mentale. (altro…)

Bagno di salute con il sale grosso

Pubblicato il 14 Giu 2020 alle 6:32am

Il sale oltre al tradizionale uso in cucina, può essere impiegato anche per curare la pelle, trattamenti estetici.

Senza andare a parlare di sali speciali come quello del Mar Morto, le cui proprietà sono note a tutti, il semplicissimo sale grosso è salutare contro lo stress. Basterà infatti mettere un paio di pugni di sale grosso nel bagno caldo per:

– scaricare stress e ansia – ricevere sollievo alla cervicale – combattere i reumatismi – alleviare la lombalgia il mal di schiena – guarire contratture, distorsioni e contusioni

Il sale utilizzato in cucina, può aiutare a combattere:

– mal di gola facendo di gargarismi col sale sciolto in acqua tiepida – sostituire i collutori, utilizzandolo per sciacquare le gengive ed eliminare i batteri – annientare le tanto antipatiche afte della bocca e disinfettare il cavo orale dalle ferite gengivali – regolare il transito intestinale e combattere la stitichezza – smuovere il catarro dalle vie respiratorie attraverso delle inalazioni saline – migliorare il livello di respirazione e aiutare i polmoni grazie al suo iodio.

Fondi del caffè per combattere obesità, diabete e ictus

Pubblicato il 05 Giu 2020 alle 6:30am

I fondi del caffè se aggiunti al cibo servono ad aiutare a combattere l’obesità e il rischio di diabete, di ictus e di malattie di cuore. Una nuova ricerca di scienziati biomedici dell’University of Southern Queensland, in Australia, dice che i fondi del caffè per il loro potenziale rappresentano un alimento funzionale e un cibo che possa prevenire o invertire l’insorgenza di malattie.

La ricerca, pubblicata sulla rivista di scienza biomedica Usa FASEB e guidata dal professor Lindsay Brown della Scuola di Salute e Benessere dell’università stessa, si basa su sperimentazioni su topi maschi, alimentati con una dieta ad alti contenuti di carboidrati e di grassi per quattro mesi, supplementata negli ultimi due mesi con un 5% di fondi di caffè.

«I topi hanno ingerito grandi quantità di fruttosio, di latte condensato e di grassi saturi e di conseguenza sono diventati obesi, hanno contratto alterata tolleranza al glucosio e danni cardiovascolari ed epatici – tutte condizioni che si verificano anche sugli umani», scrive Brown. «Quando abbiamo somministrato i fondi di caffè, dopo otto settimane abbiamo visto tornare la pressione sanguigna al normale e il miglioramento della steatosi epatica. Abbiamo anche esaminato i batteri intestinali correlandoli alla riduzione in obesità e al miglioramento nella tolleranza al glucosio e nella pressione sanguigna sistolica».

Brown riferisce di aver iniziato a testare la dieta su sé stesso. Raccomanda di asciugare i fondi di caffè in forno a 60 gradi per un’ora o due e di aggiungerli all’impasto del pane o di dolci. «Non si noteranno cambiamenti immediati, ma è probabile col tempo una riduzione dell’obesità e un miglioramento dell’ipertensione sanguigna», scrive.

L’acqua di cannella, perché fa tanto bene alla salute

Pubblicato il 13 Mag 2020 alle 6:24am

L’acqua di cannella fa tanto bene alla salute, in quanto è ricca di un principio attivo, chiamato MHCP. Un composto solubile di acqua e polifenolo, che si comporta come l’insulina attivandone i recettori e agendo in sinergia con l’ormone che, nelle cellule, metabolizza il glucosio. Bere acqua di cannella per due settimane, riduce il livello di zucchero nel sangue del 20%. (altro…)