raggi Uva

Creme solari, come scegliere il fattore protettivo giusto

Pubblicato il 12 Lug 2016 alle 7:44am

La maggior parte delle persone ritiene che applicare sulla pelle una protezione solare significhi non abbronzarsi, cosa assolutamente sbagliata.

Per le persone che hanno una carnagione olivastra o tendenzialmente scura è preferibile utilizzare un solare con protezione alta (30-50), ma di applicare un solare che abbia un fattore protettivo spf 15, per poi ridurlo nel tempo, nelle giornate di esposizione al sole.

Il fattore spf, cioè il fattore di protezione solare, viene consigliato in base al tipo di carnagione a ognuno di noi e varia dal spf 6 al 50+. Chi dovesse applicare una protezione spf 50+ fa più fatica sicuramente ad assumere un colorito ambrato.

Gli effetti positivi dell’uso dei solari sono certamente la colorazione più rossastra o ambrata della propria carnagione, i non fastidi alla pelle, scottature ecc.

Il solare deve essere applicato 20 minuti prima dell’esposizione in modo tale che il prodotto penetri e faccia il suo effetto, poi dovrà essere applicato dopo ogni bagno, con la frequenza di 2/3 ore per riattivare la protezione.

In commercio troviamo diverse tipologie di solari: spray, vapo, latte, in crema, in gel, in consistenza acquosa, contenenti diverse sostanze anche attivatori di melanina, fattori fisici e chimici, contro i raggi UVA e UVB, acceleratori di abbronzatura, lenitivi, opacizzanti.

Ma come scegliere il solare migliore?

1) Se avete una pelle normale e di colorito medio, gli esperti consigliano di prendere un solare con spf almeno 25-30 che vi permetterà di proteggervi e di abbronzarvi allo stesso tempo.

2) Scegliete un solare che implichi protezione UVA e UVB che protegge sia dai raggi che si fermano solo sull’epidermide sia su quelli che penetrano più in profondità.

3) Applicate il solare anche in viso perché è una delle parti più esposte e delicate del corpo, che tende ad invecchiare prima.

4) Acquistate un solare senza parabeni e siliconi che non vi otturi i pori della pelle e che non vi provochi altri disturbi.

La manicure fatta con il gel potrebbe essere cancerogena

Pubblicato il 07 Mar 2013 alle 1:15pm

Una manicure con il gel e un fornetto per fissarlo alle unghie, secondo Chris Adigun della School of Medicine di New York, autore di un recente studio dedicato alla ricostruzione delle unghie, potrebbero essere rischiosi per la pelle, e causa di cancro. (altro…)

I consigli per un’abbronzatura perfetta

Pubblicato il 25 Apr 2011 alle 8:37am

Per ottenere un’abbronzatura perfetta, seguite alcuni semplici ma basilari consigli. (altro…)