Milkshake, primo lavoro in studio del batterista e polistrumentista Stefano Pisetta

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 31 Dic 2015 alle ore 7:45am

Stefano Pisetta

Si intitola “Milkshake” il primo lavoro in studio di Stefano Pisetta, uscito lo scorso 15 dicembre 2015 su etichetta label Stivo Records.

milkshake stefano pisetta

Un album di dieci tracce scritte, arrangiate e suonate dal batterista e polistrumentista di Trento. Registrato presso il NIVA studio di Ivan Benvenuti, frutto di un lungo lavoro e di un’elaborazione creativa capace di dar respiro alle differenti influenze musicali di cui il musicista si nutre da anni.

milkshake stefano pisetta cd

Il groove del funk, una primaria fonte di ispirazione nello stile estetico e batteristico di Pisetta. Una componente jazzistica con cui il musicista si è confrontato nel tempo sviluppando un incessante dialogo tra diverse modalità espressive che la compongono e caratterizzano.

Ritmi, atmosfere, armonie ispirate a libertà creative della musica d’oltreoceano che si fondono e si amalgamano in una grande passione e un complesso impianto melodico del linguaggio pop più recente, al punto da rendere le linee soliste dell’album come un incessante scambio di accattivanti lirismi ed espressività quanto mai ricercate.

Brani che accompagnano l’ascoltatore in un viaggio musicale che sa raccontare la versatilità del musicista e il suo bisogno di fuggire da etichette stereotipate.

Di grande rilievo alcune collaborazioni, prestigiose quelle di tre grandi chitarristi del panorama musicale italiano: Andrea Braido, a cui Pisetta deve molto e con cui ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica pop italiana a partire dalla tenerissima età, Piero Fabrizi e Paolo Gianolio, due grandi musicisti e direttori musicali con cui Pisetta ha collaborato nel corso degli anni, che hanno lasciato in questo album un’importante impronta della loro espressività.

E ancora, l’intenso basso di Franco Testa, noto musicista italiano del jazz e del pop, la tromba di Marco Brioschi, apprezzato musicista con cui Pisetta ha condiviso un’importante fetta della propria carriera musicale e la splendida voce di Sara Picone, vocalist ed insegnante di canto trentina, che cui Pisetta collabora da diversi anni.

L’album «Milkshake» è disponibile in formato fisico (acquistabile sui siti stefanopisetta.com, Stivorecords.com, Amazon.it), in download digitale su ITunes e Amazon.com e in streaming su Spotify e Deezer.

Al batterista – polistrumentista Stefano Pisetta abbiamo chiesto:

In che modo ti sei avvicinato alla batteria?
Mi sono avvicinato grazie a mio padre che è sempre stato un musicista semi professionista. Già dall’età di 6 anni ho respirato musica in casa ascoltando Beatles, Eagles, Simon and Garfunkel, Beach boys, più tardi i Pink Floyd e i grandi jazzisti della storia. Seguivo mio padre nei suoi concerti e mi sono appassionato da subito alla batteria. Osservavo da vicino il suo batterista e a casa cercavo di imitare ritmi e movimenti.

Hai all’attivo interessanti collaborazioni con Mina, Fiorella Mannoia, Claudio Baglioni, Maria Schneider, Carla Bley, Steve Swallow.
Come ti prepari?

Cerco di prepararmi studiando tanto sullo strumento, fino ad arrivare ad una conoscenza dei brani, possibilmente a memoria. Conoscere bene il repertorio che si andrà ad eseguire è per me di vitale importanza. Mi permette di affrontare i concerti con più sicurezza per poter dare sempre il massimo in termini di risultato.

A breve sarai impegnato con Claudio Baglioni e Gianni Morandi nel gruppo di 21 polistrumentisti che li seguirà in ‘Capitani Coraggiosi – Il tour’.
Cosa ci racconti di questa esperienza?

E’ un’esperienza bellissima. Sono su di un grande palco con gli altri musicisti. Condividiamo i repertori di due grandi artisti della musica italiana. Tre ore intense di energia, musica e spettacolo. L’intesa tra Claudio e Gianni è pazzesca.

Cosa farai subito dopo? Hai già qualche progetto per il futuro?
Sarò impegnato in ambito didattico. Infatti, da mesi sono coordinatore del dipartimento Popular Music del Conservatorio “F. A. Bonporti” di Trento. In questa sede insegno batteria pop e musica d’insieme. Artisticamente seguirò le promozioni del mio disco Milkshake. Mi piacerebbe tanto, in futuro, portare i brani del disco dal vivo e suonarli con altri musicisti.